Scotland (Brandywine Global-Legg Mason): “Il gap tra ricchi e poveri è il vero problema di Europa e Usa”

A
A
A

L’analisi sui mercati di due esperti del gruppo Legg Mason

Francesca Vercesi di Francesca Vercesi8 novembre 2017 | 10:59

A proposito di Europa e resto del mondo? «Sono un ottimista. Il 2017 è stato il migliore anno da tanto tempo e penso che anche il 2018 non sarà da meno. Sarà difficile vedere un anno migliore di questo ma ancora per un po’ la prospettiva continua a essere positiva. Del resto i dati economici negli Stati Uniti sono robusti e in Europa sono in crescita. A questo vanno sommati il venir meno del rischio politico nel Vecchio Continente e le buone performance delle Borse a livello globale». A parlare alla stampa a margine del Fixed Income Day tenutosi a Milano a palazzo Parigi organizzato da Legg Mason è Francis Scotland, direttore della ricerca globale macro di Brandywine Global (gruppo Legg Mason). Continua Scotland: «il problema, oggi, di qui e di là dell’Atlantico è l’enorme gap tra ricchi e poveri. Rispetto agli anni passati, ci siamo allontanati dall’austerità e il sentimento populista è sotto controllo ma la classe media non si sente di partecipare alle grandi decisioni della politica. Le cose andranno meglio solo se si darà il via a un vero e proprio processo di riforme e di tagli delle tasse. La direzione da prendere è questa, dalla Francia alla Svezia, dalla Germania all’Italia». Ecco, l’Italia. Secondo l’esperto, il Paese si trova davanti a un «serio processo di cambiamento». Il problema, però, è che «continua a non essere competitivo. Di certo sono necessari, quanto prima, una seria e definitiva politica di gestione dell’immigrazione, di riduzione del costo del lavoro e di deregolamentazione. La Bce sta lavorando pro-Italia: Draghi è stato molto aggressivo nelle politiche monetarie non convenzionali e questa è una grande opportunità, in primis per ricapitalizzare le banche italiane e per mettere in atto nuove forme di regolamentazioni, che dovrebbero essere al contempo più efficienti ma più snelle».

 

E sul fronte dei mercati? Afferma Scotland: «tutto sta diventando più costoso. Se torniamo al passato, alla crisi del debito, i prezzi erano bassi perché tutti erano preoccupati. Il mercato ora è piuttosto positivo sul futuro ma le buone notizie sono già nei prezzi. Non ci sono quindi tante opportunità come nel passato e comprare il debito sovrano europeo ha poco senso dato che la maggior parte dei rendimenti continua a viaggiare in territorio negativo. Quella che invece va valutata è la duration». Conclude Andrew Belshaw, responsabile degli investimenti a Londra di Western​ Asset (gruppo Legg Mason): «siamo positivi sul debito dei paesi emergenti, anche in valuta locale, in particolare su Messico e Brasile. Le ragioni di scambio del Paese sono migliorate notevolmente, il nuovo regime più aperto ai mercati sta promuovendo diverse riforme e, soprattutto, il Paese è interessato da un trend disinflattivo abbastanza forte. Il problema sarà capire come reagiranno quando la Bce interromperà la politica di Qe. Ma fino a quel momento su alcuni Paesi emergenti c’è solo da essere positivi». Anche sulla Cina c’è un segno più davanti. Precisa Francis Scotland: «il progetto ‘One belt one road’, altrimenti detto Nuova via della Seta, iniziativa strategica della Cina per il miglioramento dei collegamenti e della cooperazione tra paesi nell’Eurasia è macroscopico e portatore di un’enorme quantità di soldi, anche se costerà moltissimo. Si parla di circa 4 trilioni di dollari ma la forza della Cina è la loro estrema produttività. Il Paese, secondo noi, continuerà a crescere con forza».

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Degroof Petercam Am punta sulla finanza sostenibile

Il fondo sulle obbligazioni corporate societarie europee Investment Grade ora ha il nuovo nome DPAM ...

Assogestioni, Ubi Banca scatta in testa a ottobre

Il gruppo ha registrato una raccolta di 2.373 milioni di euro nel mese, seguito a distanza da Amundi ...

Cattolica, il nuovo piano punta sul bancassurance

Dopo gli accordi con Ubi e Iccrea la compagnia punta anche sulla partnership con BancoBpm ...