Anima, raccolta e utile positivi nei primi tre trimestri

A
A
A

L’utile ante imposte ha raggiunto i 111,5 milioni di euro (in aumento di circa il 5% rispetto ai 105,8 milioni di euro dei primi nove mesi del 2016), mentre l’utile netto si è attestato a 78,3 milioni di euro (+24% sui 63,3 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno scorso).

Chiara Merico di Chiara Merico10 novembre 2017 | 13:08

RACCOLTA POSITIVA – La raccolta netta del gruppo Anima nei primi nove mesi del 2017 è stata positiva per circa 2,5 miliardi di euro; il totale delle masse gestite a fine settembre ha superato i 76 miliardi di euro (+7% a fronte dei 72,7 miliardi di euro a fine dicembre 2016). Per quanto riguarda le grandezze economiche, le commissioni nette di gestione hanno raggiunto i 157,0 milioni di euro (in calo del 2% rispetto ai 159,9 milioni di euro dei primi nove mesi dell’anno scorso). Nel corso dei primi nove mesi dell’esercizio le commissioni di incentivo sono state pari a 4,5 milioni di euro (in lieve calo rispetto ai 5 milioni di euro dei primi nove mesi del 2016). Considerando queste ultime e gli altri proventi, i ricavi totali si sono attestati a 178,7 milioni di euro (in calo dell’1% sui 181,1 milioni di euro dei primi nove mesi dell’anno scorso). I costi operativi ordinari sono stati pari a 48,5 milioni di euro, in linea con i 48,3 milioni di euro dello stesso periodo del 2016.

UTILE IN CRESCITA – L’utile ante imposte ha raggiunto i 111,5 milioni di euro (in aumento di circa il 5% rispetto ai 105,8 milioni di euro dei primi nove mesi del 2016), mentre l’utile netto si è attestato a 78,3 milioni di euro (+24% sui 63,3 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno scorso). L’utile netto normalizzato (che non tiene conto di costi o ricavi straordinari e degli ammortamenti di intangibili a vita definita relativi alla cosiddetta “purchase price allocation”) è stato pari a 90,4 milioni di euro nei primi nove mesi dell’anno (circa +3% sui 87,8 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno scorso).La posizione finanziaria netta al 30 settembre 2017 risulta positiva per 224,1 milioni di euro, (192,9 milioni di euro alla fine dell’esercizio 2016). “Ci avviamo a chiudere un 2017 per noi ricco di sfide, nel quale siamo stati in grado di rafforzare il nostro ruolo di operatore indipendente leader in Italia proseguendo il nostro percorso di crescita sia organica che tramite acquisizioni. Siamo convinti che il nostro business model di operatore multi-partnership ci offrirà ulteriori opportunità di sviluppo e per questo guardiamo con rinnovato impegno e fiducia al 2018”, ha commentato Marco Carreri, amministratore delegato di Anima Holding S.p.A.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, a ottobre raccolta col segno meno

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Anima, i Pir trainano la raccolta ad agosto

Anima conquista Aletti Gestielle

Anima, offerta in vista per Aletti Gestielle

Anima, nel primo semestre corre la raccolta

Anima-Aletti Gestielle, prove tecniche di terzo polo

Anima, Colombi entra nel board

Anima, più raccolta con il retail

Fondi, nasce un gigante italiano

Pir a tutto tondo, Widiba e Anima ne parlano a Milano

Poste Italiane stacca il dividendo, resta sotto i riflettori

I Pir spingono la raccolta di Anima

Anima, raccolta in ripresa anche ad aprile

Anima, Melzi d’Eril nominato direttore generale

Anche Mps punta sui Pir, con un fondo di Anima

Anima in testa nella Pir selection di Banca Imi

SdR 17, Gatti (Anima): “Il valore del brand nel risparmio gestito”

Anima, raccolta di marzo a 267 milioni

Anima, analisti positivi dopo il riassetto

Anima ridisegna l’assetto organizzativo

Anima, la raccolta cresce ancora nel 2016

Anima prende Di Naro da Esperia

Anima, risultati a due facce

Giverso (Anima): “Dall’e-learning ai nuovi spazi: ecco le novità di Accademia Anima”

Aletti Gestielle, salgono le chance di una vendita ad Anima

Anima, nozze in vista con Aletti?

Pir, le strategie delle banche e delle reti

Anima, frena la raccolta ma crescono le masse

Sul mercato il primo Pir italiano

Pir, le società di gestione pronte a lanciarli

Ferrari (Mediobanca): “Ipotesi fusione per Anima”

Anima, la produzione cala di 140 milioni

Ti può anche interessare

Troppi derivati, multa della Consob ad Advam Partners

Sanzioni per 98mila euro complessivi ai danni di diversi esponenti aziendali. L'authority riconosce ...

Jürgen Mahler entra in Astor sim

Il manager austriaco (ex-Oddo Meriten Am) entra in forze come nuovo responsabile del business develo ...

Nasce Bnp Paribas Asset Management

BNP Paribas Investment Partners ha svelato il suo piano strategico per il 2020 con l'adozione del ma ...