Comgest: emergenti, la Cina continua a guidare i cambiamenti

A
A
A

Oggi la Cina è il più grande mercato globale per la vendita di robot, presenta il maggior numero di utenti internet mondiale, è terza per domande di brevetto, conta il dato più alto di laureati di università STEM ed è il principale esportatore di prodotti ad alto valore aggiunto.

Chiara Merico di Chiara Merico3 gennaio 2018 | 10:09

CAUTO OTTIMISMO – I mercati emergenti sono stati interessati da un discreto rimbalzo nel 2017, spiega Emil Wolter, Emerging Markets portfolio manager di Comgest . Vari aspetti dei mercati emergenti hanno raggiunto i rispettivi punti di flesso: la bilancia dei pagamenti è tornata in positivo nel 2016, permettendo alla crescita dei consumi di riprendersi, mentre il livello di debito corporate si è ridotto e gli asset stabilizzati dopo la crisi del “taper tantrum”. La leva operativa è tornata e con questa una forte crescita dei rendimenti. Cosa ci aspetta quindi nel 2018? Siamo cautamente ottimisti rispetto alle prospettive dell’asset class per il 2018 e – cosa più importante – sul lungo termine. Nonostante i mercati azionari siano in qualche modo caratterizzati da valutazioni eccessive nel brevissimo periodo, le linee di sviluppo di diverse grandi economie emergenti, in particolare in Asia, sono solide. I venti favorevoli sono certamente d’aiuto quando si investe nei mercati emergenti, ma sembra essere un contorno e non il piatto principale che era quindici anni fa, quando la Cina si è rivelata essere il fattore distintivo nell’equazione della crescita dei mercati emergenti. Una visione comune prevede che gli investitori dovrebbero aere un’esposizione lunga sui titoli dei mercati emergenti con l’elevato beta, a fronte di un ciclo economico molto solido. Le dinamiche fondamentali tuttavia sono cambiate: la sovraperformance dei mercati emergenti nel 2017 è stata spinta dall’IT, un dato inusuale se paragonato ai precedenti cicli.

FATTORE CINA – La Cina sta tornando a essere il fattore di cambiamento per i mercati emergenti. Per lungo periodo il Paese è stato un esempio di economia industriale tradizionale basata sul lavoro a basso costo. Questo modello di crescita è tuttavia legato al passato. Il lavoro in Cina non è più economico dato che punta  a raggiungere lo status di Paese ad alto reddito nei prossimi sette-otto anni. Oggi la Cina è il più grande mercato globale per la vendita di robot, presenta il maggior numero di utenti internet mondiale, è terza per domande di brevetto, conta il dato più alto di laureati di università STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics, in italiano scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) ed è il principale esportatore di prodotti ad alto valore aggiunto. L’innovazione si sviluppa sia tramite internet che nelle applicazioni industriali e di consumo. Oltre un quarto degli unicorni attuali proviene dalla Cina. Questi cambiamenti strutturali in Cina trasformano l’azionario emergente e sono visibili all’interno della composizione dell’MSCI EM Index stesso. Nonostante il settore IT abbia già triplicato il suo peso negli ultimi nove anni, il futuro presenta un grande quantità di opportunità legate ai temi dell’innovazione, in particolare in Asia. Queste opportunità sono positivamente correlate alla crescita del reddito pro capite e meno al ciclo economico. I modelli di business legati alla domanda di consumi di base, delle infrastrutture e delle materie prime sono e saranno meno importanti per l’asset class rispetto al primo periodo dei mercati emergenti.

 

VALUTAZIONI INTERESSANTI – La trasformazione dell’economia cinese è coincisa con l’apertura agli stranieri del mercato azionario continentale cinese – l’opportunità della vita per i gestori attivi di portafoglio. L’aggiunta delle A-shares nell’MSCI EM per la prima volta nel 2017 è stata sì una pietra miliare, ma appare come un primo, piccolo passo se paragonata alle dimensioni del mercato e alla volontà politica di ulteriore apertura del conto capitale. I mercati emergenti offrono oggi valutazioni relativamente interessanti, crescita migliore e cambiamenti strutturali positivi a livello sia micro che macro. Rimangono alcuni rischi, che sono tuttavia meno specifici dei mercati emergenti e di natura più globale. La volatilità dell’azionario emergente potrebbe quindi tornare, ma per gli investitori è cruciale che le opportunità di investimento siano meno legate ai cicli è più alla crescita strutturale. Questo cambiamento difficilmente invertirà la sua tendenza nel prossimo futuro considerata la direzione presa dalla Cina, conclude Wolter.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Comgest: i venti di ripresa in Europa arrivano anche Oltremanica

Comgest: Cina, Brasile e Sudafrica guidano i listini

Comgest rafforza il team Asia con Chen

Comgest: la crescita degli utili traina i listini globali

Comgest rafforza il team Esg con Voravong

Comgest, Aum record nel 2016

Comgest premiata di nuovo per le strategie Sri

Comgest lancia la versione euro hedged della strategia sull’azionario giapponese

Comgest: growth vs.value, dietro il dibattito fondamentali fragili

Comgest: azionario emergente, lo Stock Connect è l’avvenimento cruciale

Comgest punta sugli Usa con la registrazione degli uffici presso la Sec

Comgest: in Europa torna l’appetito per il rischio

Comgest compie 30 anni. Italia al centro delle strategie di crescita

Comgest: emergenti, troppo presto per il bull market

Comgest: il Brasile va verso Rio tra incertezza e speranza

Comgest: sul Giappone il pessimismo è eccessivo

Stanislawski (Comgest): “L’India attrae gli investitori”

Comgest, tra i mercati emergenti attenzione al Brasile

Comgest: Giappone, ecco come avere rendimenti nel 2016

Comgest, Usa: mercato azionario sotto i riflettori

Cina, le ragioni del rimbalzo di ottobre

Comgest, Cosserat sarà il nuovo Ceo

Comgest, l’innovazione spinge l’azionario in un contesto in perdita

Comgest: la soluzione flessibile azionaria che punta agli emergenti

Classifiche BLUERATING, Comgest brilla con gli azionari Asia Pacifico

Classifiche BLUERATING, Comgest va forte con gli azionari sull’India

Classifiche BLUERATING, Comgest prima su tutti con gli azionari Asia-Pacifico

Classifiche BLUERATING, Amundi e Comgest al top con gli azionari sull’India

Classifiche BLUERATING: fondi azionari Asia Pacifico, tra i migliori ci sono Comgest e Pictet

Classifiche BLUERATING: azionari India, performance a tre cifre per Amundi e Comgest

Comgest, Cosserat diventa cio al posto di Vincent Strauss

Comgest dà il benvenuto a un manager con 17 anni di esperienza

Classifiche BLUERATING, Comgest e Amundi tra i più forti con gli azionari sull’India

Ti può anche interessare

BlackRock lancia un nuovo fondo sull’azionario cinese

Il fondo è progettato per consentire a un numero crescente di investitori di accedere a opportunit ...

Aviva cambia pelle e punta sul Fintech

Aviva investe oggi circa 100 milioni di sterline all’anno per l’evoluzione digitale dei propri p ...

Muzinich sceglie Del Borrello

Domenico Del Borrello, entrato nel marxo 2016, ricoprirà il ruolo di co-head, accanto alla country ...