Ceretti (Arca Fondi Sgr): “Opportunità in Corea”

A
A
A

Di seguito l’analisi di Riccardo Ceretti, head of equities di Arca Fondi Sgr

di Redazione16 gennaio 2018 | 09:58

Il trend del momento si
c chiama tecnologia. Con tassi
 di innovazione e sviluppo sorprendenti e con applicazioni pratiche sempre più diffuse la tecnologia sta aprendo la strada a quella che alcuni commentatori chiamano la “Nuova Rivoluzione Industriale”. L’impatto delle nuove tecnologie sui modelli di business tradizionali è destabilizzante,
intere industrie vengono distrutte
e rifondate ed emergono nuovi leader di mercato, spesso in grado di produrre ingenti quantità
di utili. Tutto questo fermento 
non è ovviamente passato inosservato sui mercati finanziari: robotica, intelligenza artificiale, biotecnologia e semiconduttori sono solo alcuni dei temi legati
alla tecnologia che risultano ampiamente rappresentati
nei portafogli degli investitori internazionali.

STATI UNITI UN PO’ CARI – Nonostante la dinamica degli
utili sana e robusta, i forti flussi di investimento hanno comportato un deterioramento delle valutazioni dei titoli del settore Technology, che oggi risultano in gran parte caratterizzati da valori mediamente elevati. Osservando
 il settore in ottica internazionale emergono però rilevanti differenze tra mercato e mercato. Se i titoli tecnologici statunitensi hanno multipli elevati (Price to Book in media superiore a 4 e Price Earning prossimo a 24, n.d.r.), i loro pari sud-coreani appaiono decisamente più a buon mercato, con un rapporto prezzo/valore di libro Price to Book vicino a 2 e un rapporto prezzo/utili Price Earning di 11. 
Il settore tecnologico coreano risulta composto da imprese di caratura internazionale, produttori indipendenti e/o fornitori di grandi marchi internazionali, Apple in primis. Tra i titoli più importanti LG e Samsung, il gigante della consumer technology. Con un peso complessivo del 43% il settore tecnologico influenza largamente le dinamiche dell’indice sud coreano Kospi; non sorprende dunque che l’indice di mercato sia spesso utilizzato come veicolo di investimento in tecnologia.

INDICE PROMETTENTE – Le considerazioni effettuate porterebbero a concludere che l’indice coreano rappresenti un ottimo strumento per investire nel settore tecnologico senza incorrere in valutazioni elevate. Si deve tuttavia considerare
che i multipli contenuti sono giustificabili alla luce di diversi fattori. Da un lato la vicinanza geografica con la Corea del Nord impone infatti l’adozione di ampi tassi di sconto nella valutazione degli investimenti, dall’altro la presenza di vincoli di mercato, sulle quote di partecipazione e sulla gestione della valuta, deprime i corsi azionari. Complessivamente l’investimento in Corea resta interessante, ma come spesso accade è importante non affidarsi al fai-da-te per evitare di acquistare fondi di magazzino, convinti
di comprare tecnologia a basso prezzo.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Loser (Arca Fondi): “Il boom dei Pir non si ferma”

Pir, la proposta di Arca Fondi Sgr

Pir, vantaggi per l’economia reale

Ti può anche interessare

Jupiter Am rafforza il team dedicato ai bond convertibili

Il manager entrerà in Jupiter a inizio 2018 e riporterà a Lee Manzi, gestore del fondo Jupiter Glo ...

Unigestion, completato il closing di Unigestion Direct Opportunities 2015

Il fondo ha chiuso a 255 milioni di euro, superando abbondantemente l’obiettivo di 200 milioni di ...

Bnp Paribas Am: non si può sperare di meglio?

Le banche centrali più importanti stanno ritirando – o sono sul punto di farlo – le misure di s ...