Index e unit salvate dall’Europa

A
A
A

La Corte di giustizia europea confuta la Cassazione: le polizze ramo III possono comportare guadagni o perdite.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino12 giugno 2018 | 08:43

La Corte di giustizia europea “salva” le polizze vita index e unit linked su cui la nostre Corte di Cassazione aveva calato la scure (vedi notizia). Secondo i giudici europei, infatti, scrive oggi “Italia Oggi”, le polizze assicurative di ramo III possono comportare, per loro espressa e ribadita natura, guadagni o perdite finanziarie al contraente, o ai beneficiari in caso di decesso dell’assicurato. Secondo la nostra suprema Corte, invece, le polizze vita sono da considerarsi tali solo se garantiscono la restituzione del capitale investito, altrimenti sono contratti d’investimento ordinari.

La Corte di giustizia europea con la sentenza del 31 maggio 2018 “Länsförsäkringar Sak Försäkringsaktiebolag vs. Dödsboet efter Ingvar Mattsson e altri” afferma invece con chiarezza che per rientrare nella nozione di “contratto di assicurazione”, di cui all’articolo 2, punto 3, della direttiva 2002/92, un contratto di assicurazione sulla vita di capitalizzazione, come quello di cui ai procedimenti principali, deve prevedere il pagamento di un premio da parte dell’assicurato e, in cambio di tale pagamento, la fornitura di una prestazione da parte dell’assicuratore in caso di decesso dell’assicurato o del verificarsi di un altro evento di cui al contratto in discorso.

In sostanza, la massima Corte europea afferma che il sinallagma assicurativo consiste esclusivamente nel binomio versamento del premio/prestazione in caso di sinistro, senza che in esso possano né debbano entrare valutazioni circa l’allocazione del rischio finanziario relativo ai fondi (direttamente o indirettamente) sottostanti la polizza.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Polizze in banca, chi vigilerà su unit e index linked

Le Index Linked non sono polizze, parola di giudice

Unit Linked, banche e assicurazioni condannate a risarcire i clienti

Ti può anche interessare

Gam: 2018 anno di transizione. Le opportunità nel mondo obbligazionario

L’investitore obbligazionario dovrà sempre di più effettuare una attenta valutazione dei fondame ...

Tensioni geopolitiche primo fattore di rischio percepito

L’indagine RiskMonitor di Allianz GI rivela che oggi le questioni geopolitiche sono la principale ...

Bluerating Analysis: a maggio corre l’azionario europeo

Secondo le analisi mensili di Bluerating, maggio ha visto in prima linea l’azionario europeo. Ad e ...