Digitali e assicurati

A
A
A

Conosciamo Yolo, la prima assicurazione totalmente digitale. Ecco la nostra intervista al presidente Simone Ranucci Brandimarte

di Redazione13 giugno 2018 | 13:00

Lo scorso anno è nata Yolo, la prima assicurazione totalmente digitale guidata da Simone Ranucci Brandimarte. Una realtà che sarà tra i partecipanti del prossimo ITForum di Rimini, in programma il 14 e 15 giugno 2018. E che abbiamo il piacere di conoscere attraverso le parole dello stesso ceo.

Perché avete deciso di partecipare all’ITForum?
ITForum rappresenta per Yolo un grande palcoscenico in cui poter raccontare a professionisti della consulenza e investitori le profonde innovazioni che stiamo apportando al settore assicurativo per dare una risposta alle nuove esigenze di protezione dei consumatori, sempre più digitali, e a modelli distributivi non più efficaci.
Stiamo lavorando molto, infatti, per continuare a migliorare precisione e predittività della nostra soluzione, così da riuscire a proporre sempre le polizze giuste ai nostri clienti sulla base delle loro attitudini o stili di acquisto.

In che modo digitalizzazione e consumatore digitale stanno rivoluzionando il mercato assicurativo?
Il settore assicurativo sta vivendo una profonda trasformazione dovuta alla digitalizzazione. In particolare, l’era di Internet 4.0 è caratterizzata dalla forza disruptive della tecnologia che impone una nuova cultura, un diverso modello di business per relazionarsi in modo nuovo con il consumatore digitale. Questi richiede una customer experience differente da quella che ha oggi, sia durante la sottoscrizione della polizza che, in seguito, quando necessita di assistenza. L’offerta assicurativa dev’essere costruita sulle sue esigenze e deve diventare “App centric”, valorizzando immediatezza e facilità di utilizzo.

Quali impatti avrà l’avvento dell’insurtech?
Solo negli ultimi anni le compagnie tradizionali hanno abbracciato veramente l’avvento del digitale, investendo e collaborando con start-up insurtech oppure creando acceleratori e incubatori aziendali. L’Italia è infatti un mercato sotto-assicurato in cui le compagnie assicurative hanno investito molto meno del sistema bancario in ricerca e sviluppo.
Per creare un nuovo modello di offerta è però necessario uno sforzo e un investimento che impatterà sull’intera organizzazione sia in termini tecnologici che di underwriting, distributivi, di partnership e, soprattutto, culturali. Al momento gli sviluppi futuri del settore sembrano fondarsi su tre trend principali: sviluppo di nuovi prodotti, PeerToPeer, Big Data e dynamic pricing.

 Quali sono i nuovi progetti che presenterete in futuro?
Innovare richiede esperienza e competenze specifiche: per continuare lungo il nostro percorso di crescita stiamo portando avanti un secondo round da 6 milioni di euro che puntiamo di chiudere entro luglio. Venture capital italiani e internazionali, assieme a compagnie assicurative e banche, stanno dimostrando interesse ad investire nel nostro progetto. Questo ci consentirà, entro l’inizio del 2019, di intraprendere il primo progetto internazionale nel mercato spagnolo.
Ma lanceremo prossimamente anche nuovi prodotti dedicati ad altri sport come la biciletta, nuovi pacchetti viaggio che utilizzeranno la tecnologia blockchain e polizze per la tutela degli animali domestici.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Axa Italia, assistenza ad alta tecnologia

Polizze Vita, così cambieranno le regole

Polizze vita, bomba della Cassazione

Zurich si mette in Moto

Zurich sempre più smart

La blockchain nel futuro delle assicurazioni

Tutelarsi dopo il mutuo, ecco la polizza

Ubi Banca, un occhio al private, l’altro al retail

Una polizza col sorriso per Deutsche Bank

Generali, utile sopra i 2 miliardi

Bufera sulle polizze vita

La forza del cambiamento di Amissima in tour

Axa Italia, la compagnia assicurativa più innovativa dell’anno

Eurovita, un nuovo volto indipendente dalle solide radici

Allianz GCS, nuovo prodotto per gestire i rischi corporate

Polizze, Reale Mutua e G Data insieme per l’insurtech

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Generali: attesa per cessioni riporta interesse sul titolo

Generali cede le attività Vita in Germania? Per gli analisti sarebbe coerente

Nuovo bond catastrofale per Generali Assicurazioni

Ping An, Allianz e Axa: i tre big mondiali dell’assicurazione giocano a tutto campo

Itas: è Agrusti il nuovo direttore generale

Nuovo Ceo per AIG: è Duperreault, manager specializzato in turnaround

Seul testa sistema di pagamento digitale per polizze sanitarie

Assicurazioni: Genialloyd vince nella classifica dei migliori brand online di marzo

Come cambia la distribuzione assicurativa nell’era del FinTech

Insurtech: il nuovo volto delle assicurazioni

SeedUp assisterà lo sviluppo di Plus35

Polizze, in aumento la ricerca di coperture sulla casa

MioAssicuratore incassa 300 mila euro da incubatori e angeli

Assicurazioni: compagnia giapponese rimpiazza gli impiegati con l’Intelligenza Artificiale

Assicurazioni auto: entro il 2020 il 17% saranno digitali

Generali rimbalza in scia ai report positivi dei broker

Ti può anche interessare

BlackRock volta le spalle ai Btp (e all’Italia)

Il vice responsabile investimenti Thiel invita a sottopesare i Buoni del Tesoro nel portafoglio ...

Etica Sgr, al via la partnership con Banca popolare di Fondi

La collaborazione prevede che l’istituto pontino distribuisca attraverso le sue filiali i prodott ...

Consultinvest: perché preferire un approccio flessibile

Il 26 gennaio ha preso avvio un violento e veloce ritracciamento che ha portato, in poche sedute, q ...