Reyl: nuovo fondo a bassa volatilità

A
A
A

Reyl lancia un nuovo comparto sul mercato italiano. La caratteristica principale di questo prodotto è la ricerca della bassa volatilità. L’obiettivo del fondo è, infatti, quello di raggiungere, nel medio-lungo termine, un apprezzamento del capitale attraverso investimenti in titoli azionari europei, con una limitata volatilità, ottenuta grazie alla specifica politica di copertura e all’uso di strumenti del mercato monetario.

di Francesco Biraghi30 giugno 2008 | 09:30

Dal 25 giugno 2008 è stato autorizzato al collocamento in Italia un nuovo fondo appartenente a Reyl (Lux) Global Funds. Sicav di diritto lussemburghese distribuita da Reyl & Cie S.A. con sede a Ginevra, guidata dall’amministratore delegato Dominique Reyl.

Si tratta del comparto Reyl (Lux) Global Funds – Europe Low Vol. Disponibile nelle seguenti classi di azioni: in EUR (classe B o F) oppure in CHF (classe C). Tutte a capitalizzazione dei proventi.

Il fondo è stato costituito il 31 marzo 2008 ed è in gestione a Reyl Asset Management S.A. Presenta un profilo di rischio medio, ed ha un orizzonte d’investimento consigliato di 1-3 anni. La valuta di riferimento è l’Euro

L’obiettivo del comparto è quello di ricercare l’apprezzamento del capitale a medio/lungo termine attraverso un portafoglio diversificato di azioni attenuando l’esposizione ai rischi direzionali dei mercati azionari con l’utilizzo di strategie dinamiche di copertura e l’investimento in prodotti di tassi.

Poiché lo stile di gestione é discrezionale, la composizione del portafoglio non cercherà di riprodurre, ne a livello geografico, ne a livello settoriale, la composizione di un indicatore di riferimento. La scelta dei titoli viene effettuata attraverso un modello quantitativo di proprietà basato su dei parametri fondamentali e statistici. Il metodo che è stato sviluppato non mira a replicare un indice di azioni europei e implica sistematiche deviazioni rilevanti di comportamento nei confronti di questi ultimi. Le simulazioni di modello su lungo periodo (10-12 anni) dimostrano dei livelli significativi di decorrelazione nei diversi cicli dei mercati.

Almeno due terzi del portafoglio del comparto Reyl (Lux) Global Funds – Europe Low Vol. saranno investiti in azioni o prodotti di tassi emessi da società con sede in Europa.

L’esposizione ai mercati azionari può variare da 0% a 100% in modo opportunistico basandosi su degli indicatori di proprietà fondamentali e statistiche. Il fondo potrà investire fino al 10% del proprio patrimonio complessivo in quote di altri fondi. L’allocazione fra i diversi attivi (azioni, prodotti di tassi e di copertura) è realizzata in modo sistematico grazie ad un modello quantitativo sviluppato da Reyl Asset Management SA.

I gestori possono effettuare i seguenti tipi d’operazione:
– assumere posizioni “long” su i mercati azionari
– ricorso a prodotti derivati a titolo di copertura o ottimizzazione dell’esposizione del portafoglio, attraverso operazioni d’acquisto e di vendita d’opzioni, di warrants e di futures sugli indici e su titoli individuali cosi come di swaps e di “contracts for differences” sugli indici e su titoli individuali che sono stipulate con istituti finanziari di primo ordine specializzati in questo tipo di operazioni
– investimento in prodotti di tassi e monetari.

COMMISSIONI A CARICO DEGLI INVESTITORI
Diritto d’ingresso > Massimo 3% dell’importo sottoscritto, a favore dell’agente collocatore.
Diritto d’uscita > Nessuno
Diritto di conversione > Nessuno

COMMISSIONI A CARICO DEL FONDO
Commissione di Gestione >
Per le classi di azioni B: 1,50% annuo.
Per la classe di azione F: 2% annuo.
Per la classe di azione C: 2% annuo.

Commissione di Overperformance > 15%. E’dovuta soltanto nell’ipotesi in cui:
(1) la Performance superi il tasso di rendimento minimo (“hurdle rate”), e
(2) il Nav sia superiore al Nav storico più elevato (Principio “High Watermark”).
In tale caso, la commissione è applicata alla differenza tra il Nav e l’High Watermark.

Minimo di sottoscrizione iniziale:
Per la classe B: EUR 100.000
Per la classe F: Nessuno
Per la classe C: Nessuno

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Nuovo Etf monetario dal 10 ottobre

In arrivo Mediolanum Best Brands

ING scommette sul fattore Beta

Ti può anche interessare

S&P Dow Jones: i fondi azionari italiani attivi fanno peggio del benchmark

il 74% dei fondi azionari italiani a gestione attiva sottoperforma il benchmark su base decennale, r ...

Anima, la produzione cala di 140 milioni

La raccolta da inizio anno è positiva per oltre 4,3 miliardi di euro. Il totale delle masse gestite ...

Gam, balzo dell’utile nel semestre

Profitti netti di oltre 67 milioni di euro (+27%) per l’asset manager svizzero ...