Anima, trimestre a due facce

A
A
A

Nei primi 9 mesi dell’anno la raccolta netta è stata positiva per circa 4,5 miliardi di euro, ma i ricavi sono calati del 17% e l’utile netto del 34% rispetto allo stesso periodo del 2015.

Chiara Merico di Chiara Merico11 novembre 2016 | 13:57

RISULTATI A DUE FACCE – Il gruppo Anima licenzia i primi nove mesi dell’anno con una raccolta netta positiva per circa 4,5 miliardi di euro; il totale delle masse gestite a fine settembre 2016 ha superato i 71,5 miliardi di euro (a fronte dei 64,3 miliardi di euro a fine settembre 2015). Le commissioni nette di gestione hanno raggiunto i 159,9 milioni di euro (in crescita del 2% rispetto ai 156,8 milioni di euro dello sresso periodo del 2015). Nel corso dei primi nove mesi dell’esercizio le commissioni di incentivo sono state di entità molto contenuta (5,0 milioni di euro a fronte dei 44,9 milioni di euro dei primi 9 mesi del 2015). Considerando queste ultime e gli altri proventi, i ricavi totali si sono attestati a 181,1 milioni di euro (in calo del 17% sui 218,8 milioni di euro dei primi nove mesi del 2015). L’utile netto consolidato è stato pari a 63,3 milioni (-34% anno su anno); l’utile netto consolidato normalizzato è stato invece pari a 87,8 milioni (-22% rispetto ai primi 9 mesi del 2015).

CONTESTO NON FACILE –“Il terzo trimestre per Anima è stato a due facce: da un lato un business istituzionale che continua a evidenziare importanti dati di raccolta, frutto anche dell’ottima collaborazione con il gruppo Poste Italiane, dall’altro un retail sul quale, dopo l’estate, sono tornate a pesare sulle scelte di investimento le incertezze legate alla volatilità dei mercati ed al dibattito sul settore bancario italiano”, ha commentato Marco Carreri, amministratore delegato di Anima Holding S.p.A. “Nonostante questo contesto non facile, Anima anche nel 2016 cresce per via organica quasi il triplo della media dell’industria italiana del risparmio gestito, e guarda anche con interesse alle opportunità di ulteriore diversificazione dei propri canali distributivi mediante alleanze ed acquisizioni”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, giugno con il segno meno

Anima, maggio nero per la raccolta

Anima, i top manager comprano azioni

Anima pensa a fare shopping

Anima, crescita a doppia cifra per utili e masse

Anima, aprile con il segno più

Anima, aumento di capitale ai nastri di partenza

Anima, cedola a 0,19 euro

Anima, le masse volano a febbraio

Poste-Anima, riparte l’alleanza

Anima mette un limite alle commissioni di switch

Anima, utile e raccolta in crescita nel 2017

ConsulenTia18/Gatti (Anima): “Vi presento Vespucci e Magellano”

Anima, a gennaio raccolta col segno più

Anima lancia i fondi Magellano e Vespucci

Poste Italiane nell’aumento di capitale di Anima

Investimenti e consulenza, così sarà l’offerta di Poste Italiane

Anima, effetto Aletti sulle masse

Anima perfeziona l’acquisto del 100% di Aletti Gestielle

Tra Poste e Anima si inserisce Cdp

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Anima, arrivano il nuovo amministratore e la delega per l’aumento di capitale

Anima, i Pir trainano la raccolta a novembre

Anima-GfK: italiani sempre più ottimisti e disposti a investire

Anima, raccolta e utile positivi nei primi tre trimestri

Anima, a ottobre raccolta col segno meno

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Anima, i Pir trainano la raccolta ad agosto

Anima conquista Aletti Gestielle

Anima, offerta in vista per Aletti Gestielle

Anima, nel primo semestre corre la raccolta

Anima-Aletti Gestielle, prove tecniche di terzo polo

Anima, Colombi entra nel board

Ti può anche interessare

La Financière de l’Echiquier, Arrighi a capo dell’Italia

Il manager proviene da Ethenea e ha iniziato la carriera nel 2000 come consulente finanziario di Bn ...

Polizze vita, bomba della Cassazione

Sentenza storica: i contratti ramo III tali solo se garantiscono la restituzione del capitale invest ...

Bnp Paribas Am: tre fonti di preoccupazione sui mercati

A maggio i mercati sono stati investiti da shock derivanti da tre fonti: un’escalation del rischi ...