Bny Mellon: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

A
A
A

Il Dragone entra nel nuovo anno con un pesante debito sulle spalle, e la stabilizzazione dell’economia resta all’ordine del giorno.

Chiara Merico di Chiara Merico27 gennaio 2017 | 10:29

GLI USA LASCIANO CAMPO LIBERO ALLA CINA IN ASIA – Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deciso di abbandonare la Trans-Pacific Trade Partnership (TTP) in favore di accordi commerciali con i singoli Paesi asiatici, spiega Rob Simpson, gestore specializzato in debito emergente di Insight Investment (BNY Mellon IM). Questo potrebbe aprire la strada a una crescente influenza della Cina sull’Asia nel corso dei prossimi anni. Gli altri Stati membri potrebbero infatti rivolgersi alla seconda più grande economia globale nel tentativo di salvare ciò che resta della partnership. I leader dei Paesi coinvolti nella TTP hanno espresso il loro impegno a proseguire nell’iniziativa, prospettando un nuovo accordo regionale commerciale per l’Asia incentrato stavolta intorno alla Cina. Le economie del Sud Est asiatico si stanno già orientando verso la Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), un accordo sostenuto da Pechino che rappresenta un passo in avanti verso l’integrazione commerciale in Asia. La posizione degli Stati Uniti sulla TTP è considerata da alcuni come un regalo alla Cina. Ma ci sono altre considerazioni che saranno fondamentali per sancire il successo economico cinese, inclusi gli ulteriori annunci di Trump in materia di politiche commerciali che potrebbero spingere Pechino a porsi sulla difensiva – influenzando così le priorità del governo. Nel frattempo, il presidente cinese Xi Jinping deve portare avanti la propria agenda politica in vista delle modifiche ala leadership del Partito più avanti nell’anno. Per riuscirci, dovrà necessariamente mantenere la stabilità economica del Paese.

UNA BOLLA DEL CREDITO PER LA CINA? – La Cina entra nel Nuovo Anno con un pesante debito sulle spalle, sottolinea Brendan Mulhern, global strategist di Newton (BNY Mellon IM).Le autorità hanno attuato un piano di intensi stimoli fiscali per frenare la crescente deflazione. Il 2016 è stato secondo solo al 2009 in termini di aumento del debito pubblico cinese. Nell’ultimo anno la crescita economica cinese si è dapprima stabilizzata per poi accelerare, e le autorità sono riuscite a conseguire il target ufficiale del +6,5%. In questo inizio 2017 le autorità hanno già iniziato a ridurre la portata degli stimoli, e l’effetto di questi ultimi sull’economia potrebbe gradualmente dissiparsi. Il governo è ben consapevole dei rischi legati all’aumento del debito. Nell’aprile del 2016, un anonimo rappresentante governativo di alto livello (forse lo stesso presidente Xi Jinping o uno dei suoi più vicini alleati) ha annunciato che un modello di crescita fondato sul credito non può durare. Eppure ancora adesso tale modello persiste, tanto che, se si considerano alcuni indici tecnici, si può dire che la bolla creditizia cinese abbia ormai superato per dimensioni quelle del Giappone, dell’Irlanda, della Spagna e degli Stati Uniti. Anche se le autorità esprimono una preferenza per le riforme strutturali e cercano di allontanarsi da un aumento della domanda basato sull’indebitamento, il governo resta vincolato alla necessità di creare posti di lavoro. Nel terzo trimestre dell’anno si terrà la 19esima Conferenza del Partito Nazionale, pertanto questa esigenza sarà avvertita in maniera ancora più urgente. La stabilizzazione dell’economia resta all’ordine del giorno per il 2017: sarà sufficiente un lieve rallentamento della crescita per spingere le autorità a riaprire i rubinetti degli stimoli fiscali. Ma quanto a lungo potranno durare? Le autorità sembrano ormai aver esaurito gli assi nella manica e i segnali di stress sul sistema finanziario cinese sono già evidenti.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

BNY Mellon Wm premiata da Global Finance

Bny Mellon: Irma, un uragano sui mercati?

Brain (Bny Mellon): “Occhi puntati sulla Bce”

Bny Mellon affida gli hedge a Salvage

Bny Mellon, il roadshow europeo per consulenti punta su Milano

Garcia Zamora (BNY Mellon): “Puntiamo sul debito emergente in valuta locale”

Insight Investment, arriva Louis

Bny Mellon lancia un fondo sugli high yield

La ricchezza è un bene, ma come gestirla? Se ne parla all’evento Aifo

Nuova sede in Italia per Bny Mellon

Bny Mellon Global Real Return Fund si prepara a nuovi ribassi dei mercati

Boat Race, Bny Mellon e Newton donano la sponsorship alla ricerca sul cancro

I tassi sulla sterlina restano fermi, lo resteranno a lungo

Bny Mellon IM, due ingressi e una nomina

Bny Mellon offre stage a parenti. E arriva la multa dalla Sec

Bny Mellon e Credem insieme per la distribuzione di fondi a 500 promotori

Bny Mellon acquisisce Cutwater Asset Management

Bny Mellon fa il tifo per il Brasile

Via libera Fed al buy-back di Bny Mellon

Risparmio, WestLB Mellon Compass Fund diventa Bny Mellon Compass Fund

Bny Mellon, nuovo ingresso nel team italiano

Bny Mellon, un nuovo capoeconomista per la sua Meriten Investment Management

Bny Mellon: nuova nomina per la regione Asia-Pacifico

Giro di poltrone a BNY Mellon

Rating & Score – Sono 62 i nuovi fondi disponibili alla sottoscrizione

Ti può anche interessare

Jupiter rafforza con due ingressi il team sul reddito fisso

I due nuovi ingressi avranno un focus specifico sui mercati emergenti e daranno un apporto rilevante ...

NN Ip: azionario, nel 2018 puntare sui settori ciclici

La Fed inizierà a ridurre i propri attivi ad un ritmo più rapido e aumenterà i tassi d'interesse ...

Fondi, Vanguard batte BlackRock

Il gestore passivo ha raccolto 315 miliardi di dollari nel 2015 rispetto ai 202 miliardi del gruppo ...