Arriva il sito che ti dice come risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

A
A
A

Si chiama ReFees ed è una startup che permette di valutare un eventuale risparmio ottenibile dalla sostituzione dei fondi con Etf similari

Marco Barlassina di Marco Barlassina3 febbraio 2017 | 11:29

RISPARMIO IN POCHI CLICK – La promessa è semplice: risparmiare in pochi click. A farla è ReFees, una startup che permette agli investitori di scoprire i costi impliciti relativi agli investimenti in portafoglio e di valutare un eventuale risparmio ottenibile dalla sostituzione di questi con ETF similari. Il tutto gratuitamente.
L’assunto di base è quello rivelato da una ricerca di Morningstar di alcuni mesi fa nella quale si dimostrava come in Italia i costi sui prodotti di risparmio gestito siano mediamente più alti che nel resto d’Europa, con spese correnti medie annue pari all’1,42%. Su fondi e Sicav, oltre alle commissioni esplicite, quelle che sono chiaramente visibili perchè addebitate direttamente dalla banca sul conto corrente, esistono infatti una serie di commissioni implicite che vengono comunque dedotte dal rendimento. Queste commissioni incidono spesso in misura anche significativa sul rendimento finale dell’investimento.

COME FUNZIONA – Una volta inserito il codice ISIN degli strumenti presenti in portafoglio, il software mostra le commissioni implicite ad essi riferiti (sia in percentuale che in valore assoluto in base all’importo inserito dall’utente per ogni suo strumento), rappresentate dalla voce spese correnti o TER. Oltre a ciò viene mostrata un’incidenza di tali spese negli anni a venire sul proprio patrimonio. Sempre nella parte gratuita viene indicato anche quanto sarà il risparmio che l’utente otterrà nell’utilizzare strumenti più efficienti, se tra gli strumenti inseriti il software identifica strumenti sostituibili.

 

Grafico Soldiwe
Fin qui la parte gratuita di ReFees, che diventa invece premium per conoscere in dettaglio gli strumenti alternativi più efficienti da utilizzare al fine di sostituire i prodotti ad alto costo.
“Il costo del servizio Premium è del 20% una tantum sul risparmio annuo che l’utente riuscirà ad ottenere”, spiega Filippo Livorno, uno dei soci fondatori di ReFees, al quale Soldi ha rivolto alcune domande per meglio chiarire alcuni punti del meccanismo di sostituzione.

Come vengono decisi i prodotti con i quali effettuare la sostituzione?
Gli strumenti che il nostro software analizza sono fondi e Sicav, per i quali proponiamo la sostituzione essenzialmente con ETF, che assicurano un TER o spese correnti nettamente inferiori, e che siano caratterizzati da un indice sottostante uguale o simile al benchmark del fondo.

Certo la gestione passiva ha costi inferiori, ma il fondo potrebbe avere una gestione realmente attiva e quindi ottime performance, a parità di sottostante con l’ETF. In questo caso non c’è il rischio che la sostituzione possa essere controproducente?
In questo caso il nostro software è in grado di riconoscerlo sulla base delle performance passate e quindi di indicare al cliente il mantenimento dello strumento in portafoglio quando questo ha un gestore i cui risultati siano comprovati. Uno dei dati che consideriamo nel valutare la sostituzione è la bontà dimostrata dal gestore attivo nel produrre valore. Ove ciò sia evidente non suggeriamo la sostituzione del fondo

Con il vostro servizio è possibile impartire direttamente l’ordine per la modifica del portafoglio?
“Il nostro è solo un servizio di consulenza sull’analisi ed ottimizzazione dei costi, ottenuto il quale il cliente deve comunque tornare in banca o dal suo intermediario per dare esecuzione al consiglio”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il (vecchio) passivo è morto, evviva il (nuovo) passivo

Etf, perché avranno successo tra i consulenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

Consulenza previdenziale: gli etf piacciono ai fondi pensione

WisdomTree, CoCome ti innovo l’obbligazionario

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rivivi il webinar: Evoluzione dei mercati finanziari e nuovi modelli distributivi in Italia

Bnp Paribas Am, doppio ingaggio per gli Etf

Etf, gli smart beta piacciono un po’ di meno

Gli Etf sono un’arma di distruzione di massa?

WisdomTree e Etf Securities, affare fatto

Contenere la volatilità con gli ETF: missione possibile

Etf, un investimento smart ai tempi di Mifid 2

La guerra dei fondi

Una nuova guida per Spdr

J.P. Morgan AM, cinquina di Etf a Piazza Affari

Etf, proposta obbligazionaria di Spdr

Quando l’Etf è un ingrediente del portafoglio

5 modi smart per utilizzare gli ETF Smart Beta

Etf, 25 anni in ascesa

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

Tra attivo e passivo: gli ETF Smart Beta

Il futuro è già presente

Giangrande (Deutsche Bank): “Come puntare sulla Cina con gli Etf”

Experience The Future – Consulta la Guida

Invesco, acquisizione miliardaria tra gli etf

Amundi lancia un Etf Pir compliant

Smart BETA e factor investing: Consultinvest fa chiarezza

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Oro, si raffredda la domanda

A Piazza Affari i primi 5 etf di Hsbc Global Asset Management

Lyxor lancia il primo Etf Pir compliant

Source lancia l’ETF specializzato nel FinTech

Ti può anche interessare

Assogestioni al fianco del Fai

Attraverso il Salone del Risparmio, Assogestioni contribuirà al restauro dell’Abbazia di Cerrate, ...

Closing per il fondo Algebris NPL Fund II

Dal lancio, il fondo ha già investito in crediti in sofferenza assisti da garanzie reali per un val ...

Frame Asset Management si rafforza con Schena

Schena, 33 anni, proviene da Banca di Bologna e ricoprirà il ruolo di senior analyst. ...