Bnp, asset tossici in due fondi speculativi? La società smentisce

A
A
A

Due fondi speculativi del gruppo bancario francese Bnp Paribas, Opportunity’ e Serenity, sembrerebbero appesantiti da asset tossici.

di Redazione29 dicembre 2010 | 14:00

Lo rivela il settimanale satirico Canard Enchaine, spiegando che “gli investitori che avevano affidato loro i propri euro non vi hanno più accesso, e sono pregati di pazientare”. I due fondi, che insieme gestiscono circa 376 milioni di dollari, sono «temporaneamente sospesi» da novembre, secondo un documento di Bnp Alternative Funds citato dal giornale, perchè alcuni dei loro asset sono divenuti difficili da vendere.

Diversi hedge fund presenti tra gli investimenti di Opportunity e Serenity spiega un portavoce della banca, «vedono fuggire i propri investitori mentre le richieste di riacquisto aumentano». La gestione dei due fondi, entrambi domiciliati in Lussemburgo e non commercializzabili in Francia, è stata ora affidata alla filiale di Bnp Paribas Harewood asset management, nella speranza che «li tiri fuori da questo ginepraio».

Intanto ecco la risposta della società, sempre ripresa da Ansa. Il congelamento dei due fondi speculativi del gruppo bancario francese Bnp Paribas è «una misura puramente tecnica» e «temporanea», e «non un provvedimento d’urgenza» legato a una presunta fuga degli investitori. Lo precisa all’Ansa un portavoce della società francese, smentendo la notizia pubblicata dal settimanale Canard Enchainè. «Si tratta di due fondi riservati a una clientela molto selezionata e molto informata» ha spiegato, che sono stati bloccatti «per ragioni amministrative, dato che Bnp Paribas ha deciso di assegnare ad un’altra società la loro gestione». L’azienda smentisce inoltre anche l’informazione, pubblicata sempre dal Canard Enchainè, secondo cui i due fondi sarebbero gravati da asset tossici. «Si tratta di due fondi di fondi – sottolinea la portavoce – che non contengono assolutamente asset tossici».

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Amundi RE, transazioni in crescita del 33%

Durante questo periodo, Amundi Real Estate ha investito in 55 transazioni per un totale di quasi un ...

Invesco RE prende Stampa da Generali Real Estate

Il manager ricoprirà il ruolo di senior director of transactions per la Francia e di supervisore de ...

Cdp, Mazzocco pronto a lasciare?

Lo riferisce Milano Finanza. Il manager, ex Beni Stabili, è arrivato alla guida dell'immobiliare de ...