Investire in Oriente con filosofia aggresive

A
A
A

Cina, Europa e Stati Uniti. Sono questi i mercati nei quali si possono trovare società immobiliari in grado di offrire grandi opportunità di investimento.Ecco i suggerimenti di Janus che continua a credere nel mercato immobiliare…

di Redazione14 giugno 2008 | 10:26

Secondo una ricerca intitolata: “Global Real Estate: vi sono ancora opportunità per il futuro?”, pubblicata da Janus, società americana, ci sono valide ragioni per continuare a investire nel settore immobiliare. Tra i fattori trainanti globali, il maggiore accesso al mercato, la liquidità e la trasparenza, e soprattutto l’investimento attraverso società che vantano un posizionamento strategico in grado di creare valore, all’interno dei mercati asiatici, europei e americani.

Janus individua nei Reit, Real estate investment trust, un valido strumento di investimento, grazie a una struttura che consente ai proprietari di immobili di evitare il pagamento delle imposte sulle società, a condizione che il 90% del reddito imponibile venga distribuito agli investitori. E per quanto riguarda l’Asia, in particolare la Cina, la ricerca fa il nome di Hang Lung Properties, operatore immobiliare con sede a Hong Kong, specializzato nel campo residenziale e commerciale, come uno dei leader futuri nello sviluppo di centri commerciali in città secondarie del continente cinese. La società cinese potrebbe offrire delle buone opportunità anche in considerazione della strategia aggressiva di acquisizione di beni immobiliari che ha messo in atto recentemente. La società, sfruttando la crescita dell’urbanizzazione e la costruzione di nuove infrastrutture, ha già in portafoglio due centri commerciali, situati a Shanghai, e ha adottato un modello di reinvestimento strategico dei capitali, che gli ha permesso di cedere strutture poco redditizie per puntare su nuovi progetti di sviluppo. 

In Europa, invece, una valida chance di investimento può essere data, secondo Janus, da IVG e Brixton PLC. La prima è una società immobiliare tedesca, tra le più grandi realtà europee di investimento immobiliare indipendente, proprietaria di pozzi per l’estrazione di petrolio e gas naturale, e in possesso di contratti con organi governativi e con diverse società di energia per la gestione strategica delle riserve.
La seconda è un Reit focalizzato esclusivamente su immobili industriali in Inghilterra con un vasto portafoglio di possedimenti nei più importanti sobborghi di Londra. Negli ultimi anni la società ha venduto con successo le attività meno performanti e ha utilizzato i ricavi ottenuti per attuare importanti investimenti nella gestione di altri complessi immobiliari e nel servizio dedicato ai clienti. Ciò le ha permesso di migliorare la propria posizione in diverse regioni del mercato come Heathrow e Park Royal.

E sul fronte americano, infine, viene fatto il nome di ProLogis, che si è confermato come uno dei migliori investitori immobiliari per alcune delle maggiori società a livello mondiale. Lo storico Reit targato USA ha, infatti, attuato una strategia di rilancio di capitali privati innovativa. Anziché detenere il 100% di tutte le sue proprietà, ProLogis ha contribuito al loro sviluppo e al posizionamento delle acquisizioni in fondi propri. Questo le ha permesso di mantenere buone relazioni con i clienti e di generare ritorni aggiuntivi e fees.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

Fidelity: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

Fintech PapaNatale in Cina

McCabe (Aberdeen Am): “Cosa aspettarsi sul mercato dei bond cinesi”

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

In Cina lanciato megafondo Fintech da 1,5 miliardi di dollari

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Sempre più fondi per il Fintech pechinese

Cina, primi stress test sull’asset management

Venture Capital ormai freddo anche nel Fintech, ma non in Cina

Il Fintech nel futuro della Minsheng Bank, gigante privato cinese

Nel Fintech le dimensioni contano: fra le prime 5 aziende del settore 4 sono cinesi

Boom di assicurati online in Cina: sono 330 milioni di persone

Cina: è tempo di raffreddare la bolla immobiliare?

I robot prendono possesso degli sportelli bancari di Shanghai – Gallery

Ora la Cina fa shopping di FinTech negli Usa

Perché Apple non convince i cinesi (con il suo ultimo evento)?

Vanke, dall’immobiliare al Fintech

Ti può anche interessare

Ubs Am rafforza il real estate con Nocerino

Il manager proviene da AXA Investment Managers – Real Assets, dove ha ricoperto dal 2014 l'incaric ...

Cdp, Mazzocco pronto a lasciare?

Lo riferisce Milano Finanza. Il manager, ex Beni Stabili, è arrivato alla guida dell'immobiliare de ...

Fabrica Sgr prende un trophy asset a Milano

La sgr guidata da Giovanni Maria Benucci avrebbe rilevato, per la cifra di 85 milioni di euro, un pa ...