Crisi a confronto

A
A
A

Confrontando i grafici delle precedenti crisi finanziarie, cerchiamo di cogliere le similitudini e capire lo stato della crisi attuale, che per intensità è ormai seconda solo alla Grande depressione.

Biagio Campo di Biagio Campo27 febbraio 2009 | 09:10

In un contesto di generale crescita economica del sistema capitalistico, a partire dal diciannovesimo secolo vi sono state quattro vere crisi internazionali che, seppur hanno modificato la struttura economica e sociale, così come i rapporti di potere a livello internazionali, non hanno interrotto il secolare trend di crescita mondiale. 

Nell’ordine cronologico queste sono state la Grande depressione del 1929, la crisi petrolifera di fine anni settanta, la bolla tecnologica del 2000 e l’attuale crisi finanziaria che possiamo far risalire al 2007, ovvero da quando gli indici hanno iniziato a perdere dai massimi precedentemente toccati.

Il grafico sotto riportato evidenzia la durata in giorni ed il calo in percentuale dell’indice statunitense Standard and Poor’s 500 e permette di eseguire un interessante paragone. In primo luogo dobbiamo specificare come i nuovi cali dell’ultima settimana non sono stati riflessi nel grafico, per questo la linea verde che rappresenta la crisi finanziaria chi stiamo vivendo, è attualmente sulla linea del 50 per cento, segnando un doppio minimo.

La Grande depressione ha fatto registrate un rapido crollo di quasi la metà dello S&P 500 in soli 40 giorni, rappresentando il più brusco movimento della storia della borsa americana, a cui sono seguiti 100 giorni di buon recupero, per poi imboccare un trend ribassista di lungo corso, con l’indice che nel complesso dei 680 giorni di crisi, ha perso l’85 per cento.

La bolla tecnologica ha avuto una durata paragonabile alla Grande depressione, con un calo paragonabile allo shock petrolifero ed alla crisi finanziaria. Dal punto di vista grafico notiamo una certa somiglianza tra quest’ultima e la crisi petrolifera, elemento che potrebbe lasciar presagire che i minimi, o dal punto di vista tecnico il doppio minimo, siano stati toccati, tuttavia se analizziamo la Grande depressione osserviamo come le forti perdite già registrate, non rappresentano la garanzia che non ci possano essere ancora ampi ribassi.

Negli ultimi anni la periodicità delle crisi è fortemente aumentata, vediamo infatti come si è passati da 4 crisi registrate in 130 anni, a 3 crisi nei precedenti 30 anni ed infine 2 crisi solamente negli ultimi 10 anni
. Questo dato indubbiamente dimostra come le deregolamentazione ed il processo di innovazione finanziaria non abbiano giovato alla stabilità dei mercati, mentre risulta ancora non del tutto chiarita, alla luce della crisi attuale, quali saranno le ripercussioni sull’economia reale nel lungo termine, tuttavia risulta chiaro come siano necessari importanti riforme strutturali a livello internazionale.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Corea del Nord, i mercati non credono all’escalation militare

Borse europee aprono in leggero rialzo, occhio a Bce e Fed

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

La Bank of England non usa toni da “falco”, lima le stime su Pil e paghe

Sterlina in ripresa, borse caute in attesa della Bank of England

Saudi Aramco, sarà Londra la prescelta?

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Fca prova a far ripartire i diesel negli Usa

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

Aramco: troppo pochi investimenti nel settore petrolifero

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Borse europee, una mattinata ricca di spunti operativi

Nomura: per gli investitori istituzionali la Borsa di Tokyo è destinata a salire

La BoJ non cambia idea, le borse ringraziano

Pictet AM: “Altri rialzi in vista per le borse”

Elezioni inglesi: conservatori in calo, governo in minoranza

Giornata ricca di appuntamenti per le borse europee

Qatar isolato dopo attentato londinese

Commerzbank propone prepensionamenti

Piazza Affari: indici in rosso, ma non è solo colpa della politica

Macron ha vinto, le borse perdono terreno

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Elezioni francesi, evitato il peggio per i mercati

Ti può anche interessare

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

WALL STREET TIRA IL FIATO – Wall Street ha il fiato corto oggi e gli indici dopo una lunga cor ...

Airbus, svanisce l’ordine di Iran Air per gli A380

Brutte notizie per Airbus Group: l’Iran non acquisterà gli A380, uno dei pochi maxi-ordini rimast ...

Tentori (Axa IM): “Ottimisti sul Btp”

Le previsioni sul 2018 del chief investment officer della casa di gestione ...