Citigroup nazionalizzata nel silenzio

A
A
A

Nonostante le numerose smentite da parte del Governo Usa di non volere nazionalizzare le banche, il Tesoro raggiunge un nuovo accordo con la banca salendo oltre il 40% del capitale.

di Marco Mairate27 febbraio 2009 | 08:54

Ieri Citigroup (una volta la più grande banca d’America e una delle prime nel mondo) e il Tesoro americano hanno raggiunto un accordo che prevede che Washington possa salire ulteriormente nel capitale della banca, convertendo le azioni privilegiate (già in suo possesso) in titoli ordinari.

In dettaglio l’operazione prevedeva la conversione dei titoli alle migliori condizioni del mercato (le migliori per il Governo ovviamente) e ha così portato alla conversione, con un raporto uno a uno, circa 25 miliardi di dollari di azioni privilegiate.

Così facendo il Tesoro detiene ora 45 miliardi di dollari di azioni privilegiate, acquistate in due momenti diversi.

Insieme a Washington, ora il gruppetto degli aficionados della banca più disastrata d’america e guidata da Vikram Pandit, vede tre fondi sovrani fianco a fianco ad Obama, investitori entrati nel capitale con uno spirito e a condizioni ben diverse.

Dopo questa operazione di conversione, il Governo ora possiede una quota della banca che sale dal 30 al 40%. Forte di questa quota, Washington ha chiesto che venga azzerato il board della banca ma indiscrezioni dicono che Pandit dovrebbe riuscire a mantenere il timone anche post – nazionalizzazione. L’operazione che dovrebbe essere annunciata nella giornata di oggi prevede inoltre che la banca passi i famosi stress test del Governo.

Di sicuro il Governo americano non ha ancora tecnicamente nazionalizzato Citigroup ma se in un momento qualsiasi decidesse di convertire i titoli privilegiati in ordinari, certo la partecipazione salirebbe ben oltre il 100% dell’attuale capitalizzazione di mercato, crollata a 12 miliardi di euro (lo stesso  controvalore di UniCredit).

Sempre secondo l’accordo raggiunto tra le parti, ogni qualvolta Washington dovesse intervenire nel capitale di Citi iniettando liquidità,  il capitale continuerebbe a diminuire facendo salire ulteriormente il Governo. Se questa non è una nazionalizzazione..

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Poca fiducia nelle banche e il confronto Renzi-Macron a ITForum 2017

I visitatori hanno avuto potuto esprimersi su due quesiti tramite sondaggio: "ti fidi delle banche?" ...

Mps, arriva l’OK di Consob e il titolo torna a salire a Piazza Affari

Mps apre in rialzo a Piazza Affari dopo il via libera della Consob alla riapertura dell’offerta pe ...

Allianz cede tre immobili a Milano a Kryalos Sgr

ALLIANZ CEDE TRE IMMOBILI A KRYALOS – Il fondo di investimento alternativo immobiliare riserva ...