BlueIndex, l’analisi di febbraio

A
A
A

Febbraio è andato male in borsa! Il sentiment è questo. Ma l’ufficio studi di BlueRating, attraverso il BlueIndex e le sue componenti, ha riscontrato che non è affatto vero.

di Redazione27 febbraio 2009 | 14:30

L’ultima seduta di febbraio sembra voler chiudersi all’insegna delle vendite, con le piazze finanziarie europee che, dopo i guadagni delle scorse sedute, hanno subito una inversione del trend. In rosso anche Piazza Affari, con l’S&P Mib che perde oltre il punto e mezzo percentuale. Migliore comunque delle altre piazze del vecchio continente, grazie al titolo UnICredit, che a metà seduta guadagna il punto percentuale.

Un mese carico di notizie, di trimestrali e decisamente all’insegna della volatilità. Ma guardando  giornali, e sentendo il mercato, il sentiment è che il mese trascorso abbia portato solo perdite. Ma è così veramente?
L’ufficio studi di BlueRating ha voluto eseguire una analisi sul BlueIndex, l’indice del risparmio gestito, e sui titoli che lo compongono, con l’obiettivo preciso di capire come è andato realmente febbraio in borsa.

Un risultato, (riportato in Tabella 1), tutt’altro che scontato. L’analisi fatta sul mese evidenza infatti che quasi un terzo dei titoli ha registrato performance positive, sovraperformando anche il BlueIndex, -5.49%. Inoltre i primi quattro: [s]State Street[/s], [s]Barclays[/s], [s]Goldman Sachs[/s] e [s]Deutsche Bank[/s] hanno messo a segno un rendimento superiore ai dieci punti. Forse i titoli di questi istituti scontano l’effetto leader, dato che sono i maggiori istituti finanziari nazionali. Tra le peggiori invece troviamo: [s]AXA[/s], [s]ING[/s] e l’americana [s]Citigroup[/s]. Sui primi due istituti hanno pesato i dati deludenti dell’ultimo quarter e le voci su possibili aumenti di capitale.

Un mese caldo invece per CitiGroup, sotto voci di nazionalizzazione, il titolo in poche sedute ha subito perdite da record, ed altrettanti recuperi, come confermato dai risultati dell’analisi,  una perdita del -32% sul mese, e un guadagno del +26% solo nelle ultime cinque sedute.Una performance questa che ha permesso a Citigroup di posizionarsi al primo posto sull’analisi settimanale, seguita da State Street e Deutsche Bank. Sui cinque giorni invece, come fanalino di coda, troviamo [s]Julius Baer[/s], la prima realtà di Private Banking Svizzera, forse penalizzata dal caso Segreto Bancario Svizzero.

Ma l’ultima settimana ha riportato in quota anche i titoli dei due maggiori gruppi finanziari italiani, UniCredit e Intesa Sanpaolo. Dopo un mese deludente, dove hanno perso rispettivamente il -21% ed il -16%, le ultime cinque sedute hanno permesso ai due titoli di attutire le perdite, grazie ad una performance del +13% e del +11%.

Positivo anche il dato sul BlueIndex, il confronto con i maggiori indici di borsa evidenzia che il risparmio gestito, rappresentato appunto dai 40 titoli del BlueIndex, ha tenuto. Sia sulla distanza del mese, sia sulle ultime cinque sedute, dove il guadagno è stato addirittura del 6%, contro uno 0.8% del S&P Mib. Un risultato questo che conferma una lenta ripresa del comparto. Anche il confronto con l’MSCI World, (Grafico 1), evidenzia che l’indice del risparmio gestito ha retto bene il mese, e specialmente nelle ultime sedute, dove ha sovraperformato il BlueIndex, rispetto all’indice mondiale.


Grafico 1. Confronto mensile BlueIndex – MSCI World (Fonte Bluerating.com)


Tabella 1. Performance di perido (Fonte Bluerating.cm)

Societa’ Listino di Riferimento Prezzo Valuta Var%
Allianz Deutsche borse (xetra) 54.58 EUR +9.33%
American Express Nyse 23.05 USD -3.82%
Anima Borsa Italiana 1.44 EUR 0.00%
Axa Euronext 8.00 USD +8.66%
Azimut Borsa Italiana 3.70 EUR +3.35%
Ba
nca Generali
Borsa Italiana 2.29 EUR +1.78%
Bank of NY Mellon Nyse 23.29 USD -2.10%
Barclays Lse 6.09 USD +2.69%
BlackRock Nyse 100.7 USD -4.57%
BNP BNP 27.19 EUR +12.1%
Citigroup Inc Nyse 2.46 USD -2.38%
Credit Agricole Euronext 8.08 EUR +8.43%
Credit Suisse Group Swiss Market Exchange 25.56 CHF +1.67%
Deutsche Bank Deutsche borse (xetra) 21.35 EUR +10.1%
Dexia Euronext 1.72 EUR +1.17%
Fortis Euronext 1.25 EUR +7.38%
FT Inv. Nyse 49.01 USD -2.35%
Goldman Sachs Nyse 92.15 USD +2.48%
Henderson Lse 81.5 GBp -0.91%
HSBC Investments Lse 527.0 GBp +7.00%
ING Euronext 4.13 EUR +20.0%
IntesaSanpaolo Borsa Italiana 1.99 EUR +6.19%
Invesco Nyse 12.25 USD +0.82%
Janus Capital Group Nyse 4.67 USD -4.49%
Jp Morgan Nyse 23.05 USD +6.07%
Julius Baer Swiss Market Exchange 28.42 CHF -5.26%
Legg Mason Nyse 13.56 USD -1.31%
Man Group Lse 184.4 GBp +3.88%
Mediobanca Borsa Italiana 6.39 EUR +2.32%
Mediolanum Borsa Italiana 2.60 EUR +0.19%
Morgan Stanley Nyse 21.33 USD -1.97%
Montepaschi Siena Borsa Italiana 1.00 EUR +1.11%
Natixis Euronext 1.13 EUR +8.73%
Nordea bank Omxnordicexchange 46.3 SEK +8.43%
Raiffeisen Wiener Borse 14.62 EUR -1.54%
Schroders Lse 739 GBp +4.01%
Skandia (Old Mutual) Lse 47.00 GBp +15.7%
State Street Nyse 27.17 USD +5.43%
Ubs Swiss Market Exchange 10.1 CHF +2.53%
Unicredit Borsa Italiana 1.01 EUR +6.01%
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Fiat Chrysler Automobiles parte in retromarcia a Piazza Affari

AVVIO DI GIORNATA IN ROSSO – Partenza turbolenta per il titolo Fiat Chrysler Automobiles a Pia ...

Generali: attesa per cessioni riporta interesse sul titolo

GENERALI IN RIALZO A MILANO – Generali recupera terreno in borsa, col titolo che si porta sui ...

Mediolanum, il tesoro di lady Doris

La moglie del fondatore segna una plusvalenza di 32 milioni sulla sua partecipazione tramite T-Inves ...