Mark-to-Market: stop alle svalutazioni miliardarie

A
A
A

Piccola rivoluzione nelle valutazioni degli asset ‘tossici’ presenti nei bilanci delle banche. Un nuovo principio contabile potrebbe risollevare di non poco i bilanci delle istituzioni finanziarie e magari far ripartire il mercato del credito.

di Marco Mairate3 aprile 2009 | 08:21

Secondo quanto proposto dal Financial Accounting Standards Board (FASB) le società finanziarie potebbero avere in fguturo maggior flessibilità nell’utilizzo delle regole mark-to-market, pratica che in questi mesi ha costretto le banche a miliardi di dollari di svalutazioni.

Secondo coloro che sostengono il cambiamento, l’aver costretto le banche a svalutare gli asset a prezzi stracciati è una delle cause che hanno esacerbato la crisi finanziaria durante un momento in cui i mercati del credito erano pressoché fermi.

MARK TO MARKET:  UNA PRATICA ODIATA

La regola del Mark-to-Market richiede che gli asset vengoano valutati al prezzo al quale questi potrebbero essere ceduti.

Dozzine di lobby bancarie, dalla American Bankers Association, la Camerca di Commercio e la Mortgage Bankers Association, hanno tutte fatto pressione sulla FASB e la SEC perché queste regole possano trovare maggior flessibilità in un mercato così poco liquido.

In base alla proposta della FASB, le società finanziarie potranno esercitare maggior libertà nella determinazione se un mercato per una determinata categoria di asset risulta inattivo e se un’operazione è distressed.

Le banche potrebbero inoltre riferirsi maggiormente a modelli di cash flow per stabilire i prezzi degli asset, da cui potrebbero uscire prezzi più generosi di quanto stabilisce il mercato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Real estate, opportunità residenziale

Quarto anno di crescita per il mercato immobiliare residenziale ...

Azimut: “Piano di acquisto completato da 1.200 colleghi”

Quasi 1.200 colleghi partecipanti al patto di sindacato hanno completato il piano di acquisto di azi ...

Oro, si raffredda la domanda

RALLENTA LA CORSA ALL’ORO – La domanda di oro nel secondo trimestre del 2017 è calata d ...