Nel primo trimestre 2009 Pil USA in calo

A
A
A

Il dato del Pil degli Stati Uniti delude le attese degli analisti. Nel primo trimestre dell’anno il calo è stato del 5,7%. Sul fronte italiano nuova puntata del caso Agricole-Generali.

di Cosimo Baccaro29 maggio 2009 | 16:04

Oggi il Dipartimento del commercio americano ha comunicato il dato sul Prodotto Interno Lordo  degli Stati Uniti d’America.
Trenta giorni fa il dipartimento aveva reso noto un dato preliminare che era del 6,2%, ma oggi ha rivisto al rialzo la stima per il primo trimestre 2009 al -5,7%. Il consensus degli analisti era però del 5,5%, quindi il dato è risultato inferiore alle attese.
Il Pil, che rappresenta il valore totale di tutti i beni e servizi prodotti e venduti all’interno di un paese, è un dato molto rappresentativo per tastare la salute di un paese. Per questo motivo possiamo ben dire che la salute degli Stati Uniti non è delle migliori. Comunque guardando al quarto trimestre del 2008, quando il dato del Pil è stato del -6,3%, si intravede un lieve recupero. Possiamo dire che il punto più basso l’economia americana l’ha toccato nell’ultimo trimestre dell’anno scorso, per cui adesso sebbene lontana la luce in fondo al tunnel si comincia ad intravedere.
Ma dobbiamo sempre ricordare che la strada per uscire dalla crisi sembra lontana. Per la prima volta dal 1974 il Pil degli USA non si contraeva per tre trimestri consecutivi. Inoltre negli ultimi due trimestri il Pil ha subito la contrazione più forte degli ultimi 60 anni. La contrazione su base annuale nel primo trimestre è stata del 2,5%, con una flessione mai così forte dal 1982 in poi. Anche gli investimenti crollano del 36,9%, mentre gli utili sono in calo del 22%, anche se su base trimestrale il dato risulta in crescita.
In definitiva il dato è deludente nel complesso, ma rispetto a trenta giorni fa la stima è stata vista al rialzo per cui dobbiamo attendere il prossimo trimestre per capire se gli Stati uniti potranno finalmente dirsi in ripresa e fuori dalla crisi.

In Italia le dichiarazioni dell’amministratore delegato di Generali, [p]Giovanni Perissinotto[/p], danno vita ad una nuova puntato del caso Agricole-Generali.
Infatti il patto fra Credit Agricole e [s]Generali[/s] è stato sospeso fino al 30 giugno. La sospensione è però solo “di fatto” e non valida giuridicamente.
Le parti in causa, quindi Intesa Sanpaolo, Credit Agricole e Generali, hanno la possibilità fino al 15 giugno di chiedere all’Antitrust di essere sentiti in merito alla querelle e di esporre le proprie posizioni.
L’accordo formale prevede che le tre parti sospendano in maniera volontaria le consultazioni fino al 30 giugno. Inoltre le parti si impegano ad aggiornare il patto in modo tale che gli interessi di tutti non entrino in contrasto da quanto previsto dall’Antitrust.
L’antitrust, nella persona del suo presidente Catricalà, ha comunque fatto intuire che ritiene insufficiente questa misura adottata , in quanto preferirebbe un completo annullamento del patto o comunque un ammorbidimento del patto in maniera tale che Agricole smobilizzi la sua partecipazione senza però andare incontro ad una super svalutazione che peserebbe fortemente nel prorpio bilancio.
Da tutte le parti attrici di questo film arrivano dichiarazioni concilianti, perchè tutti auspicano in una pronta e positiva chiusura del caso. Ma la soluzione non sembra nè così facile nè così vicina, per cui i più pensano che sarà l’Antitrust ad avere l’ultima parola sul caso.

Societa’ Listino di Riferimento Prezzo Valuta Var%
Allianz Deutsche Börse (XETRA) 69,55 EUR -0,50%
American Express NYSE 24,30 USD 3,40%
Axa EURONEXT 13,11 EUR -3,96%
Azimut BORSA ITALIANA 6,65 EUR -0,23%
Banca Generali BORSA ITALIANA 5,51 EUR -0,45%
Bank of NY Mellon NYSE 27,82 USD 1,42%
Barclays LSE 18,80 USD 4,79%
BlackRock NYSE 153,33 USD 2,83%
BNP EURONEXT 47,60 EUR -0,42%
BPM BORSA ITALIANA 4,75 EUR -0,94%
Citigroup Inc NYSE 3,67 USD -0,81%
Credit Agricole EURONEXT 10,17 EUR -1,74%
Credit Suisse Group SWISS MARKET EXCHANGE 46,68 CHF -2,02%
Deutsche Bank Deutsche Börse (XETRA) 46,80 EUR -2,40%
Dexia EURONEXT 4,30 EUR -3,80%
Fortis EURONEXT 2,75 EUR -1,79%
FT Inv. NYSE 64,44 USD 3,89%
Goldman Sachs NYSE 144,65 USD 3,31%
Henders n LSE 82,50 GBp 0,92%
HSBC Investments LSE 545,25 GBp -1,04%
ING EURONEXT 7,54 EUR -5,87%
IntesaSanpaolo BORSA ITALIANA 2,53 EUR -1,84%
Invesco NYSE 15,23 USD 3,96%
Janus Capital Group NYSE 9,69 USD 3,86%
Jp Morgan NYSE 36,65 USD 5,74%
Julius Baer SWISS MARKET EXCHANGE 44,00 CHF -2,87%
Legg Mason NYSE 18,34 USD 1,61%
Man Group LSE 232,75 GBp -6,90%
Mediobanca BORSA ITALIANA 8,47 EUR -1,80%
Mediolanum BORSA ITALIANA 3,43 EUR -2,49%
Morgan Stanley NYSE 29,43 USD 2,87%
Montepaschi Siena BORSA ITALIANA 1,22 EUR -2,08%
Natixis EURONEXT 1,42 EUR -4,59%
Nordea bank OMXNORDICEXCHANGE 59,70 SEK 2,05%
Raiffeisen wienerborse 27,10 EUR 1,23%
Schroders LSE 833,00 GBp -4,36%
Skandia (Old Mutual) LSE 73,30 GBp -0,27%
State Street NYSE 44,69 USD 3,38%
Ubs SWISS MARKET EXCHANGE 15,65 CHF -1,20%
Unicredit BORSA ITALIANA 1,84 EUR -1,56%

Dati di chiusura del 28 maggio 2009, fonte Bluerating.com;

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Blueindex: corre Gam, cade Legg Mason

Blueindex: è tempo di trimestrali ma occhio al dollaro

Blueindex: ottimo finale di settimana per Gam Holding

Blueindex: la Yellen dà la carica ai titoli del risparmio gestito

Blueindex: brilla Banco Bpm, Janus Henderson Group in coda al gruppo

Blueindex: Deutsche Bank brilla, Wall Street festeggia l’Independence Day

Blueindex: seduta a passo di carica per le banche italiane

Blueindex: Man Group si riporta sui valori visti a fine maggio

Blueindex: in attesa di una soluzione per Bpvi e Veneto Banca i titoli bancari calano

Blueindex: a tener banco è sempre la crisi bancaria italiana

Blueindex: Old Mutual torna a mettersi in luce

Bluerating: corre Raiffeisen International, frenano Deutsche Bank e Natixis

Blueindex: le indiscrezioni fanno bene a Banco Bpm

Blueindex: finale di ottava a tutto gas per Banco Bpm

Blueindex: siamo in piena stagione delle trimestrali

Blueindex: corre Banca Generali, Banco Bpm torna a cedere terreno

Blueindex: Azimut continua a correre grazie ai numeri

Blueindex: bene Axa e Bnp Paribas, le parole di Trump frenano Wall Street

Invesco e Janus Capital brillano sul Blueindex, male Deutsche Bank e Unicredit

Sul Blueindex brilla Gam, bene anche le banche italiane

Blueindex: American Express vola dopo la trimestrale

Blueindex: una giornata memorabile per Unicredit

Bluerating, torna a brillare Legg Mason

Blueindex: su Janus Capital tornano ordini d’acquisto

Blueindex, una seduta in equilibrio quasi perfetto

Blueindex: Schroders in luce, frena Deutsche Bank

Blueindex: ancora acquisti su Henderson Group

Blueindex: Gam Holding torna a correre, frena Unicredit

Blueindex: Credit Agricole ringrazia Barclays e scatta in testa

Blueindex: State Street e Banca Mediolanum salgono in controtendenza

Blueindex: brilla Banca Mediolanum, sottotono Azimut

Blueindex: Credit Agricole torna in testa in una giornata positiva per i bancari europei

Blueindex: Barclays si fa vedere, frena American Express

Ti può anche interessare

Dow Jones sopra i 20 mila punti per la prima volta nella sua storia

DOW JONES SOPRA I 20 MILA PUNTI – Avvio di seduta positiva a Wall Street, dove l’indice Dow ...

Mps, cartolarizzazione Npl pare in stallo

NPL, IL PROBLEMA RESTA IL PREZZO – Il problema attorno a cui ruota da più di due anni la cris ...

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

ATTENTI A VANGUARD – Se la storia è maestra, gli investitori dovrebbero stare attenti a cosa ...