BlueIndex – UBS, pronta a risarcire il fisco USA

A
A
A

UBS nel weekend scorso ha annunciato una mega ricapitalizzazione da 3,8 miliardi di franchi. E oggi arriva la notizia, non confermata dalla banca svizzera, di un possibile patteggiamento con lo Stato americano.

di Cosimo Baccaro29 giugno 2009 | 14:45

La banca svizzera UBS è sempre più al centro delle vicende finanziarie non solo europee, ma anche di quelle oltreoceano.
Durante il weekend appena trascorso i vertici del gruppo bancario sono volati a Singapore e hanno approvato un ingente aumento di capitale nell’ordine di quasi 4 miliardi di franchi.
Questa manovra si è diventata indispensabile alla luce degli outlook sui conti del secondo trimestre della banca elvetica, che sono previsti ancora in perdita a causa degli oneri legati al piano di ristrutturazione.
Il piano prevede il collocamento di 293,3 milioni di azioni presso gli investitori istituzionali al prezzo di 13 franchi per azione per una raccolta totale di 3,8 miliardi di franchi, circa 2,5 miliardi di euro. Le azioni saranno dunque offerte a sconto, in quanto il prezzo del titolo è superiore a questo valore. La notizia dell’aumento di capitale ha però provocato una caduta del prezzo del corso azionario, che così si è avvicinato al valore di collocamento.

Questo aumento di capitale è il quarto in un anno e mezzo per UBS.
Naturalmente i più entusiasti di questa manovra sono le autorità di vigilanza svizzere nonché la banca centrale elvetica, che premono affinché la più grande banca del paese torni presto alla stabilità finanziaria e si lasci alle spalle definitivamente la crisi. In Borsa come già detto la manovra non è stata vista di buon occhio, ma questo è normale, e comunque gli analisti nonostante la perdita prevista nel secondo trimestre tendono a dare fiducia al gruppo scommettendo in una pronta ripresa.

Questo fino a ieri. Oggi da indiscrezioni del quotidiano svizzero Sonntag si apprende che UBS potrebbe chiudere il contenzioso con il governo degli Stati Uniti patteggiando un risarcimento fra i 3 e i 5 miliardi di franchi svizzeri.
La vicenda è nota e vede i contendenti, UBS da una parte e il fisco americano dall’altra, confrontarsi su una spinosa vicenda di evasione fiscale.
La banca elvetica non ha rilasciato nessun comunicato per confermare la notizia, ma se la notizia dovesse trovare riscontro avrebbe una grande rilevanza.
Infatti pagando questa grossissima cifra, la banca finalmente metterebbe fine all’incertezza che grava intorno alla società e potrebbe preservare il segreto bancario dei 52.000 clienti americani. Il pagamento della cifra non costituirebbe comunque una ammissione di colpa, ma solo la risoluzione della questione in tempi brevi senza, per così dire, ulteriore spargimento di sangue.
Sempre secondo il giornale svizzero l’accordo dovrebbe essere firmato tra il 1 ed il 13 luglio. 

Societa’ Listino di Riferimento Prezzo Valuta Var%
Allianz Deutsche Börse (XETRA) 63,39 EUR -2,78%
American Express NYSE 23,76 USD -2,78%
Axa EURONEXT 13,41 EUR 0,26%
Azimut BORSA ITALIANA 6,91 EUR 0,00%
Banca Generali BORSA ITALIANA 5,61 EUR -2,01%
Bank of NY Mellon NYSE 29,36 USD -0,84%
Barclays LSE 17,96 USD 0,45%
BlackRock NYSE 177,88 USD 1,47%
BNP EURONEXT 46,08 EUR -0,84%
BPM BORSA ITALIANA 4,08 EUR -2,34%
Citigroup Inc NYSE 3,03 USD 0,00%
Credit Agricole EURONEXT 9,05 EUR -0,95%
Credit Suisse Group SWISS MARKET EXCHANGE 48,26 CHF 4,01%
Deutsche Bank Deutsche Börse (XETRA) 43,60 EUR 0,35%
Dexia EURONEXT 5,40 EUR -3,40%
Fortis EURONEXT 2,37 EUR -0,59%
FT Inv. NYSE 71,85 USD 1,18%
Goldman Sachs NYSE 146,74 USD 1,60%
Henderson LSE 90,50 GBp 1,69%
HSBC Investments LSE 510,00 GBp 0,89%
ING EURONEXT 7,13 EUR -1,25%
IntesaSanpaolo BORSA ITALIANA 2,27 EUR -0,55%
Invesco NYSE 17,63 USD 4,01%
Janus Capital Group NYSE 11,71 USD 3,72%
Jp Morgan NYSE 34,45 USD 0,91%
Julius Baer SWISS MARKET EXCHANGE 41,46 CHF 2,42%
Legg Mason NYSE 25,37 USD 3,26%
Man Group LSE 276,25 GBp -1,16%
Mediobanca BORSA ITALIANA 8,26 EUR -0,30%
Mediolanum BORSA ITALIANA 3,71 EUR 1,09%
Morgan Stanley NYSE 28,62 USD 2,69%
Montepaschi Siena BORSA ITALIANA 1,10 EUR -0,63%
Natixis EURONEXT 1,39 EUR -1,00%
Nordea bank OMXNORDICEXCHANGE 59,70 SEK 0,51%
Raiffeisen wienerborse 24,43 EUR -0,77%
Schroders LSE 816,50 GBp -0,67%
Skandia (Old Mutual) LSE 78,00 GBp 2,56%
State Street NYSE 48,33 USD 1,79%
Ubs SWISS MARKET EXCHANGE 13,22 CHF -5,37%
Unicredit BORSA ITALIANA 1,77 EUR -2,26%

Dati di chiusura del 26 giugno 2009, fonte Bluerating.com;

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Blueindex: corre Gam, cade Legg Mason

Blueindex: è tempo di trimestrali ma occhio al dollaro

Blueindex: ottimo finale di settimana per Gam Holding

Blueindex: la Yellen dà la carica ai titoli del risparmio gestito

Blueindex: brilla Banco Bpm, Janus Henderson Group in coda al gruppo

Blueindex: Deutsche Bank brilla, Wall Street festeggia l’Independence Day

Blueindex: seduta a passo di carica per le banche italiane

Blueindex: Man Group si riporta sui valori visti a fine maggio

Blueindex: in attesa di una soluzione per Bpvi e Veneto Banca i titoli bancari calano

Blueindex: a tener banco è sempre la crisi bancaria italiana

Blueindex: Old Mutual torna a mettersi in luce

Bluerating: corre Raiffeisen International, frenano Deutsche Bank e Natixis

Blueindex: le indiscrezioni fanno bene a Banco Bpm

Blueindex: finale di ottava a tutto gas per Banco Bpm

Blueindex: siamo in piena stagione delle trimestrali

Blueindex: corre Banca Generali, Banco Bpm torna a cedere terreno

Blueindex: Azimut continua a correre grazie ai numeri

Blueindex: bene Axa e Bnp Paribas, le parole di Trump frenano Wall Street

Invesco e Janus Capital brillano sul Blueindex, male Deutsche Bank e Unicredit

Sul Blueindex brilla Gam, bene anche le banche italiane

Blueindex: American Express vola dopo la trimestrale

Blueindex: una giornata memorabile per Unicredit

Bluerating, torna a brillare Legg Mason

Blueindex: su Janus Capital tornano ordini d’acquisto

Blueindex, una seduta in equilibrio quasi perfetto

Blueindex: Schroders in luce, frena Deutsche Bank

Blueindex: ancora acquisti su Henderson Group

Blueindex: Gam Holding torna a correre, frena Unicredit

Blueindex: Credit Agricole ringrazia Barclays e scatta in testa

Blueindex: State Street e Banca Mediolanum salgono in controtendenza

Blueindex: brilla Banca Mediolanum, sottotono Azimut

Blueindex: Credit Agricole torna in testa in una giornata positiva per i bancari europei

Blueindex: Barclays si fa vedere, frena American Express

Ti può anche interessare

Bluerating AWARDS, ecco i cf FinecoBank

La rete del gruppo Unicredit ha indicato i nomi dei professionisti che concorreranno per il premio f ...

Unipol sugli scudi dopo annuncio creazione bad bank

BAD BANK PER UNIPOL BANCA – La “bad bank” sembra essere il grande successo dell’estate 2 ...

La matricola sostenuta da Azimut fa il botto in borsa

Pharmanutra, società sostenuta da un fondo chiuso promosso dal gruppo fondato da Pietro Giuliani, ...