Credit Suisse vuole prestare sempre di più ai clienti facoltosi

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi2 marzo 2017 | 12:37

CREDIT SUISSE PRESTA SOLDI AI CLIENTI FACOLTOSI – Credit Suisse prevede che l’offerta di finanziamenti agli individui più benestanti al mondo aiuterà il gruppo a rendere profittevole la sua scommessa sui servizi di wealth management. Secondo quanto ha rivelato il Chief financial officer (Cfo, direttore finanziario) David Mathers, circa un terzo dei 30,2 miliardi di franchi svizzeri di afflussi patrimoniali netti registrati lo scorso anno dalle divisioni International Wealth Management e Asia Pacific sono legati ai servizi di finanziamento e la percentuale potrebbe salire in futuro.

PRESTITI FAVORISCONO CRESCITA PRIVATE BANKING – In un’intervista a Reuters Mathers ha spiegato che sviluppandosi l’offerta di wealth management di Credit Suisse fuori dalla Svizzera, “certamente riteniamo che l’attività di prestito sia una componente core della nostra offerta” e pertanto il manager si attende “che cresca” ulteriormente. Sotto la guida del Ceo Tidjane Thiam, Credit Suisse ha intrapreso una riconversione strategica da un modello di business bancario “classico” verso uno incentrato sul wealth management, mettendo meno enfasi sull’investment banking.

PIU’ FINANZIAMENTI OGGI, PIU’ UTILI DOMANI – Offrire finanziamenti può rivelarsi un circolo virtuoso perché i clienti facoltosi tendono a reinvestire il denaro ottenuto in prestito in attività di private banking che così possono contare su questa nuova fonte di finanziamento. Una raccolta netta positive è dunque un importante predittore di future utili per il private banking stesso, l’importante è riuscire a mantenere su livelli minimi il tasso di perdite sui prestiti e per questo, ha sottolineato Mathers, la banca svizzera sta assumendo personale nelle posizioni di supervisione, così da tenere sotto controllo la qualità del credito erogato.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn2Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Blueindex: in attesa di una soluzione per Bpvi e Veneto Banca i titoli bancari calano

Intesa Sanpaolo sale in Borsa, pronta a comprare asset da Bpvi e Veneto Banca

Piazza Affari: oggi occhio a Intesa Sanpaolo e Banca Carige

Moody’s lima i rating delle banche australiane

Blueindex: a tener banco è sempre la crisi bancaria italiana

Piazza Affari: occhio alle banche

Aumento Banco Santander, la lista dei potenziali collocatori si allunga

Attica Bank pronta a dimezzare la sua esposizione ai crediti deteriorati

Unicredit e Intesa Sanpaolo prudenti dopo nuove voci su salvataggio banche venete

Banco Popular, per Single Resolution Board non c’erano alternative al bail in

Ti può anche interessare

Unicredit in luce a Piazza Affari dopo cessione Pioneer Pekao

UNICREDIT ESCE ANCHE DA PIONEER PEKAO – Unicredit in rialzo di quasi 2 punti percentuali nelle ...

Royal Bank of Scotland in calo a Londra dopo bocciatura stress test

Royal Bank of Scotland non passa gli stress test, rafforzerà il capitale per 2 miliardi tramite ces ...

Vanguard, il nuovo sceriffo del risparmio gestito

Costi bassissimi e nessun conflitto di interessi. Così il gruppo guidato da McNabb è diventato il ...