Credit Suisse vuole prestare sempre di più ai clienti facoltosi

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi2 marzo 2017 | 12:37

CREDIT SUISSE PRESTA SOLDI AI CLIENTI FACOLTOSI – Credit Suisse prevede che l’offerta di finanziamenti agli individui più benestanti al mondo aiuterà il gruppo a rendere profittevole la sua scommessa sui servizi di wealth management. Secondo quanto ha rivelato il Chief financial officer (Cfo, direttore finanziario) David Mathers, circa un terzo dei 30,2 miliardi di franchi svizzeri di afflussi patrimoniali netti registrati lo scorso anno dalle divisioni International Wealth Management e Asia Pacific sono legati ai servizi di finanziamento e la percentuale potrebbe salire in futuro.

PRESTITI FAVORISCONO CRESCITA PRIVATE BANKING – In un’intervista a Reuters Mathers ha spiegato che sviluppandosi l’offerta di wealth management di Credit Suisse fuori dalla Svizzera, “certamente riteniamo che l’attività di prestito sia una componente core della nostra offerta” e pertanto il manager si attende “che cresca” ulteriormente. Sotto la guida del Ceo Tidjane Thiam, Credit Suisse ha intrapreso una riconversione strategica da un modello di business bancario “classico” verso uno incentrato sul wealth management, mettendo meno enfasi sull’investment banking.

PIU’ FINANZIAMENTI OGGI, PIU’ UTILI DOMANI – Offrire finanziamenti può rivelarsi un circolo virtuoso perché i clienti facoltosi tendono a reinvestire il denaro ottenuto in prestito in attività di private banking che così possono contare su questa nuova fonte di finanziamento. Una raccolta netta positive è dunque un importante predittore di future utili per il private banking stesso, l’importante è riuscire a mantenere su livelli minimi il tasso di perdite sui prestiti e per questo, ha sottolineato Mathers, la banca svizzera sta assumendo personale nelle posizioni di supervisione, così da tenere sotto controllo la qualità del credito erogato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Una banca da cani

Fideuram Ispb, gli 11 big di marzo

L’appello green di Bny Mellon alle banche

Diamanti in banca, partono le azioni legali

Il futuro della banca non è in banca

Banca IMI cavalca l’inflazione Usa

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

10 trend per capire le banche nel 2018

Ing scatta sull’innovazione

Ti può anche interessare

Generali: attesa per cessioni riporta interesse sul titolo

GENERALI IN RIALZO A MILANO – Generali recupera terreno in borsa, col titolo che si porta sui ...

Short irregolare su Saipem, stangata per Orca Capital

Sotto la lente dell'autorità sono finite le vendite allo scoperto e le posizioni nette corte su azi ...

Banca Carige resta in attesa delle decisioni del Cda

CARIGE SOTTO I RIFLETTORI – Occhi puntati su Banca Carige, che in avvio di giornata resta vici ...