Continua la discesa dei prezzi alla produzione

A
A
A

I dati Istat mostrano un calo dello 0,4% a luglio rispetto a giugno, mentre la diminuzione è del 7,5% se paragonato al dato di luglio 2008.

di Fabio Coco28 agosto 2009 | 10:20

A luglio, l’indice totale dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali è sceso dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 7,5% rispetto all’analogo mese di un anno fa. Ad affermarlo, l’ultima rilevazione dell’Istat. Nel raffronto tra la media degli ultimi tre mesi ed i tre mesi precedenti, l’indice è, invece, diminuito dello 0,2%.

“Nel mese di luglio, l’indice dei prezzi dell’insieme dei prodotti industriali (venduti sui mercati interno ed estero) ha registrato, rispetto a giugno, variazioni negative per i beni strumentali (meno 0,1 per cento) e per l’energia (meno 2,4 per cento), mentre è rimasto invariato per i beni di consumo e per i beni intermedi”.

Per quanto riguarda l’indice relativo ai prezzi dei prodotti venduti sul mercato interno, il dato è calato dello 0,6% su base congiunturale e dell’8,5% su base tendenziale. Nella media degli ultimi tre mesi l’indice è diminuito dello 0,3 per cento rispetto alla media dei tre mesi precedenti. Per i beni venduti sul mercato estero, invece, l’indice è diminuito dello 0,2% in termini congiunturali ed ha subito un calo del 4% in termini tendenziali.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Npl, le banche tedesche fanno peggio di quelle italiane

Btp tricolore, a giorni un nuovo collocamento

Italia sotto esame, G20: bene il monitoraggio del Fmi

Isae, torna a calare la fiducia dei consumatori

Quando il legale torna a riprendersi il cliente

Partecipare agli utili d'impresa. La scelta dei professionisti

AAA, cercasi risorse in finanza e controllo

Italia: disoccupazione record, bruciati 378mila posti

Rating – Fitch conferma, Italia tra crisi e deficit

Banche – Bonus ingiusti

I settori più ricercati in ambito finanziario

Gabbie salariali, i professionisti non le vogliono

Migliora la fiducia dei consumatori italiani

Ripresa della domanda, ma sotto le foglie d'autunno

In 540 mila perderanno il lavoro entro l'anno

Bankers italiani, stabilità lavorativa o retribuzione?

Oppressione fiscale: Italia prima tra i paesi Ocse

Ripresa economica a rischio ricaduta

Nuovo record negativo per il debito pubblico italiano

Se perdo il posto, rimango senza sedia!

Il crollo Lehman non spegne le speranze dei neolaureati

Private Equity – Freno a mano in discesa per l'Italia

Decreto anti-crisi: pronta la manovrina da 2 miliardi

Ocse, Italia in recessione. Pil al -5,5%

Italia, record europeo della tassazione sul lavoro

Ancora in calo l'industria italiana

Fondi comuni trainati dall'ottimismo cinese

Fondi comuni, il prodotto del giorno

I paesi emergenti battono gli industrializzati anche nel lungo periodo

Ti può anche interessare

Generali sale ancora, i broker aggiornano giudizi e target price su Trieste

GENERALI ANCORA IN ALLUNGO – Continua anche stamane la corsa di Generali, al momento indicata ...

Hsbc Holdings rovina la mattinata alle borse europee

DOLLARO IN RIALZO, BORSE EUROPEE INCERTE – Inizio di mattinata contrastato sui mercati europei ...

Carmignac: attenti a Donald Trump, è un rigoroso neo mercantilista

TRUMP NEO-MERCANTILISTA – Il programma economico di Donald Trump non è né incoerente né imp ...