Il destino del greeback

A
A
A

Quale sarà il destino del dollaro? La mancanza di dati venerdì ha permesso un temporaneo riassestamento nel valore del greenback contro le major, ma a giudicare dalla price action è stato un recupero momentaneo.

di Redazione21 settembre 2009 | 06:52

Intanto i mercati azionari proseguono la corsa verso 10,000 (Dow) e 1100 (S&P) e finchè non raggiungono questi target psicologici probabilmente il mercato sarà pro-rischio e quindi il dollaro potrebbe rimanere sotto pressione.

Dunque volgiamo lo sguardo a indicatori di sentiment per avere qualche supporto decisionale in più, qualche tassello del puzzle in più che ci possa aiutare a capire quando il dollaro sarà stanco di prendere palate. A questo proposito il Committment of Traders (report della CFTC che esce settimanalmente) mostra un incremento delle posizioni lunghe EurUsd, e soprattutto AudUsd, raggiungendo valori superiori a marzo 2008 (quando, ricordiamolo, l’EurUsd ha ripiegato con decisione). Questa settimana il destino del Usd è nelle mani del FOMC (mercoledì) e del G20 (venerdì); tutto quanto precede quelle date sarà speculazione pura che consumerà i nervi dei trader tra oggi e domani.

Chiaramente ci aspettiamo un annuncio leggermente più ottimistico da parte di Bernanke, e di pari passo un dollaro che riprende terreno mentre inizia di nuovo a muoversi in linea con i fondamentali. Oggi intanto l’Asia è fuori gioco per festività nazionali, e quindi i movimenti di Jpy, Sgd, Aussie e Nzd dipenderanno esclusivamente da noi europei e dagli USA. 

Nell’Eurozona questa settimana abbiamo l’IFO, il PMI  manifatturiero e dei servizi. Forse stiamo arrivando al momento in cui eventuali sorprese sui dati possono iniziare a condurre i movimenti dei cambi di nuovo. In ogni caso è grossa l’incertezza dell’euro! Come abbiamo descritto negli ultimi giorni della settimana scorsa, una volta giunto al massimo dell’ultimo anno il cambio sembra avere trovato una sorta di equilibrio.

Ora siamo nei pressi di 1.4680 e se l’eurodollaro dovesse riuscire a rompere il supporto di 1.4650 potremo assistere ad una discesa repentina sino al supporto di 1.4590.

EurUsd – 60 min

Se il dollaro nei confronti dello yen dovesse riuscire ad oltrepassare la resistenza di 91.65 (livello di due massimi precedenti su un grafico a 240 minuti, confermato inoltre dalla trendline superiore della regressione lineare indirizzata a ribasso ed iniziata a 97.78 il 7 di agosto scorso), peraltro neanche troppo lontana, sarebbe da attendersi una ripresa sino ad un’area nei pressi di 93.

È quasi giunto a destinazione l’euro, nei confronti della sterlina. Il cambio ora nei pressi di 0.9050 è atteso che possa salire ancora una trentina di pips e giungere sino a 0.9080. Per aprire nuove posizioni a favore di euro è consigliabile attendere sino a che il cambio dovesse mettere segno uno storno a 0.8850.

Lo storno di più di una figura dai massimi degli ultimi mesi, pone il cambio AudUsd in un’ottima posizione per chi volesse approfittare della situazione. Tecnicamente potrebbe essere sensato attendere il supporto di 0.8550, quindi ancora una figura di storno, peraltro in linea con un eurodollaro in discesa ed un dollaro yen in salita, tutt’altro che uno scenario irrealizzabile nel breve.

Concludiamo con l’eurofranco, dove oltre agli oramai noti livelli di 1.51 e 1.5230, possiamo consigliare di porre attenzione, nell’immediato, alla tenuta di 1.5130, per un ritorno nelle prossime ore a 1.5170.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

Euro debole, lo yuan potrebbe imitarlo a breve

Ti può anche interessare

Conti in rosso per Commerzbank, pesa la ristrutturazione in atto

Trimestrale in rosso per Commerzbank: sui conti dell’istituto guidato da Martin Zielke pesa la pro ...

Unicredit, aumento con sconto del 38%

UNICREDIT, AUMENTO A 8,09 EURO – Occhi puntati sull’apertura del titolo Unicredit a Piazza ...

ING Groep preferisce concentrare i suoi trader a Londra

ING Groep controcorrente: intende spostare i suoi trader aLondra, per ridurre i costi e razionalizza ...