Scudo Fiscale – Protezione familiare

A
A
A

Lo scudo potrà essere esteso anche ad altri membri della famiglia, per arrestare il redditometro usato nei confronti del parente. Per far valere lo scudo anche sul coniuge o su di un familiare, però, l’aderente dovrà rinunciare all’anonimato.

di Giacomo Berdini21 settembre 2009 | 09:00

Lo Scudo diventa protettivo anche nell’ambito familiare.

L’evoluzione della prassi dell’agenzia delle Entrate in materia di accertamenti sintetici ha portato in evidenza, nel corso degli ultimi anni, l’opportunità di valutare le capacità contributive delle famiglie.
Dall’intreccio di questi procedimenti  con le disposizioni sul rientro dei capitali è venuta a crearsi la possibilità di un nuovo incentivo per lo Scudo Fiscale. L’aderente, infatti, avrà la capacità di estendere la copertura anche a favore di un coniuge o familiare, fermando così eventuali procedimenti di accertamento sintetico in corso.

L’esigenza di questa opzione si è presentata in seguito all’uso crescente, da parte della Direzione centrale dell’agenzia delle Entrate, di prendere in considerazione la posizione reddituale dell’intero nucleo familiare nel corso degli accertamenti. Si è rilevato infatti che, per una valutazione completa delle capacità contributive, è necessario spesso controllare i redditi degli altri componenti del nucleo, anche per riscontrare delle discrepanze tra il tenore di vita e il reddito dichiarato. Quindi, per incoraggiare l’adesione all’iniziativa sul rientro/regolarizzazione dei capitali, si è deciso di dare la possibilità al contribuente che gode della protezione Scudo di dispiegare quest’ombrello protettivo anche su di un familiare, in modo da arrestare il redditometro in corso sul suo conto.
Questa opzione, tuttavia, costerà all’aderente le sue condizioni di anonimato. Il vantaggio infatti presenta uno scotto da pagare: la rinuncia alla riservatezza in cambio dello scudo levato a difesa del parente.

I ritocchi allo norma verranno discussi in aula domani, e si prevede un clima tutt’altro che tranquillo.
La partenza fiacca di questa edizione ha stimolato la creazione di nuovi incentivi, ma c’è chi ancora è scettico riguardo al successo della campagna governativa.
Il “target” interessato dall’iniziativa infatti, secondo gli operatori del settore, è per lo più composto da coloro che hanno disertato le opportunità di rimpatrio durante le due edizioni precedenti, e che continuano ad essere i più “duri da convincere”.
Non resta che attendere aggiornamenti dalle Commissioni Finanze e Bilancio del Senato.
 
 
  

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs Wm vede all’orizzonte una correzione per l’euro

Ambrosetti, a Cernobbio il Forum fa il tagliando all’economia

Le criticità dei mercati alla prova dell’intelligenza del rischio

Peters: “La prossima crisi sarà devastante”

Successo di gruppo

Credit Suisse e Lbs scoprono chi ha reso di più come azioni e bond dal 1900 a oggi

Goldman Sachs AM, ecco i tre principali rischi sui mercati

Consultinvest: regola numero uno, guardare ai fondamentali

Schroders: la debolezza dei mercati dovuta al sentiment degli investitori

La volatilità: cos’è davvero e come funziona

Padoan e Lombardo al Salone del Risparmio: strada della ripresa ancora lunga

L’ondata di vendite? Colpa degli umori

Mercati, state sereni: ci penserà mamma Fed

Insider&mercati, l’outlook globale rimane positivo

Olli Rehn a BLUERATING: “ci aspettiamo che l’Italia continui così anche dopo le elezioni”

Investire sulle aziende che comunicano apertamente conviene

La Francia rischia di diventare il nuovo malato d’Europa

Decisioni d’investimento, assicurative e previdenziali

Democratici e Repubblicani divisi sul fiscal cliff

Stimoli monetari in grado di compensare i bassi utili

Il trading online, dallo Sputnik al World Wide Web (1930-1999)

Titolo da monitorare StMicroElectronics

Titolo da monitorare Fiat Industrial

Titolo da monitorare Banca Monte dei Paschi di Siena

Arriva Bluerating, la grande fuga da Banca Network

Titolo da monitorare Eni

Titolo da monitorare Snam

Titolo a monitorare Ubi Banca

Cipro è il quinto Paese a chiedere gli aiuti all’Europa

La Germania: l’altra faccia della locomotiva d’Europa

Lse: il direttore finanziario si dimette

Giappone rivede al rialzo le stime di crescita

Fitch: sforbiciata di tre gradini alla Spagna

Ti può anche interessare

Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

Un'inchiesta di Bafin fa luce su come tra il 2008 e il 2013 Deutsche Bank abbia contabilizzato impro ...

Juventus Fc prolunga il rally a Piazza Affari

JUVE SPRINT DOPO IL 3-0 AL BARCELLONA – Grazie Barcellona! Dopo la vittoria per 3-0 contro i c ...

Cardillo va in Fideuram

Il grande portafoglista di FinecoBank cambia squadra per approdare nel Private Wealth Management Hub ...