Obama, il presidente del grande rally

A
A
A

Performance poderose a Wall Street. L’indice S&P registra risultati eccezionali del mercato azionario, grazie alla forte liquidità immessa nel mercato dai piani di intervento governativi. Un rally così non si vedeva dai tempi del presidente Roosevelt.

di Giacomo Berdini29 settembre 2009 | 13:00

La borsa di New York registra rialzi inauditi da più di 50anni, la liquidità è alle stelle e a disposizione degli investitori americani ci sono circa 3,5 miliardi di dollari in contanti.
Sotto la presidenza di Barack Obama i manager hanno trovato nuova fiducia nella sostenibilità del rally, che gode di una congiuntura positiva che potrebbe protrarsi anche fino alla fine dell’anno.
Gli investitori, secondo l’agenzia finanziaria Bloomberg in collaborazione con l’Istituto di Investment Company, hanno a disposizione capitali equivalenti all’ammontare del 73% degli asset netti delle società appartenenti all’S&P 500, anche dopo la riduzione nel corso dell’anno dell’11% dei depositi a risparmio alle banche piazzati nel mercato monetario.
Questo è un ottimo risultato se si pensa che al suo apice del 2007, il mercato rialzista godeva di un potere d’acquisto del 62%.

I guadagni, dai minimi storici toccati a marzo, sono risaliti del 54% grazie all’intervento del governo americano e della Federal Reserve che in attuazione dei piani d’intervento per contrastare la recessione, hanno spesso in prestiti più di undici miliardi di dollari, mentre i tassi di interesse sono stati portati a quote vicine allo zero.

Gli investitori che hanno conservato il denaro contante sono fiduciosi sul fatto che il rally durerà ancora per diversi mesi, e l’incide Standard & Poor’s 500 al momento è impostato per estendere i guadagni e accogliere l’enorme riserva di liquidità che potrebbe riversarsi negli investimenti e alimentare il rally dei listini azionari.

Una congiuntura tale non si registra dai tempi del presidente Franklin Delano Roosevelt, che prima di Obama è stato l’unico a veder realizzato un rally così energico.
Dal giorno dell’insediamento del presidente Barack Obama alla Casa Bianca l’indice S&P ha guadagnato il 30%, percentuale che ha costretto gli economisti a rivedere le stime sulla crescita economica, rialzando di quasi sei volte la stima inerente il terzo trimestre.
Per il prossimo anno si pronostica una crescita del Pil del 2,4%, più del doppio di quello calcolato ad inizio mandato del neo presidente, ma non tutte le note sono positive.
A sorpresa, nel mese di settembre la fiducia dei consumatori americani è calata. L’indice, calcolato dal Conference board, scende a 53,1 punti, contro i 54,5 punti di agosto. Gli analisti si aspettavano un aumento a quota 57 punti, ma di fronte alla crisi dell’occupazione USA nemmeno il rally storico di Wall Street è servito a ridare nuova linfa al consumo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ci mancavano solo le voci sul dollaro per fiaccare le borse europee

Wall Street guarda a Obama e a fusioni e acquisizioni

Listini in frenata dopo dati macro e monito Obama

Le borse Ue attendono sviluppi sull’Ucraina

Fondi, arriva Oyster Mais

Usa, economia ancora in affanno

Il Senato Usa approva la riforma finanziaria

Obama: i dati sull’occupazione sono incoraggianti

Obama, una donna per Bernanke

Bernanke e Obama, allarme deficit

Ecco i punti della riforma finanziaria di Obama

Obama, rivalutate la yuan

G20, Basilea II dal 2011

Obama Vs banche, scontro finale

Fme, un coro di no contro la Merkel

Niente più hedge per i big di Wall Street

Obama, l’asse Washington-Pechino è saldo

L’Oracolo – Scusa se ho tentato una rapina

“Basta eccessi a Wall Street”

Banche Usa, il pressing di Volcker

Obama, al varo la finanziaria

Obama, oltre la tempesta

Mr. Obama, siamo con te

Soros: ok la linea dura di Obama sulle banche

WallStreet minaccia Obama, sfidare le banche non serve

Servono norme per proteggere i consumatori

Obama, giro di vite sulle big banks

Obama, come ai tempi della Grande Depressione

Obama: “A volte la guerra è necessaria”

Flop Obama, paura a Wall Street

Ue, anche noi come Obama

Tremonti, Pil all’1% e riforma autofinanziata nel 2013

Obama tassa le grandi banche

Ti può anche interessare

Borse: sarà una settimana molto nervosa

SETTIMANA PROBLEMATICA – La settimana che si apre oggi rischia di essere piuttosto nervosa sui ...

Bluerating AWARDS, ecco i cf Allianz Bank

La rete del gruppo Allianz ha indicato i nomi dei professionisti che concorreranno per il premio fin ...

Gam: accordo con Julius Baer rimuove ogni confusione sul marchio

GAM: RAFFORZIAMO IL MASTER BRAND – Commentando l’accordo con cui GAM Holding e Julius Baer h ...