Banche – Unicredit placa la fame di Pizzino

A
A
A

Nell’incontro tenutosi dall’istituto di Profumo e l’imprenditore siciliano da sei giorni in sciopero della fame, si è cercato di risolvere la situazione di credit crunch verso l’azienda in provincia di Messina.

di Fabio Coco30 settembre 2009 | 13:30

Un portavoce della banca ha riferito che stamattina si è tenuto il tanto atteso incontro tra Giuseppe Pizzino, l’imprenditore messinese in sciopero della fame davanti alla sede milanese di Unicredit per la mancata concessione di credito, e la società di Profumo.

Da giovedì scorso, infatti, l’imprenditore siciliano stava portando avanti uno sciopero della fame, visto che Unicredit non aveva concesso un prestito alla sua azienda di 320 dipendenti, che ha chiuso in rosso gli ultimi due bilanci. Cliente dell’istituto dal 1997, l’imprenditore aveva già chiesto 2 anni fa un finanziamento da 1,5 milioni, ora arrivato a 3 milioni, e desidera parlare della vicenda con l’amministratore delegato della banca in persona.

La società si è dichiarata felice per le condizioni di salute di Pizzino ed ha oggi presentato all’istituto alcune ipotesi alternative di sostegno alla sua azienda tessile sita in Brolo. A fine 2008, l’impresa ha registrato un patrimonio netto negativo per 4,3 milioni di euro, riporta Reuters, comprensivo della perdita d’esercizio pari a 5,6 milioni di euro.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Ferrari corre in borsa, mercati in attesa di Trump

OCCHI PUNTATI SU TRUMP – Giornata decisamente positiva per i listini europei in attesa di vede ...

Abu Dhabi costruisce appartamenti a Londra

ADNEC COSTUIRA’ APPARTAMENTI A LONDRA – Abu Dhabi National Exhibitions Co. (Adnec), società ...

Informazioni non finanziarie, si chiude la consultazione Consob

Scade il 22 settembre il termine per partecipare alla consultazione Consob sulla comunicazione di in ...