Banche – Hold su Credito Valtellinese

A
A
A

Gli analisti di Cassa Lombarda suggeriscono di tenere il titolo in portafoglio, anche se le prossime trimestrali di Creval potrebbero risultare leggermente inferiori alla precedente stima.

di Fabio Coco19 ottobre 2009 | 13:30

Cassa Lombarda continua a consigliare di tenere Credito Valtellinese in portafoglio (“hold”), con prezzo obiettivo di 7,45 euro, valore superiore del 9,07% alla chiusura di venerdì 16 ottobre di 6,83 euro. L’istituto bancario milanese si attende risultati trimestrali stabili per Creval, in uscita il prossimo 10 novembre. Le stime degli analisti indicano profitti netti nel terzo trimestre per 14 milioni di euro, di poco sotto i 15 milioni di profitti conseguiti nel secondo semestre ed inferiore del 36% rispetto ai 22 milioni del terzo trimestre 2008.

Il Credito Valtellinese, infatti, potrebbe riscontrare qualche moderato deterioramento nella qualità degli asset e qualche aumento nel costo del credito, tuttavia Cassa Lombarda stima che l’uscita dei dati di periodo dovrebbero avere un impatto neutrale sul titolo.

Inoltre, la banca ha recentemente venduto la propria partecipazione del 16% in Finanziaria Canova, operazione che dovrebbe generare un guadagno di 13 milioni di euro. Per il 2009, le stime mostrano utili netti per Creval pari a 62 milioni di euro (utile atteso per azione pari a 0,29 euro), che dovrebbero crescere sino a 78 milioni nel 2010, cifre comunque inferiori ai 137 milioni dichiarati come obiettivo nel business plan elaborato dalla banca per il periodo 2007-10.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Blue Financial Communication all’Aim Investor Day 2017

L’appuntamento dedicato al mercato delle Pmi interamente Pir Compliant, è a Milano il prossimo 6 ...

Unipol stabile, Bper Banca in rialzo in un valzer di rumor e dichiarazioni

UNIPOL PRONTA A SALIRE IN BPER – Unipol resta sotto i livelli di ieri sera a Piazza Affari, os ...

LVenture tira il fiato, ma i risultati piacciono a Mediobanca

LVENTURE TIRA IL FIATO – LVenture Group cala a 76,45 centesimi euro per azione, con circa 320 ...