L’economia USA torna a crescere

A
A
A

Per la prima volta dal mese di dicembre del 2007, mese in cui iniziò ufficialmente quella che unanimente viene ormai definita la peggiore crisi dal 1929 (80 anni esatti), il PIL della più grande economia mondiale torna a crescere nel terzo trimestre dell’anno.

di Redazione30 ottobre 2009 | 08:09

Non solo il dato è positivo, ma risulta anche migliore rispetto alle attese degli analisti (3,5% contro un 3,2% atteso).

Il dato relativo al primo trimestre mostrava un calo del 6,4%, mentre quello relative al secondo si era attestato a -0,7%. Gli stimoli monetari iniziano quindi a produrre gli effetti sperati sulle variabili macro, e non solo sui mercati finanziari.

La reazione delle borse non si è fatta attendere, con chiusure ampiamente positive per tutti i listini mondiali, e con il petrolio sempre vicino agli 80 dollari. E, a proposito del dollaro, le reazioni sul mercato valutario, hanno seguito il classico schema, ormai consolidato, di un dollaro che si indebolisce con dati macro positivi, dopo aver recuperato terreno sulla correzione dei mercati dei giorni scorsi. Solo quando la crescita economica trasferirà i propri benefici effetti sul mercato del lavoro, con la crescita del tasso d’inflazione e la necessità di un rialzo dei tassi, allora probabilmente vedremo un dollaro tornare a rivalutarsi anche in presenza di dati macro positivi.

Fino ad allora il biglietto verde potrebbe continuare ad indebolirsi, con la possibiltà di un ritorno in area 1,5060, senza escludere un possibile test dell’area 1,5280. Solo una correzione decisa dei mercati azionari, causata da prese di profitto in vista della fine dell’anno, ma dovute anche all’incremento del disallineamento tra economia reale, in lenta ripresa, e mercati finanziari tornati sui livelli pre crisi, potrebbero provocare una ripresa del dollaro a breve. La conferma tecnica ce la darebbe la violazione del supporto posto in area 1,4480.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

Ti può anche interessare

Blue Financial Communication: il fatturato cresce del 70% nel 2016

Il fatturato è di 2,935 milioni di euro, l'EBITDA è di 267.357 euro (pari al 9,1%) e l'utile è di ...

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

DISOCCUPAZIONE USA CALA AL 4,4% – Non farm payrolls (posti di lavoro non agricoli, ndr) in dec ...

LVenture Group punta su Vikey per entrare nel settore delle case vacanza

LVENTURE ENTRA NELLE CASE VACANZA – Occhi puntati su LVenture Group a Piazza Affari. La holdin ...