L’iscrizione all’albo non è sufficiente

A
A
A

Veniamo ora agli strumenti di cui il consulente si avvale per svolgere la propria professione.

di Redazione30 novembre 2009 | 09:20

 Innanzitutto bisogna disporre di una piattaforma software ad hoc per gestire le posizioni dei clienti, implementata con un database fruibile e completo. Ciò per effettuare le analisi di tutti gli strumenti e prodotti finanziario/assicurativi, nonchè previdenziali in essere.
Inoltre occorre scegliersi con cura gli altri fornitori di servizi come ad esempio una o più società di analisi, pure esse indipendenti, per la fornitura di analisi macro-economica e tecnica sia in chiave strategica che tattica.
Opzionale la scelta di una o più sim per il servizio di trading e la convenzione con una banca on-line che disponga di un’ottima piattaforma per questo scopo, ma anche per poter sottoscrivere ad esempio, qualsiasi fondo/sicav (ovviamente senza commissioni di ingresso e con retrocessione all’investitore di un terzo della commissione di gestione).
A questo punto abbiamo tutto, anzi quasi tutto. Mancano solo tre piccoli dettagli:

a) tanta, tanta preparazione;

b) tanta, tanta esperienza;

c) tanta, tanta voglia di lavorare con passione.

Questo e altri articoli li puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

MORGAN STANLEY: SERVIREBBE UNA BAD BANK – Le banche italiane potrebbero impiegare dieci anni p ...

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

HSBC ORMAI HA SVOLTATO – La svolta decisa sei anni fa dal numero uno (ormai in uscita) di Hsbc ...

Banca Carige continua a soffrire: troppe le incertezze

BANCA CARIGE SOFFRE ANCORA – Mattinata col brivido per il titolo a Piazza Affari: l’istituto ...