Replicanti d’assalto

A
A
A

Efficienti, essenzialmente liquidi e, soprattutto, poco costosi i primi. Adatti, i secondi, a chi vuole scommettere sulle materie prime, un tempo mercato inaccessibile all’investitore privato.

di Redazione30 novembre 2009 | 11:00

di PierEmilio Gadda

 E non è poco in periodi che, come il 2009, hanno visto il prezzo dell’oro salire da 800 dollari l’oncia a 1.150 in pochi mesi, proprio mentre le quotazioni del rame raddoppiavano da 3.000 a oltre 6.700 dollari. Sono queste, in sintesi, le ragioni per cui Etf ed Etc hanno battuto record su record nel corso dell’anno. Ottobre, in particolare, è stato un mese speciale: con 381.581 contratti scambiati sui mercati telematici del London Stock Exchange Group, il segmento dei “replicanti” ha registrato una crescita del 76% su ottobre del 2008, per un controvalore di 10,8 miliardi di euro. Nello stesso periodo, la quotazione di 30 nuovi Etf ha consentito a Borsa Italiana di superare la soglia dei 400 strumenti disponibili sul mercato ETFplus – 308 Etf, 26 Etf strutturati, 67 Etc – a cui si sono aggiunti due Etf e 4 Etc lanciati a novembre da, rispettivamente, EasyEtf ed Etf Securities. Un dato rilevante se si pensa che, nel 2002, i prodotti quotati in Italia erano soltanto 8, mentre oggi il segmento EtfPlus pesa oltre 12 miliardi di euro in termini di patrimonio gestito.
Nel frattempo, mentre un nuovo operatore, Credit Suisse, si apprestava ad entrare nel mercato degli Etf con 17 nuovi prodotti, sul fronte Etc, l’Italia conquistava il secondo posto, tra i mercati europei, in termini di volumi scambiati ed asset gestiti, preceduta soltanto dal Regno Unito. Ma su quali prodotti conviene puntare, oggi? Quali le peculiarità e i rischi di questi strumenti? Vediamoli nel dettaglio.

Questo e altri articoli li puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le 5 migliori app per il personal business

I vip scomparsi che guadagnano di più

Per BMPS l’offerta è “garantita”

L’Oreal, si allunga la lista dei beneficiati da madame Bettencourt

Hedge, nel 2010 gli operatori torneranno a raccogliere

Le banche temono il cartellino rosso

Performance a due cifre per i gestori

Tempi lunghi per le obbligazioni

Fondi: solo uno doppia il benchmark

Un modello anti-crisi

Il Maltese falcon alla fondatrice di Ikos

Si riaccendono gli spot sulle dismissioni di Stato

Il pretesto che tutti aspettavano

New York Appartamento di Lloyd Blankfein in vendita per 13,5 mln di dollari

Nel mirino c’è l’Europa

Quanto vale il bene rimpatriato

Lapo Elkann lancia “I Spirit”, la vodka made in Italy

Come sarà la nuova “Anima”

Con un solo gestore

La sterlina perde il suo appeal Bond people sempre più delusi

È necessaria una scelta di campo chiara come quella di Poste Italiane

Bombe rosa sul 2010

La crisi e la regolamentazione

Trust o non trust?

Fondi pensione, gli operatori ci credono

Stessa arroganza, stessi bonus, stessa finanza. Dubai insegna

Un vantaggio per gli investitori

US Small cap per sovraperformare i mercati

Dietro l’andamento dell’oro lo StreetTraks Gold Shares

Fideuram, l’Ipo piace di più

Sedex-Etc, una faccia una razza

In arrivo una nuova trappola per la liquidità delle banche?

Anche BancoPosta non potrà evitarla

Ti può anche interessare

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

PIL USA +1,9% NEL QUARTO TRIMESTRE – Il Prodotto interno lordo negli Usa è salito dell’1,9% ...

Borse reagiscono al discorso di Theresa May sulla Brexit

THERESA MAY: PARLAMENTO DECIDERA’ SU BREXIT – Il premier britannico Theresa May chiede al pa ...

Lo shopping negli Usa fa bene a Piteco, che sale in borsa

PITECO TORNA A SALIRE IN BORSA – Piteco, la principale società in Italia nel campo della prog ...