Dietro l’andamento dell’oro lo StreetTraks Gold Shares

A
A
A

Esattamente cinque anni fa sul mercato americano faceva il suo debutto un nuovo e rivoluzionario Etf chiamato StreetTracks Gold Shares. Si trattava di una una piccola rivoluzione copernicana nel campo degli investimenti,…

di Redazione4 dicembre 2009 | 10:00

di Marco Mairate

dato che per la prima vola veniva data la possibilità a qualsiasi investitore di acquistare direttamente oro e seguire così i saliscendi del metallo prezioso. Oggi questo Etf, lo SPDR Gold Shares (ticker GLD), è il secondo più importante Etf sul pianeta subito dopo lo SPY (l’Etf che replica l’andamento dell’indice S&P500). Il tracker sull’oro più famoso al mondo infatti possiede ‘fisicamente’ metallo per 1.117 tonnellate/metriche pari un controvalore di oltre 41 miliardi di dollari. Questa piccola “banca centrale” è stata alimentata negli anni dalla passione degli investitori per la diversificazione del portafoglio, e più di recente, dalla paura del mercato per un tracollo dell’economia mondiale (oggi scongiurato, sembra).
Ancora i numeri danno l’idea delle dimensioni di questo fenomeno dorato: l’Etf GLD oggi rappresenta, per oro detenuto, il sesto soggetto al mondo e da solo il tracker possiede più oro delle banche centrali di Cina, Svizzera, Giappone, Russia, Europa e India messe insieme. Una follia a prima vista ma capace da sola di influenzare il corso del metallo prezioso più delle decisioni delle banche centrali, che in questo momento, con il fixing in dollari di oltre i 1.100 dollari/oncia, si guardano bene dal cedere oro sul mercato. Anzi. Questa seconda febbre dell’oro viene costantemente alimentata da report catastrofici diffusi da analisti ed esperti economici, che puntualmente sottolineano l’importanza di detenere oro in un momento così poco trasparente in termini di investimenti finanziari. Per ultima ci ha pensato la francese Société Générale, che in un suo rapporto intitolato “Worst Case Debt Scenario” ha dichiarato che nell’ultimo anno i pacchetti di salvataggio statali hanno solamente trasferito i debiti privati sulle spalle degli stati, creando una nuova serie di problemi. Il rapporto di 68 pagine, curato dal responsabile degli asset Daniel Fermon, delineano alcuni scenari ‘difficili’ per l’economia mondiale. Uno di questi profili (quello più nero appunto dove il dollaro scivolerebbe ulteriormente, i capitali globali sperimenterebbero di nuovo i minimi di marzo e i prezzi dell’immobiliare precipiterebbero un’altra volta) l’oro salirebbe sempre più in alto, sfruttando la sua nomea di bene rifugio e salvagente dalla moneta a corso forzoso.

Questo e altri articoli li puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le 5 migliori app per il personal business

I vip scomparsi che guadagnano di più

Per BMPS l’offerta è “garantita”

L’Oreal, si allunga la lista dei beneficiati da madame Bettencourt

Hedge, nel 2010 gli operatori torneranno a raccogliere

Le banche temono il cartellino rosso

Performance a due cifre per i gestori

Tempi lunghi per le obbligazioni

Fondi: solo uno doppia il benchmark

Un modello anti-crisi

Il Maltese falcon alla fondatrice di Ikos

Si riaccendono gli spot sulle dismissioni di Stato

Il pretesto che tutti aspettavano

New York Appartamento di Lloyd Blankfein in vendita per 13,5 mln di dollari

Nel mirino c’è l’Europa

Quanto vale il bene rimpatriato

Lapo Elkann lancia “I Spirit”, la vodka made in Italy

Come sarà la nuova “Anima”

Con un solo gestore

La sterlina perde il suo appeal Bond people sempre più delusi

È necessaria una scelta di campo chiara come quella di Poste Italiane

Bombe rosa sul 2010

La crisi e la regolamentazione

Trust o non trust?

Fondi pensione, gli operatori ci credono

Stessa arroganza, stessi bonus, stessa finanza. Dubai insegna

Un vantaggio per gli investitori

US Small cap per sovraperformare i mercati

Fideuram, l’Ipo piace di più

Sedex-Etc, una faccia una razza

In arrivo una nuova trappola per la liquidità delle banche?

Anche BancoPosta non potrà evitarla

Arriva la ripresa. Ma è jobless

Ti può anche interessare

Aramco: troppo pochi investimenti nel settore petrolifero

ARAMCO: PROSPETTIVE SETTORE PREOCCUPANTI – Le prospettive per i produttori di petrolio sono ...

Cybersecurity: sulla piattaforma di Opstart continua il crowdfunding di Ego

Mentre in tutto il mondo imperversano gli attacchi hacker, in rete c'è a raccolta fondi di una star ...

Mts non si cede, Lse e Deutsche Boerse dicono addio al matrimonio?

MATRIMONIO LSE-DEUTSCHE BOERSE A RISCHIO – Il matrimonio tra il London Stock Exchange (Lse, pr ...