Un vantaggio per gli investitori

A
A
A

La nozione di “strumenti finanziari derivati cartolarizzati” (SFDC), che sostituisce le precedenti definizioni di covered warrant, certificates ed Etc (si veda pagina a fianco), non comporta sostanziali modifiche nemmeno sul Sedex.

di Redazione4 dicembre 2009 | 12:00

di Fabio Coco

  I sottostanti resteranno gli stessi sinora previsti per covered warrant e certificati, con però i sottostanti obbligazionari, limitati ai titoli di Stato, che sono stati ampliati anche a obbligazioni e titoli di debito in generale, ferma restando la previsione che deve trattarsi di strumenti negoziati in mercati regolamentati, che presentino elevati requisiti di liquidità. Per tutti gli SFDC, i sottostanti ammissibili saranno quindi quelli storici dei certificate e dei covered warrant, con l’aggiunta dei sottostanti obbligazionari. Relativamente a questi ultimi, però, “la richiesta della negoziazione su un mercato regolamentato (il termine “negoziazione” sembrerebbe escludere la Borsa del Lussemburgo) ed il requisito della liquidità (difficile da dimostrare visto che, per le obbligazioni, la MiFID non prevede un obbligo di reporting delle negoziazioni OTC), limiteranno significativamente il numero di sottostanti obbligazionari realmente ammissibili” ha spiegato Marcello Chelli, responsabile per l’Italia prodotti quotati per Société Générale. Dal punto di vista dell’informativa sui sottostanti, come in passato gli emittenti dovranno fornire la metodologia relativa a indici e panieri sottostanti e, al contempo, dovranno dimostrare la disponibilità per il pubblico dei prezzi dei sottostanti. “Grazie all’entrata in vigore della Transparency Directive viene, invece, meno l’obbligo, per l’emittente, di dimostrare la disponibilità in Italia delle informazioni sulle società quotate sottostanti” ha proseguito il responsabile di SocGen. Borsa Italiana ha correttamente operato una chiara distinzione tra gli Etf e tutti gli altri strumenti che, con varie modalità e pay-off, presentano un rendimento correlato a un sottostante. Gli Etf sono fondi/sicav armonizzati che godono del favorevole contesto normativo della Direttiva Europea UCITS III, mentre gli altri strumenti sono stati classificati come degli “strumenti finanziari derivati cartolarizzati” (SFDC), a prescindere dai mercati di negoziazione. “Dal lato pratico per noi emittenti di tali prodotti non vi è alcun impatto sulle scelte di commerciali, sulle procedure di quotazione e neanche sugli adempimenti di tipo normativo” ha precisato Nicola Francia, responsabile prodotti quotati RBS per l’Italia. “Le nuove norme non hanno un impatto sugli emittenti (né in fase di emissione, né in fase di quotazione), ma garantiscono agli investitori finali una migliore classificazione degli strumenti” ha concluso Chelli.

Questo e altri articoli li  puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

I vip scomparsi che guadagnano di più

Per BMPS l’offerta è “garantita”

L’Oreal, si allunga la lista dei beneficiati da madame Bettencourt

Hedge, nel 2010 gli operatori torneranno a raccogliere

Le banche temono il cartellino rosso

Performance a due cifre per i gestori

Tempi lunghi per le obbligazioni

Fondi: solo uno doppia il benchmark

Un modello anti-crisi

Il Maltese falcon alla fondatrice di Ikos

Si riaccendono gli spot sulle dismissioni di Stato

Il pretesto che tutti aspettavano

New York Appartamento di Lloyd Blankfein in vendita per 13,5 mln di dollari

Nel mirino c’è l’Europa

Quanto vale il bene rimpatriato

Lapo Elkann lancia “I Spirit”, la vodka made in Italy

Come sarà la nuova “Anima”

Con un solo gestore

La sterlina perde il suo appeal Bond people sempre più delusi

È necessaria una scelta di campo chiara come quella di Poste Italiane

Bombe rosa sul 2010

La crisi e la regolamentazione

Trust o non trust?

Fondi pensione, gli operatori ci credono

Stessa arroganza, stessi bonus, stessa finanza. Dubai insegna

US Small cap per sovraperformare i mercati

Dietro l’andamento dell’oro lo StreetTraks Gold Shares

Fideuram, l’Ipo piace di più

Sedex-Etc, una faccia una razza

In arrivo una nuova trappola per la liquidità delle banche?

Anche BancoPosta non potrà evitarla

Arriva la ripresa. Ma è jobless

Replicanti d’assalto

Ti può anche interessare

Bim vola in borsa grazie a ipotesi cessione in tempi rapidi

BANCA INTERMOBILIARE A TUTTO GAS – Rimasta esclusa dal perimetro di attività che Intesa Sanpa ...

Unicredit: gli obiettivi di Mustier piacciono al mercato

Unicredit in forte rialzo a Piazza Affari dopo la presentazione del piano industriale al 2019 da par ...

Per la Grecia è presto per tornare a emettere nuovi titoli di stato

TROPPO PRESTO PER EMETTERE NUOVO DEBITO – Per la Grecia “è troppo presto” per cercare di ...