Nel mirino c’è l’Europa

A
A
A

A partire dal 19 ottobre, Credit Suisse è sbarcata sul mercato ETFplus di Borsa Italiana, con la propria piattaforma di Etf Xmtch, cui si affiancano già, a dir il vero, i 98 comparti su diverse asset class di CSAM, autorizzati alla vendita nel Bel Paese.

di Redazione10 dicembre 2009 | 12:00

di Fabio Coco

Grazie ai 17 nuovi exchange traded fund, che comprendono fondi azionari, legati all’inflazione ed Etf che replicano obbligazioni governative, con esposizione su diverse scadenze e focus su Europa, Stati Uniti e Giappone, Credit Suisse si è presentata da subito come quarto emittente sul mercato, in termini di numero di strumenti quotati.
A riprova delle intenzioni di rafforzamento nel mondo dei fondi a replica passiva, la società svizzera ha nominato Enrico Camerini responsabile Xmtch per il mercato italiano, un nome importante in questo campo, come testimoniato dalla sua precedente esperienza in UniCredit-HVB, quale responsabile per l’Italia del desk Advisory & Trading. Il lancio della gamma di Etf in Italia – primo Paese in Europa dopo la Svizzera – è in linea con l’obiettivo di Credit Suisse di espandersi in Europa. Infatti, dopo la piattaforma lanciata su Borsa Italiana, l’emittente ha quotato anche sulla borsa tedesca i medesimi strumenti, con la differenza che non tutti sono negoziati in euro, bensì anche in dollari o sterline. In sostanza, dopo il successo domestico ottenuto, Credit Suisse ha deciso di affacciarsi sulle altre piazze borsistiche in maniera importante.
“Il nostro ambizioso obiettivo è quello di diventare il più grande provider di etf al mondo. Potremmo metterci 2, 3 o persino 5 anni” ha chiosato Remy Kawkabani, responsabile per la società della distribuzione per l’area Emea.
Non senza un track record di lungo periodo nella gestione di portafogli indicizzati azionari, obbligazionari e misti, su una vasta gamma di indici di riferimento ed attraverso un’oculata gestione dei rischi. “Grazie al nostro solido processo di controllo dei rischi, le nostre abilità nelle relazioni con i migliori investitori istituzionali internazionali e la nostra competitività sui costi, pensiamo di avere tutte le caratteristiche per esser vincenti nel lungo periodo”.
Ma perché Credit Suisse sta puntando così fortemente sullo strumento Etf? “Gli Etf coniugano tutte le strategie beta possibili, in un unico prodotto di immediato utilizzo. Dal mercato svizzero, nel quale siamo l’emittente leader di questi fondi indicizzati, abbiamo quindi deciso di espandere la nostra gamma in Italia e nel resto d’Europa, adattando senza problemi gli etf alla normativa Ucits III richiesta nel Vecchio Continente (in Svizzera non è obbligatoria, ndr)” ha proseguito il responsabile della società.
I fondi indicizzati sinora portati al listing sono unicamente di tipo cash based, ossia investono direttamente nei titoli che compongono l’indice sottostante, ma non si esclude in futuro l’utilizzo di Etf che utilizzano una replica basata sui contratti swap, nonché proprio il lancio di nuovi Etf, non solo su Borsa Italiana.
“Gli Etf consentono di assumere un’esposizione passiva con costi molto ridotti rispetto agli altri fondi, ed è grazie a queste loro peculiarità che sono lo strumento che più di altri hanno conosciuto una crescita nel campo dell’asset management”.
E’ possibile, però, utilizzare questi prodotti anche per le strategia alpha, ad esempio all’interno di un approccio core/satellite? “Molti gestori hedge – ha risposto mister Kawkabani – adottano questo tipo di strategia all’interno dei loro portafogli. Si tratta di due facce della stessa medaglia: gli etf replicano un indice che già esiste, consentendone un’esposizione immediata non ‘core’ che può consentire di essere attivi nel portafoglio; la decisione sottostante, però, resta passiva”.

Questo e altri articoli li puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

I vip scomparsi che guadagnano di più

Per BMPS l’offerta è “garantita”

L’Oreal, si allunga la lista dei beneficiati da madame Bettencourt

Hedge, nel 2010 gli operatori torneranno a raccogliere

Le banche temono il cartellino rosso

Performance a due cifre per i gestori

Tempi lunghi per le obbligazioni

Fondi: solo uno doppia il benchmark

Un modello anti-crisi

Il Maltese falcon alla fondatrice di Ikos

Si riaccendono gli spot sulle dismissioni di Stato

Il pretesto che tutti aspettavano

New York Appartamento di Lloyd Blankfein in vendita per 13,5 mln di dollari

Quanto vale il bene rimpatriato

Lapo Elkann lancia “I Spirit”, la vodka made in Italy

Come sarà la nuova “Anima”

Con un solo gestore

La sterlina perde il suo appeal Bond people sempre più delusi

È necessaria una scelta di campo chiara come quella di Poste Italiane

Bombe rosa sul 2010

La crisi e la regolamentazione

Trust o non trust?

Fondi pensione, gli operatori ci credono

Stessa arroganza, stessi bonus, stessa finanza. Dubai insegna

Un vantaggio per gli investitori

US Small cap per sovraperformare i mercati

Dietro l’andamento dell’oro lo StreetTraks Gold Shares

Fideuram, l’Ipo piace di più

Sedex-Etc, una faccia una razza

In arrivo una nuova trappola per la liquidità delle banche?

Anche BancoPosta non potrà evitarla

Arriva la ripresa. Ma è jobless

Replicanti d’assalto

Ti può anche interessare

Mps, cartolarizzazione Npl pare in stallo

NPL, IL PROBLEMA RESTA IL PREZZO – Il problema attorno a cui ruota da più di due anni la cris ...

Azimut-Cofircont, i segreti dell’affare

Sono 17 i soci della fiduciaria che hanno venduto per un importo di quasi 1 milione di euro. Nel cda ...

Petrolio sui minimi a 7 mesi, scattano vendite su Saipem, Eni e Tenaris

GREGGIO ANCORA SOTTOTONO – Dopo la “scoppola” presa ieri (-3,7%), i future sul  petrolio ...