Fondi: solo uno doppia il benchmark

A
A
A

Dopo aver analizzato i gestori azionari, restiamo in area euro, ma ci occupiamo di obbligazioni. In particolare, sotto la lente abbiamo messo i risultati dei money manager alla guida dei principali comparti per patrimonio,…

di Redazione11 dicembre 2009 | 14:30

di Samuele Camellini

 rientranti nella categoria Bluerating degli Obbligazionari Area Euro – Corporate e Governativi. Il perimetro nel quale ci muoviamo è definito in questo modo: “fondi che investono in titoli obbligazionari emessi prevalentemente da emittenti societari, governativi, enti sovranazionali dell’area euro ed espressi in euro. La parte preponderante dei titoli obbligazionari presenti nei portafogli dei fondi inclusi in questa categoria è considerata di elevata qualità secondo gli standard delle principali agenzie di rating internazionali. Non sono previste particolari specializzazioni sulla curva delle scadenze”. Il parametro di riferimento che adottiamo è l’indice Citigroup Euro BIG (All maturities) (EUR), dove per “BIG (All maturities)” si intende le principali emissioni obbligazionarie, societarie e governative, riferite a tutte le scadenze. Il benchmark in questione ha reso il 5,51% nell’orizzonte temporale considerato. Osserviamo come hanno reagito i gestori.

Questo e altri articoli li puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le 5 migliori app per il personal business

I vip scomparsi che guadagnano di più

Per BMPS l’offerta è “garantita”

L’Oreal, si allunga la lista dei beneficiati da madame Bettencourt

Hedge, nel 2010 gli operatori torneranno a raccogliere

Le banche temono il cartellino rosso

Performance a due cifre per i gestori

Tempi lunghi per le obbligazioni

Un modello anti-crisi

Il Maltese falcon alla fondatrice di Ikos

Si riaccendono gli spot sulle dismissioni di Stato

Il pretesto che tutti aspettavano

New York Appartamento di Lloyd Blankfein in vendita per 13,5 mln di dollari

Nel mirino c’è l’Europa

Quanto vale il bene rimpatriato

Lapo Elkann lancia “I Spirit”, la vodka made in Italy

Come sarà la nuova “Anima”

Con un solo gestore

La sterlina perde il suo appeal Bond people sempre più delusi

È necessaria una scelta di campo chiara come quella di Poste Italiane

Bombe rosa sul 2010

La crisi e la regolamentazione

Trust o non trust?

Fondi pensione, gli operatori ci credono

Stessa arroganza, stessi bonus, stessa finanza. Dubai insegna

Un vantaggio per gli investitori

US Small cap per sovraperformare i mercati

Dietro l’andamento dell’oro lo StreetTraks Gold Shares

Fideuram, l’Ipo piace di più

Sedex-Etc, una faccia una razza

In arrivo una nuova trappola per la liquidità delle banche?

Anche BancoPosta non potrà evitarla

Arriva la ripresa. Ma è jobless

Ti può anche interessare

Bluerating: corre Raiffeisen International, frenano Deutsche Bank e Natixis

RAIFFEISEN ATTENDE L’IPO POLACCA – Raiffeisen International continua la sua corsa e centra l ...

Credem in luce, nonostante Moody’s

Moody’s ha rivisto da "stabile" a "negativo" il rating (confermato) di Credem, in conseguenza dell ...

Le criptovalute piacciono anche all’ex trader di Credit Suisse

L’EX TRADER DIVENUTO STARTUPPER – Lui si chiama Nikolay Storonsky, è russo di nascita, e ch ...