Un modello anti-crisi

A
A
A

La lunga fase recessiva non ha risparmiato nessun settore produttivo, compreso quello bancario. Le più recenti indicazioni statistiche rivelano una “debole” inversione di tendenza, anche se a livello internazionale si discute già sulle linee di azione dell’”exit strategy”, come pure meritevoli di attenzione risultano alcuni segnali su comportamenti anomali sui mercati borsistici, che destano preoccupazioni.

di Redazione11 dicembre 2009 | 14:00

Per quanto riguarda il nostro sistema bancario va riconosciuto che è riuscito a porre in essere – soprattutto nel periodo di più acuta “infezione” della finanza sugli strumenti di credito – un’azione responsabile per sovvenire l’economia nazionale nel suo complesso.
Purtuttavia, all’interno del settore, il comparto che più di altri ha dimostrato un impegno proattivo straordinario è stato il Credito Popolare.
Va subito aggiunto che il grado di tenuta, nonché la capacità di intercettare le nuove aspettative della propria clientela – essenzialmente PMI e famiglie – ha esaltato proprio nel periodo più complesso e pesante della crisi, il vero “know how” di questa tipologia di banche.
Il “marchio” del modello del Credito Popolare è, infatti, una forte e diffusa presenza sul territorio, la matrice cooperativa, dove la generalità dei soci sono espressione proprio delle categorie considerate “più a rischio” delle grandi banche Spa. L’evidenza empirica della “performance” delle Banche Popolari è del tutto evidente alla luce dei risultati contenuti nel Bilancio Sociale del Credito Popolare 2009. Si tratta, come è noto, di una rilevazione che viene curata da alcuni anni dall’Associazione di Categoria, che “assembla” tutto il materiale documentale che proviene dalle Banche Popolari Associate, le quali, accanto alle tradizionali risultanze di esercizio, redigono anche  un proprio “Bilancio Sociale”.
Ebbene, l’ultimo documento di questa specie evidenzia che il comparto nella sua interezza ha registrato nel 2008 flussi netti di nuovi affidamenti concessi che hanno sfiorato i 120 miliardi di euro. Valori in linea con i periodi immediatamente precedenti la crisi, che confermano l’esigua incidenza di fenomeni di “credit crunch” ascrivibili direttamente a questa tipologia di banche.
Significativi risultano, in particolare, gli affidamenti alle famiglie: che rappresentano il 30% del portafoglio complessivo, per i quali si sono registrati incrementi costantemente positivi.
Di rilievo, infine, l’aumento del numero dei soci delle Banche Popolari, attestatosi a fine 2008 a circa un milione 16 mila unità (+13%).
L’esame della clientela delle Banche Popolari, anch’essa in netto aumento (circa 300.000 unità nel 2008), mette chiaramente in risalto l’importanza delle piccole e medie imprese: dall’analisi dei finanziamenti suddivisi per settori di attività economica e per classi di grandezza del fido accordato emerge come il 69,5% dei prestiti concessi sia rivolto a soggetti economici di dimensione contenuta come le PMI e le famiglie, in netta controtendenza rispetto a quanto avviene per il resto del sistema dove la percentuale scende al 47,4%.
Un dato di particolare importanza in un periodo di crisi: sono proprio gli affidati di più ridotte dimensioni, infatti, ad incorrere nelle maggiori difficoltà durante i periodi di recessione. Queste categorie necessitano, quindi, di un supporto e di aiuto maggiori, sostegno che è stato assicurato dalle Banche Popolari e che ha determinato, per queste aziende, ritmi di incremento degli affidamenti costantemente positivi e superiori alla media del sistema bancario per tutto l’arco del 2008.
D’altra parte, la collettività, interessata da interventi di natura sociale, culturale, artistica e da altre iniziative di beneficenza e servizio, è risultata destinataria, nello stesso periodo, di un contributo di circa 120 milioni di euro, pari all’1,2% del valore aggiunto realizzato dalle Popolari, percentuale nettamente superiore alla media delle altre aziende di credito.
In definitiva localismo, cooperazione e solidarietà rappresentano tratti distintivi e peculiari delle Banche Popolari, che consentono loro una perfetta simbiosi con il territorio e le realtà locali di riferimento: una efficace prossimità finalizzata a soddisfare le esigenze degli stakeholders che si manifesta finanziando, tra l’altro, la realizzazione di importanti progetti nei campi delle infrastrutture e dell’economia di base, e mettendo a frutto la profonda rete di relazioni sviluppata in decenni di attività.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le 5 migliori app per il personal business

I vip scomparsi che guadagnano di più

Per BMPS l’offerta è “garantita”

L’Oreal, si allunga la lista dei beneficiati da madame Bettencourt

Hedge, nel 2010 gli operatori torneranno a raccogliere

Le banche temono il cartellino rosso

Performance a due cifre per i gestori

Tempi lunghi per le obbligazioni

Fondi: solo uno doppia il benchmark

Il Maltese falcon alla fondatrice di Ikos

Si riaccendono gli spot sulle dismissioni di Stato

Il pretesto che tutti aspettavano

New York Appartamento di Lloyd Blankfein in vendita per 13,5 mln di dollari

Nel mirino c’è l’Europa

Quanto vale il bene rimpatriato

Lapo Elkann lancia “I Spirit”, la vodka made in Italy

Come sarà la nuova “Anima”

Con un solo gestore

La sterlina perde il suo appeal Bond people sempre più delusi

È necessaria una scelta di campo chiara come quella di Poste Italiane

Bombe rosa sul 2010

La crisi e la regolamentazione

Trust o non trust?

Fondi pensione, gli operatori ci credono

Stessa arroganza, stessi bonus, stessa finanza. Dubai insegna

Un vantaggio per gli investitori

US Small cap per sovraperformare i mercati

Dietro l’andamento dell’oro lo StreetTraks Gold Shares

Fideuram, l’Ipo piace di più

Sedex-Etc, una faccia una razza

In arrivo una nuova trappola per la liquidità delle banche?

Anche BancoPosta non potrà evitarla

Arriva la ripresa. Ma è jobless

Ti può anche interessare

Bond: tassi in lieve rialzo in Europa, ma calano gli spread contro Bund

SPREAD IN RESTRINGIMENTO – Spread in calo in tutta Europa, pur a fronte di un generalizzato ri ...

Bce estende QE ma ad un ritmo ridotto

QE ESTESO A RITMO PIU’ BLANDO – La Bce sorprende il mercato e nell’annunciare l’estensio ...

Banca Carige continua a soffrire: troppe le incertezze

BANCA CARIGE SOFFRE ANCORA – Mattinata col brivido per il titolo a Piazza Affari: l’istituto ...