Istat, le famiglie non arrivano a fine mese

A
A
A

L’indagine dell’istituto mostra che nel corso del 2008 metà delle famiglie italiane ha percepito un reddito medio di circa 2000 mensili mentre è cresciuto il tasso di quelle che non arrivano alla fine del mese e non riescono a pagare le bollette.

di Matteo Chiamenti29 dicembre 2009 | 11:30

L’ultima indagine campionaria annuale dal titolo “Reddito e condizioni di vita” dell’Istat, effettuata nell’ultimo trimestre del 2008 su un campione di circa 21.000 famiglie per un totale di oltre 52.000 individui, evidenzia una situazione preoccupante per le famiglie italiane.

Risulta infatti in crescita il numero di quelle famiglie che incontra difficoltà nell’arrivare a fine mese, provvedendo regolarmente al pagamento delle bollette e all’acquisto di beni necessari.
Nel 2008 circa il 17% delle famiglie ha dichiarato di avere molte difficoltà per chiudere i bilanci familiari mensili, mentre nel 2007 lo stesso tasso raggiungeva il 15,4%. Per quanto riguarda il pagamento puntuale delle bollette nel 2008 l’11,9% del campione, contro l’8,8% del 2007, ha registrato ritardi e problemi nel rintracciare il denaro necessario.

La percentuale quindi risulta in crescita e, in corrispondenza di questo fenomeno, l’Istat ha rilevato che nel 2007 quasi la metà delle famiglie residenti in Italia ha percepito meno di 24.036 euro, circa 2.000 euro al mese.
Diminuisce però la forbice tra le famiglie del centro-nord e quelle del sud, grazie alla maggiore crescita del reddito medio familiare del Mezzogiorno, che registra un incremento del 4,2 per cento in termini nominali, rispetto all’1,8 per cento del Nord e all’1,5 per cento del Centro

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

Merkel, priorità tassa sui mercati finanziari

Pioneer, liquidatore fondi Madoff chiede chiarimenti

Portafogli dei big a prova di deflazione

Stress test, sotto accusa sei banche tedesche

Il Senato Usa approva la riforma finanziaria

La Fed perde l’ottimismo: la crescita è a rischio

Vigilanza Ue, ora la palla passa all’Ecofin

Banche, addio ai bonus senza regole

Grecia, per la Ue il risanamento è in linea con le attese

Riforma Ue, tutto rinviato a settembre

Roubini: l’Europa non può salvare le grandi banche

Il peggio per l’euro deve ancora venire

Riforma europea alla prova del nove

Ti può anche interessare

Allianz cede tre immobili a Milano a Kryalos Sgr

ALLIANZ CEDE TRE IMMOBILI A KRYALOS – Il fondo di investimento alternativo immobiliare riserva ...

Standard and Poor’s: la pazienza della Bce sta diventando leggendaria

BCE, UNA PAZIENZA LEGGENDARIA – La pazienza della Bce sta diventando leggendaria, come sottoli ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con l’istruttoria autorizzativa

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito della duration modificata, era quella c ...