Draghi: QE ha creato 4 milioni di posti di lavoro, ma per Schaeuble va interrotto

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi9 marzo 2017 | 16:32

RIPRESA GUADAGNA SPINTA – La ripresa in Eurolandia “sembra guadagnare spinta” con un’inflazione nominale “ di nuovo aumentata in larga misura per i prezzi energetici e alimentari”, mentre “l’inflazione di base continua ad essere debole”. Lo ha ribadito oggi nella conferenza stampa che ha seguito la riunione del board della Banca centrale europea il presidente della Bce, Mario Draghi.

QUANTITATIVE EASING HA CREATO LAVORO – Per Draghi i “rischi economici restano, ma meno pronunciati” e si è “lontani da cantare vittoria sul fronte dell’inflazione”, anche se “il rischio di deflazione è praticamente sparito”, mentre gli oltre quattro milioni di posti di lavoro creati sono “la risposta a chi temeva che il quantitative easing avrebbe creato iniquità” andando a beneficio dei più ricchi. A questo punto il bilancio dei rischi per la crescita rimane orientato al ribasso ma appare migliorato.

ACCORDO APERTO SU EUROPA A PIU’ VELOCITA’ – Il consiglio Bce, ha poi sottolineato Draghi,  non ha discusso “affatto” di un nuovo maxi-prestito Tltro alle banche. Quanto al progetto di un’Europa a più velocità su cui la politica del vecchio continente è tornata a riflettere in queste settimane, “per come l’ho capito io, il senso è che si tratterà di un accordo aperto, disponibile a qualsiasi altro paese voglia unirsi”. Di certo, ha concluso Draghi, “l’euro è qui per rimanere. La domanda non è se è irrevocabile: lo è. Piuttosto si tratta di fare in modo che aumenti la prosperità, far funzionare meglio quest’unione monetaria”.

SCHAEUBLE: POLITICHE FISCALI E MONETARIE AL LIMITE – Per quanto riguarda almeno le riforme istituzionali secondo il banchiere “i presupposti sono ora in favore di un miglioramento più che in qualsiasi altro momento”. In disaccordo con Draghi continua a sembrare il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble che parlando ad una conferenza è tornato in giornata a ribadire: “Le misure di politica fiscale e monetaria hanno raggiunto il limite” e “più dura la fase dei bassi tassi di interesse, più aumenta l’impatto” negativo sul settore finanziario. Per questo, ha concluso Schaeuble, “pur nel rispetto dell’indipendenza delle banche centrali, sto propugnando un tempestivo avvio della exit strategy”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Credit Suisse: nuove regole Bce negative per le banche italiane

Bank of America: attenti agli emittenti “zombie” in caso di rialzo dei tassi in Europa

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

Borse europee aprono in leggero rialzo, occhio a Bce e Fed

Allianz GI: Bce, quale scenario per la riunione del 7?

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Mutui, che succederà quando la Bce interromperà il QE?

State Street: dopo il meeting della Bce euro può flettere, bond recuperare

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Borse a ritmo ridotto, si attendono le parole di Mario Draghi

Banco Bpm frena, per Mediobanca sofferenze valgono il 5% del nominale

Banche centrali valutano ritorno alla normalità, bond e dollaro in calo

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Standard and Poor’s: la pazienza della Bce sta diventando leggendaria

Banca Carige, la Bce dà tempo fino al 23 giugno per fornire informazioni

Draghi (Bce): nessuna novità per tassi e QE, crescita si rafforza senza inflazione

Banco Popular, non passa la paura

Commerzbank propone prepensionamenti

Draghi (Bce) non cambia idea su misure straordinarie: restano necessarie

Grecia: accordo sulle nuove misure di austerity, ma Fmi resta critico

Draghi (Bce) più ottimista sulla ripresa, ma i tassi resteranno fermi a lungo

Draghi: non è ancora ora di cambiare la politica monetaria della Bce

Rumors: BpVi e Veneto Banca sarebbero solvibili per la Bce

Coeure: tassi a breve negativi, non dipende dalla Bce

Bce: all’ultima asta Tltro protagoniste ancora una volta le banche italiane

Bce: per Credit Suisse aumento tassi sui depositi può precedere conclusione QE

La Bce non cambia registro, confermati tassi e quantitative easing

In attesa delle decisioni della Bce le borse frenano

Mps, la Bce ha girato alla Commissione Ue le informazioni necessarie per valutare piano

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Inizio di settimana in rosso per borse e bond europei

Nouy (Bce): “Ancora troppi npl per le banche italiane”

Standard & Poor’s: la Bce acquisterà bond sul mercato fino al 2018

Ti può anche interessare

Dow Jones sopra i 20 mila punti per la prima volta nella sua storia

DOW JONES SOPRA I 20 MILA PUNTI – Avvio di seduta positiva a Wall Street, dove l’indice Dow ...

Anche Banco Bpm arresta la sua corsa in borsa

BANCO BPM FERMA LA SUA CORSA A PIAZZA AFFARI – Si arresta per il momento la corsa di Banco Bpm ...

Azimut attende i risultati 2016

AZIMUT STABILE A MILANO – Azimut resta poco sopra i 6 euro per azione a Piazza Affari, col tit ...