2009, disoccupazione nelle imprese

A
A
A

All’interno delle grandi imprese dell’industria e dei servizi il tasso d’occupazione ha subito un calo, corrisposto da una crescita del ricorso alla cassa integrazione. Tuttavia le retribuzioni sono aumentate.

di Redazione28 gennaio 2010 | 10:00

Nei primi undici mesi del 2009 la variazione media dell’occupazione nelle grandi imprese, rispetto allo stesso periodo del 2008, è stata di meno 1,5 per cento al lordo della c.i.g. e di meno 3,8 per cento al netto della c.i.g. Lo comunica l’Istat.
Nel mese di novembre 2009, l’indice dell’occupazione nelle grandi imprese comprese nel campo di osservazione dell’indagine, depurato dagli effetti della stagionalità, ha registrato una variazione di meno 0,1 per cento rispetto al mese precedente sia al lordo, sia al netto dei dipendenti in c.i.g. Nel confronto tra la media degli ultimi tre mesi (periodo settembre-novembre) e quella dei tre mesi precedenti si è registrato un calo dello 0,4 per cento al lordo della c.i.g. e dello 0,2 per cento al netto dei dipendenti.
Rispetto al mese di novembre 2008 sono state registrate variazioni negative dell’1,9 per cento per l’occupazione al lordo e del 2,9 per cento per quella al netto.

Nei primi 11 mesi del 2009 anche l’occupazione nelle grandi imprese dell’industria è diminuita, rispetto allo stesso periodo del 2008, del 2,8 per cento al lordo e dell’8,4 per cento al netto.
A novembre l’indice dell’occupazione alle dipendenze nelle grandi imprese dell’industria ha registrato, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale dello 0,2 per cento al lordo della c.i.g. e un aumento dello 0,1 per cento al netto. Nel confronto tra la media degli ultimi tre mesi (periodo settembre-novembre) e quella dei tre mesi precedenti vi è stato un calo dell’1,0 per cento al lordo e dello 0,3 per cento al netto.
Nella stessa mensilità l’occupazione nelle grandi imprese dell’industria ha segnato, in termini tendenziali, diminuzioni del 3,6 per cento al lordo dei dipendenti in c.i.g. e del 5,7 per cento al netto.
Nel corso dei primi 11 mesi dell’anno è scesa anche l’occupazione nelle grandi imprese dei servizi, diminuita dello 0,8 per cento al lordo della c.i.g. e dell’1,4 per cento al netto.
In novembre l’indice dell’occupazione alle dipendenze nelle grandi imprese dei servizi ha segnato una diminuzione dello 0,2 per cento rispetto al mese precedente sia al lordo, sia al netto della c.i.g.
Anche la variazione della media degli ultimi tre mesi, rispetto ai tre mesi precedenti, è stata di meno 0,2 per cento sia al lordo.
L’occupazione nelle grandi imprese dei servizi nel mese di novembre ha registrato variazioni tendenziali di meno 1,1 per cento al lordo della c.i.g. e di meno 1,4 per cento al netto.

L’utilizzo della cassa integrazione guadagni nelle grandi imprese a novembre è stato pari a 35,8 ore per mille ore lavorate. Il ricorso alla c.i.g. è aumentato di 13,1 ore per ogni mille ore lavorate in termini tendenziali. Nel confronto tra i primi undici mesi del 2009 e il corrispondente periodo del 2008 il ricorso alla c.i.g. ha registrato un incremento di 29,4 ore ogni mille ore lavorate. Lo comunica l’Istat.
Nelle grandi imprese dell’industria le ore di c.i.g. utilizzate a novembre sono state pari a 89,1 per mille ore lavorate. Il ricorso alla c.i.g. è cresciuto di 29,0 ore ogni mille ore lavorate rispetto a novembre 2008. Nel confronto tra la media del periodo gennaio-novembre del 2009 e il medesimo periodo del 2008, il ricorso è aumentato di 74,4 ore ogni mille ore lavorate.
Nelle grandi imprese dei servizi le ore di c.i.g. utilizzate a novembre sono state pari a 7,0 ore per mille ore lavorate. Il ricorso alla c.i.g. ha registrato un aumento di 4,7 ore rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Nella media del periodo gennaio-novembre l’incidenza del ricorso è cresciuta di 6,4 ore ogni mille ore lavorate.
La retribuzione lorda per ora lavorata nel totale delle grandi imprese invece ha presentato a novembre un aumento congiunturale dell’1,2 per cento; nella media degli ultimi tre mesi (periodo settembre-novembre) vi è stata una diminuzione dello 0,6 per cento rispetto alla media dei tre mesi precedenti. La variazione tendenziale di novembre, misurata sull’indice grezzo, è di più 0,5 per cento. Nella media dei primi undici mesi dell’anno la retribuzione lorda per ora lavorata ha registrato un incremento dell’1,5 per cento rispetto allo stesso periodo del 2008.
Le corrispondenti variazioni della retribuzione lorda per dipendente sono state pari a più 2,7 per cento rispetto a novembre 2008 e a più 0,1 per cento nel confronto tra i primi undici mesi del 2009 e il medesimo periodo dell’anno precedente, sempre secondo l’Istat.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Scende il costo del lavoro. Ma anche gli stipendi

Istat, cala il potere d’acquisto delle famiglie

Istat, a marzo cala l’occupazione

Ti può anche interessare

Banche centrali valutano ritorno alla normalità, bond e dollaro in calo

LA FED VALUTA RIDUZIONE ATTIVO DI BILANCIO – L’era del denaro a costo zero si sta avvicinand ...

La pubblicità online continua a crescere, Digital Magics si mette in luce in borsa

DIGITAL MAGICS IN RIALZO – Giornata positiva per il comparto degli incubatori e acceleratori d ...

Petrolio: è il Ceo di Ultra Petroleum il meglio pagato al mondo

35 MILIONI DI DOLLARI DI COMPENSI – Sapete qual è il posto di lavoro meglio pagato di tutta l ...