I due ostacoli al tris Geronzi sono Napolitano e Draghi

A
A
A

Cesare Geronzi è un banchiere accorto e quindi ha capito da qualche settimana che il “filotto” che pensava di realizzare, d’intesa col premier…

di Redazione26 febbraio 2010 | 09:30

di John Hawkins

…Silvio Berlusconi (vedi SOLDI del 19 novembre 2009 e 21 gennaio 2010), si sta complicando: diventare lui stesso presidente delle Assicurazioni Generali al posto di Antoine Bernheim, essere sostituito in Piazzetta Cuccia da un industriale “doc” come Marco Tronchetti Provera e portare l’imprenditore sanitario Giuseppe Rotelli (vicino al premier, a Roberto Formigoni ma anche, a sorpresa, a Massimo D’Alema) alla presidenza della Rcs Quotidiani era un “tris” di primavera ambizioso, ma che avrebbe suscitato critiche più o meno velate. Quindi, proprio perché, nonostante le ripetute smentite (ultima quella al congresso Aiaf Assiom Forex del weekend scorso) il banchiere di Marino ha più di tutto a cuore il suo sbarco alla tolda di comando del Leone di Trieste, sugli altri due lati del nuovo “triangolo del potere” dell’era berlusconiana si può cominciare a ragionare. La partita più difficile è quella che vede Rotelli, azionista di Rcs tuttora fuori dal patto di sindacato ma socio con quasi l’11% del gruppo editoriale (e con un’opzione su un altro 3,6%), prendere il timone della Quotidiani. Un’idea che ha incontrato forti perplessità nientemeno che del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e ciò anche se il disegno di Geronzi è stato condiviso dallo stesso Tronchetti, oggi presidente Pirelli e vicepresidente di Mediobanca, e da Diego Della Valle, azionista pesante di Rcs. Il sospetto è che l’arrivo di Rotelli a capo di un nuovo Cda che replicasse il board della holding (dove sarebbe rimasto presidente Piergaetano Marchetti) avrebbe finito per esercitare una forte pressione sul direttore del “Corriere”, Ferruccio De Bortoli dopo che alcuni membri del patto (a cominciare da Salvatore Ligresti per bocca di Massimo Pini) avevano criticato la linea editoriale del quotidiano. Quindi, almeno per il momento, la candidatura di Rotelli resta congelata. Per la partita Generali oltre le perplessità teoriche di Alessandro Profumo (l’UniCredit è socio Mediobanca e ha il 3,24% di Generali, ma la quota dovrà essere ceduta dopo giugno) contano i forti dubbi espressi informalmente da Mario Draghi, governatore di Bankitalia, su una presidenza Geronzi, che pesano tanto quanto il 4,46% che Via Nazionale detiene nel big assicurativo.

L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Geronzi: serve piano europeo anti-contagio

Geronzi: servono nuove regole

È già casta padana

Anche i banchieri hanno le loro colpe, ma chi le ricorda?

Unicredit: Geronzi vuole Nagel

Le partite dell’autunno

Generali, utile a 873 milioni (+73,2%)

Caltagirone continua a comprare Generali

Generali, utile quintuplicato a 527 milioni

L’arrivo di Geronzi è una macchia nera per Generali

Generali, Geronzi alla prova della borsa

Generali, Geronzi presidente e Caltagirone tra i vice

Geronzi “domerà” il Leone per Mediobanca e Mediolanum

Generali, ultimo giorno per decidere la presidenza

Generali, l’affondo di Geronzi

Geronzi e Cragnotti prosciolti per la vicenda Eurolat

Generali, Bolloré frena la corsa di Geronzi

Bollorè, tutto è possibile

Mediobanca, triplica l’utile

“Geronzine”, addio al pallone avanti col mattone e le pr

Generali: dipendenti contro Geronzi

Geronzi va alle Generali, Tronchetti a Mediobanca

Arpe sfida da oggi Geronzi e Braggiotti

Geronzi pronto per le Generali. Mediobanca, soluzione Tronchetti

Unicredit, un’eredità pesante

L’incognita retail sul bilancio Mediobanca

Mediobanca, non basta CheBanca. Utili in calo

Banche – Mediobanca utile in calo dell'84,3%

Stipendi, Arpe batte Beckham al fotofinish

Ti può anche interessare

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

USA: CORRE L’ISM NON MANIFATTURIERO – Ancora un segnale di forza dall’economia americana: ...

Wall Street migliora ancora i record storici, T-bond in frenata

BORSE APRONO SETTIMANA IN RIALZO – Gli investitori dovrebbero esprimere preoccupazione per il ...

Fca, per la stampa tedesca la Commissione Ue aprirà indagine

FCA IN CALO, SOFFRE VOCI INCHIESTA UE – Pessimo inizio di giornata per il titolo Fiat Chrysler ...