Alla scoperta del capitale ibrido

A
A
A

Bond che si trasformano in determinate condizioni in azioni. Con vantaggi per le banche

di Redazione31 marzo 2010 | 13:00

di Corrado Capacci

Le obbligazioni “contingent capital” rappresentano una nuova tipologia di capitale ibrido per le banche: si tratta in sostanza di obbligazioni che, in determinate circostanze, si trasformano in azioni. A differenza di molti tipi di obbligazioni convertibili, questa nuova forma di debito si converte in capitale di rischio solo in situazioni di particolare stress, se e quando un predeterminato livello di patrimonializzazione della banca (in termini di Core Tier 1 Ratio) viene violato.
Il primo istituto europeo ad aver lanciato questa nuova forma di capitale ibrido è stata Lloyds Bank, che ha offerto le ECN in concambio di obbligazioni Tier 1 esistenti. Queste nuove obbligazioni subordinate (Lower Tier 2), con data di scadenza e cedole obbligatorie, potranno essere automaticamente convertite in azioni Lloyds Banking Group al prezzo di 59,2 pence per azione se il Tier 1 ratio di Lloyds Bank scenderà sotto la soglia del 5% (attualmente intorno al 8,6%).
Attualmente le normative sulla patrimonializzazione delle banche impongono un Core Tier 1 di almeno il 4%, ma è importante sapere che sono in discussione a livello del comitato di Basilea (ed entreranno in vigore antro il 2012) variazioni per elevare questa soglia.
La ratio di questo strumento innovativo è che consente alla banca di avere disponibile, in caso di necessità, un aumento di capitale azionario senza dover ricorrere al mercato.
Ma la subordinazione degli ECN conta davvero? In realtà no.
Infatti il pagamento delle cedole e il rimborso del capitale degli ECN sono obbligatori e la subordinazione diventano importante solo in caso di messa in liquidazione dell’istituto. È evidente che con tutta probabilità gli ECN sarebbero convertiti in azioni prima di un’ipotetica liquidazione e pertanto occorre preoccuparsi della subordinazione solo se si pensa che la banca finirà per fallire.
In altre parole occorre ponderare l’investimento in modo tale che nella remota possibilità che il gruppo fallisca, un ipotetico azzeramento del valore dell’investimento non sia causa di un danno irreparabile al portafoglio.
Viceversa occorre focalizzarsi su quanto si potrebbe perdere se gli ECN fossero convertiti in azioni nel quadro di una ricapitalizzazione forzata della banca ma in assenza di fallimento.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Due nuovi bond da Collezione

Se il credito deteriorato si trasforma in bond

Credit Suisse, rendimento sulla rotta di Marco Polo

Credit Suisse, la bussola dei bond

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Obbligazioni, Iccrea Banca propone un nuovo bond senior

Ccteu e Btp sono i protagonisti della nuova infornata del Mef

Banca Imi, tris di bond in dollari e rubli

UniCredit, successo per i nuovi bond cuscinetto

Bond subordinati Mps, come ottenere i risarcimenti

Iccrea banca, emesso bond da 600 milioni

Bank of America: attenti agli emittenti “zombie” in caso di rialzo dei tassi in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

Fideuram Ispb colloca un bond di Intesa Sanpaolo

Wall Street consolida i record storici dopo il nulla di fatto della Federal Reserve

Grecia: bene il nuovo bond a 5 anni, ma la strada è ancora lunga

State Street: dopo il meeting della Bce euro può flettere, bond recuperare

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Per la Grecia è presto per tornare a emettere nuovi titoli di stato

Da Banca Leonardo un bond per puntare sull’agricoltura

Credem emette un bond da 100 milioni

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

State Street: rendimenti sui T-bond e dollaro visti in calo dopo ultima mossa Fed

Btp a 30 anni, nuova emissione in arrivo

Titoli di stato italiani, i rendimenti non sono adeguati al rischio

Andrew Balls (Pimco): state attenti ai titoli di stato italiani, rendonon troppo poco

Titoli di stato: la domanda spinge i rendimenti verso il basso

Btp Italia, il Tesoro riacquisterà 3 miliardi della quinta emissione

Btp Italia: quasi 8,6 miliardi collocati dell’undicesima emissione

Bond: tassi in lieve rialzo in Europa, ma calano gli spread contro Bund

Ti può anche interessare

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Sentenza della Corte d’Appello di Milano che dà ragione alla banca, assistita dall’avvocato Ben ...

Warren Buffett ha 100 miliardi da investire, ma esita

BUFFETT HA 100 MILIARDI DA INVESTIRE – Nuovo record per Warren Buffett, ma questa volta non si ...

Exprivia tira il fiato dopo acquisizione 81% Italtel

EXPRIVIA TIRA IL FIATO – Exprivia in calo dell’1,64% a Piazza Affari col titolo che scivola ...