Germania, da oggi le banche si salvano da sole

A
A
A

Il governo tedesco approva una tassa per alimentare un fondo di salvataggio per le banche, in modo che siano loro stesse a pagare il prezzo dei rischi assunti. La Francia seguirà la scia, e intanto in Germania la disoccupazione cala.

di Giacomo Berdini31 marzo 2010 | 12:00

La Merkel contro la crisi: il consiglio dei ministri del governo tedesco ha deciso d’introdurre una tassa sulle banche, che avrà lo scopo di alimentare un fondo di sicurezza, da utilizzarsi come mezzo per contrastare le crisi del settore finanziario.

Questa decisione è giunta dopo che, lo scorso anno, il governo tedesco ha dovuto caricare le spalle dei contribuenti con diversi miliardi di euro sborsati per salvare alcuni istituti di credito dal baratro della crisi.
Per far confluire capitali in questo fondo “salva banche” gli istituti saranno tassati in proporzione alle loro dimensioni ed ai rischi assunti nel corso del loro esercizio.
In pratica Berlino ha sancito che d’ora in poi saranno le stesse banche a pagarsi l’assicurazione sugli eccessivi rischi. Entro l’estate la proposta sarà quindi trasformata in disegno di legge.
Pare che anche la Francia sia interessata al varo di una tassa sulle banche, tanto che il ministro delle finanze francese Christine Lagarde ha partecipato alla consulta.

Sempre dalla Germania giunge una notizia positiva: un inatteso calo della disoccupazione a marzo, secondo quanto rilevato dall’ufficio statistico nazionale.
La diminuzione sarebbe dovuta però ad effetti statistici, poiché il tasso di disoccupazione destagionalizzato è sceso dall’8,1% all’8% nel mese di febbraio, dato migliore del consensus posto a 8,2% e, in numeri, le persone in cerca di lavoro sono scese da 3,413 a 3,382 milioni.
Su base grezza, invece, il tasso di disoccupazione è sceso dall’8,7% all’8,5% e i senza lavoro sono diminuiti da 3,643 a 3,568 milioni. Questi sono i dati ufficializzati dall’ufficio del lavoro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Una banca da cani

Fideuram Ispb, gli 11 big di marzo

L’appello green di Bny Mellon alle banche

Diamanti in banca, partono le azioni legali

Il futuro della banca non è in banca

Banca IMI cavalca l’inflazione Usa

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

10 trend per capire le banche nel 2018

Ing scatta sull’innovazione

SoGen ha i titoli per Byblos

Si riempie l’Officina Mps

Bonifici istantanei, la sfida alle banche

Riva (Anasf) e Mainò (Nafop), botta e risposta su Twitter

I cf all star di Widiba

La finanza digitale secondo Consob

Gli Elementi Essenziali di Mediolanum

Consulenti finanziari senza tutele

Il primo bilancio di Mifid 2 a Investments on the road con Banca IMI

Banca Generali, medaglia d’oro al top team

IWBank Private Investments, visita alla Superba

Il consulente digitale secondo Ing

Credit Suisse, Giacobbe coo per l’Italia

Bufera sulle polizze vita

Consob e Cattolica unite nella formazione

Banca Ifis, il dividendo cresce

Ti può anche interessare

Unicredit reagisce bene ai conti e alle parole di Mustier

UNICREDIT BRILLANTE A PIAZZA AFFARI – Unicredit a tutto gas a Piazza Affari, dove il titolo in ...

Banco Popular, per Single Resolution Board non c’erano alternative al bail in

BANCO PUPULAR, VIA ALLA RISOLUZIONE – Cala il sipario su Banco Popular Espanol: una nota del S ...

Esma, gli echi della nuova fiscalità Usa preoccupano l’Europa

L'Autorità risponde alle incertezze europee in merito alla gestione delle novità fiscali Usa. ...