Disoccupazione, livello record dal 2002

A
A
A

L’Istat rileva per l’Italia un tasso di disoccupazione a quota 8,8%, la percentuale più alta mai raggiunta da otto anni a questa parte.

di Redazione30 aprile 2010 | 13:00

Il tasso di disoccupazione in Italia nel mese di marzo raggiunge quota 8,8%, il livello più alto dal 2002, all’interno di una congiuntura economica che porterà l’Italia a bruciare posti di lavoro per gran parte del 2010, secondo gli economisti.

Secondo l’Istat, il tasso di disoccupazione sale di due decimi di punto rispetto a marzo e di un punto percentuale su febbraio 2009, quando era pari al 7,8%.

Il dato è superiore alla mediana delle stime raccolte da Reuters tra gli analisti, che indicava un tasso all’8,6% come in febbraio (rivisto però dall’8,5% della stima preliminare).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Usa: mercato del lavoro sempre più forte

Istat: a settembre meno disoccupati, ma anche meno occupati

Ti può anche interessare

Parte la stagione delle semestrali a Piazza Affari

LUXOTTICA FESTEGGIA I CONTI – La stagione delle semestrali prende il via in modo contrastato a ...

Cardillo va in Fideuram

Il grande portafoglista di FinecoBank cambia squadra per approdare nel Private Wealth Management Hub ...

Lloyds Banking Group si mette in luce dopo i conti 2016

QUOTAZIONI SUI MASSIMI DA GIUGNO – Mattinata positiva per il titolo Lloyds Banking Group sul l ...