Consob, meno conflitti con la riforma degli incarichi di amministrazione e controllo

A
A
A

Sono stati comunicati i risultati delle comunicazioni sul S.A.I.V.I.C. (Sistema Automatico. Integrato Vigilanza Incarichi di Controllo e Amministrazione) sul limite al cumulo delle mansioni di amministrazione e controllo; in rilievo la diminuzione dei plurimandati.

di Redazione30 aprile 2010 | 14:45

Con l’emanazione del regolamento in materia di limiti al cumulo degli incarichi dei componenti degli organi di controllo degli emittenti quotati e con strumenti diffusi, si è data attuazione operativa al disposto dell’art. 148-bis del TUF, la cui introduzione rispondeva ad uno specifico interesse del legislatore: garantire la disponibilità da parte dei professionisti incaricati di un tempo adeguato per lo svolgimento degli incarichi di controllo presso gli emittenti e così contribuire ad un generale innalzamento della qualità dell’attività svolta da tali organi societari. In tale prospettiva è stata individuata una soluzione che, sia pure in un’ottica di semplificazione, tenesse conto delle possibili combinazioni tra le diverse tipologie di incarico (sindaco, amministratore, etc.) che il membro di un organo di controllo di un emittente può assumere in differenti categorie di società di capitali.

L’esperienza maturata a seguito dell’avvio, avvenuto nel settembre 2008, del sistema automatico di rilevazione delle informazioni (S.A.I.V.I.C.), ha permesso di svolgere una prima analisi della situazione del mercato dopo l’introduzione dei limiti al cumulo degli incarichi. Tale analisi si basa sulle dichiarazioni annuali del 2008 (avente ad oggetto la situazione degli incarichi al 30 agosto 2008 e resa tra il 1° e il 30 settembre 2008) e del 2009 (avente ad oggetto la situazione degli incarichi al 30 giugno 2009 e resa tra il 1° e il 15 luglio 2009). Inoltre, sono state prese in considerazione anche le dichiarazioni di aggiornamento rese tra le due dichiarazioni annuali (1° ottobre 2008 – 30 giugno 2009) e quelle rese successivamente alla seconda dichiarazione (16 luglio 2009 – 31 gennaio 2010).

Dall’esame delle comunicazioni effettuate dai componenti degli organi di controllo, raffrontate con la situazione precedente all’entrata in vigore della normativa in parola (febbraio 2007), è possibile affermare che l’effetto ricercato si sia realizzato; infatti, si è rilevata:
– una riduzione degli incarichi ricoperti dai singoli componenti. In particolare si riscontra:
– una contrazione del numero medio di incarichi svolti dai professionisti interessati (il valore è sceso dal 19,2 del 2007 al 14,4 del 2008 e al 12,5 del 2009);
– una riduzione dei soggetti che hanno più di 30 incarichi (dal 20,5% del 2007 all’8,4% del 2008 e al 4,0% del 2009);
– la riduzione del peso percentuale dei soggetti che hanno un numero di incarichi doppio rispetto a quello medio (passati, rispettivamente dal 9% del 2007 all’8,5% del 2008 a meno del 4% del 2009);
– una forte riduzione del numero massimo di incarichi di amministrazione e controllo complessivamente ricoperti da un singolo soggetto (rispettivamente, 108 nel 2007, 71 nel 2008 e 62 nel 2009);
– una riduzione del valore medio del cumulo degli incarichi (limite massimo di 6 punti) passato da 3,1 punti del 2008 a 2,95 punti nel 2009;
– l’incremento del numero di professionisti presenti negli organi di controllo degli emittenti e quindi il maggior grado di apertura dell’industria verso la professione.
Inoltre, l’incremento costante della frequenza con cui vengono inviate le dichiarazioni di aggiornamento indica la propensione dei componenti ad adottare, anche ove non espressamente richiesto, un sistema di comunicazione “nel continuo” che integra quello “nel discreto” imposto attraverso l’obbligo della dichiarazione annuale:
– tra la prima e la seconda dichiarazione annuale (periodo dal 1° ottobre 2008 al 30 giugno 2009) le dichiarazioni di aggiornamento, rese da 725 componenti, sono state 1.151, con una media giornaliera di circa 6 dichiarazioni;
– successivamente alla seconda dichiarazione annuale (periodo dal 16 luglio 2009 al 31 gennaio 2010) le dichiarazioni di aggiornamento sono state 1.092 rese da 719 componenti, con una media giornaliera di circa 8 dichiarazioni.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Firme false e appropriazione indebita, sospesa una consulente in Toscana

Consob: anche all’estero occhio alle società non autorizzate

Scalata a Rcs, multa a Mediobanca dalla Consob

La Consob segnala: attenzione a Toroption.com

Bufi (Anasf): cara Consob, chiariamo l’ambito di attività di autonomi e scf

Nuova infornata di società segnalate dalle Consob europee

Consulenti, con Mifid 2 cambiano i requisiti di adeguatezza

Clienti vs intermediari, parola all’Arbitro della Consob

Consulenti, Mainò (Nafop): il regolamento Consob? Tutto da riscrivere

Short irregolare su Saipem, stangata per Orca Capital

Documenti falsi, sospeso un cf ex di Sanpaolo Invest

Rendiconti falsi e appropriazione indebita, radiato un cf ex Fideuram

Consulenti, la “segnalazione” della banca conta più delle competenze

Incentivi, Albo e attività dei cf: così Ascosim risponde su Mifid 2

Consob, campanello d’allarme sulle società abusive

Contributi di vigilanza, segnalazioni possibili dal 9 ottobre

Contributi Consob, sospesi i versamenti nei territori terremotati

Mifid 2, tessera di riconoscimento per i cf

Norme antiriciclaggio non rispettate, multa a una società di consulenza

Radiato dalla Consob, riabilitato dai giudici. Vittoria di un Cf in Versilia

Cf sotto processo, la Consob lo sospende per un anno

Falsi rendiconti e distrazione di somme dei clienti, sospeso ex B.Mediolanum

Consulenti, conto alla rovescia per il nuovo regolamento Consob

Informazioni non finanziarie, si chiude la consultazione Consob

Trade 12 e le altre, la Consob segnala decine di società abusive

Super comitato sull’educazione finanziaria, c’è anche Ocf

Avviso della Consob: occhio agli abusivi

Appropriazione indebita, sospeso un consulente ex di Banca Leonardo

Firme contraffatte, sospeso un consulente di Banca Mediolanum

Carichi pendenti in Tribunale, consulente finanziario sospeso per un anno

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Market abuse, i chiarimenti dell’Esma sui doveri dei consulenti

Forex, il broker è abusivo ma continua a operare

Ti può anche interessare

I numeri semestrali fanno correre Banca Ifis

BANCA IFIS IN RIALZO DOPO LA SEMESTRALE – Banca Ifis in luce a Piazza Affari, dove il titolo a ...

Unipol in luce nelle ultime battute di Piazza Affari del 2016

Unipol in evidenza negli ultimi scambi del 2016 a Piazza Affari, dopo che UnipolSai ha annunciato il ...

Petrolio in recupero, possibile proroga ai tagli produttivi

POSSIBILE ESTENSIONE TAGLI OPEC – Automobilisti, occhio al portafoglio: il ministro del petrol ...