In rosso le borse europee. Resiste Milano

A
A
A

Frenano i listini europei sul finire di seduta, dopo una giornata di lievi rialzi sostenuta dalle trimestrali. Mercati Usa nervosi in attesa dei dati sul pil di domani. Brillano le telecom. A Milano volano Geox e Azimut.

di Redazione29 luglio 2010 | 16:30

Frenano le borse europee sul finale, dopo una giornata di rialzi sulla scia delle buone trimestrali. A spingere il Vecchio Continente al ribasso è stata la debolezza di Wall Street, che dopo un’apertura in positivo, sostenuta dal buon dato delle richieste settimanali di disoccupazione e dai conti Exxon, ha poi accelerato al ribasso. I listini Usa si confermano nervosi sulla scia del Beige Book diffuso ieri e in attesa del dato sul pil di domani.

Chiude piatta Milano, con il Ftse All Share salito dello 0,09% e il Ftse Mib dello 0,07%. In rosso il resto delle borse europee: -0,11% il Fste 100, -0,72% il Dax 30, -0,5% il Cac 40. L’indice Eurostoxx 50 è arretrato dello 0,48%. Oltreoceano, il Nasdaq scende dell’1,25%, il Dow Jones dello 0,64%.

Tra i titoli in evidenza, spiccano i telefonici, con France Telecom in rialzo del (+6) % dopo aver archiviato il secondo trimestre con risultati superiori alle attese e confermato le previsioni sull’anno. Il colosso di tlc francesi ha chiuso i primi sei mesi dell’anno con ricavi pari a 11,19 miliardi di euro contro gli 11,05 miliardi stimati e ebitda a 3,98 miliardi (3,95 miliardi il consensus). Utili sopra le attese (a 3,78 miliardi contro stime per 3,6 miliardi) anche per Telefonica, in rialzo a Madrid del 3,6%. Bene British Telecom, salita del 4% dopo aver reiterato l’outlook sul 2010. A Parigi svetta Capgemini (+9%), dopo aver rivisto al rialzo gli obiettivi di utile operativo per il 2010. Anche per il colosso dei servizi di information technology il semestre si è chiuso con conti sopra le attese.

A Piazza Affari, Geox traina il listino con un rialzo del 7,48%, sulla scia dei risultati del primo semestre. Bene Azimut (+2,39%), che ha visto crescere ricavi e patrimonio in gestione, e Mediolanum (+2,39%). Tra i titoli in rosso: Finmeccanica (-3,69%) e la controllata Ansaldo (-3,44%).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs Wm vede all’orizzonte una correzione per l’euro

Ambrosetti, a Cernobbio il Forum fa il tagliando all’economia

Le criticità dei mercati alla prova dell’intelligenza del rischio

Peters: “La prossima crisi sarà devastante”

Successo di gruppo

Credit Suisse e Lbs scoprono chi ha reso di più come azioni e bond dal 1900 a oggi

Goldman Sachs AM, ecco i tre principali rischi sui mercati

Consultinvest: regola numero uno, guardare ai fondamentali

Schroders: la debolezza dei mercati dovuta al sentiment degli investitori

La volatilità: cos’è davvero e come funziona

Padoan e Lombardo al Salone del Risparmio: strada della ripresa ancora lunga

L’ondata di vendite? Colpa degli umori

Mercati, state sereni: ci penserà mamma Fed

Insider&mercati, l’outlook globale rimane positivo

Olli Rehn a BLUERATING: “ci aspettiamo che l’Italia continui così anche dopo le elezioni”

Investire sulle aziende che comunicano apertamente conviene

La Francia rischia di diventare il nuovo malato d’Europa

Decisioni d’investimento, assicurative e previdenziali

Democratici e Repubblicani divisi sul fiscal cliff

Stimoli monetari in grado di compensare i bassi utili

Il trading online, dallo Sputnik al World Wide Web (1930-1999)

Titolo da monitorare StMicroElectronics

Titolo da monitorare Fiat Industrial

Titolo da monitorare Banca Monte dei Paschi di Siena

Arriva Bluerating, la grande fuga da Banca Network

Titolo da monitorare Eni

Titolo da monitorare Snam

Titolo a monitorare Ubi Banca

Cipro è il quinto Paese a chiedere gli aiuti all’Europa

La Germania: l’altra faccia della locomotiva d’Europa

Lse: il direttore finanziario si dimette

Giappone rivede al rialzo le stime di crescita

Fitch: sforbiciata di tre gradini alla Spagna

Ti può anche interessare

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

MIGLIORA SCENARIO MACRO – Lo scenario macroeconomico italiano va schiarendosi, con Moody’s c ...

Mifid 2, Aberdeen Standard Investments si farà carico dei costi di ricerca

La decisione, spiega in una nota Tommaso Tassi, senior business development manager Italy di Aberdee ...

Immobiliare grande distribuzione (Igd) ha un nuovo socio, il gruppo Gwm

GWM RILEVA IL 4,2%r DI IGD – Il gruppo inglese Gwm ha acquisito il 4,2% circa del capitale di ...