In rosso le borse europee. Resiste Milano

A
A
A

Frenano i listini europei sul finire di seduta, dopo una giornata di lievi rialzi sostenuta dalle trimestrali. Mercati Usa nervosi in attesa dei dati sul pil di domani. Brillano le telecom. A Milano volano Geox e Azimut.

di Redazione29 luglio 2010 | 16:30

Frenano le borse europee sul finale, dopo una giornata di rialzi sulla scia delle buone trimestrali. A spingere il Vecchio Continente al ribasso è stata la debolezza di Wall Street, che dopo un’apertura in positivo, sostenuta dal buon dato delle richieste settimanali di disoccupazione e dai conti Exxon, ha poi accelerato al ribasso. I listini Usa si confermano nervosi sulla scia del Beige Book diffuso ieri e in attesa del dato sul pil di domani.

Chiude piatta Milano, con il Ftse All Share salito dello 0,09% e il Ftse Mib dello 0,07%. In rosso il resto delle borse europee: -0,11% il Fste 100, -0,72% il Dax 30, -0,5% il Cac 40. L’indice Eurostoxx 50 è arretrato dello 0,48%. Oltreoceano, il Nasdaq scende dell’1,25%, il Dow Jones dello 0,64%.

Tra i titoli in evidenza, spiccano i telefonici, con France Telecom in rialzo del (+6) % dopo aver archiviato il secondo trimestre con risultati superiori alle attese e confermato le previsioni sull’anno. Il colosso di tlc francesi ha chiuso i primi sei mesi dell’anno con ricavi pari a 11,19 miliardi di euro contro gli 11,05 miliardi stimati e ebitda a 3,98 miliardi (3,95 miliardi il consensus). Utili sopra le attese (a 3,78 miliardi contro stime per 3,6 miliardi) anche per Telefonica, in rialzo a Madrid del 3,6%. Bene British Telecom, salita del 4% dopo aver reiterato l’outlook sul 2010. A Parigi svetta Capgemini (+9%), dopo aver rivisto al rialzo gli obiettivi di utile operativo per il 2010. Anche per il colosso dei servizi di information technology il semestre si è chiuso con conti sopra le attese.

A Piazza Affari, Geox traina il listino con un rialzo del 7,48%, sulla scia dei risultati del primo semestre. Bene Azimut (+2,39%), che ha visto crescere ricavi e patrimonio in gestione, e Mediolanum (+2,39%). Tra i titoli in rosso: Finmeccanica (-3,69%) e la controllata Ansaldo (-3,44%).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Morgan Stanley, primo trimestre da urlo

Consulenza sulla strada verso il futuro

ConsulenTia “mille culure”

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fideuram Ispb, Grandi nuovo presidente

La consulenza a Mezzanotte

Credit Suisse, rendimento sulla rotta di Marco Polo

L’american dream non è morto

Le metafore del mercato obbligazionario

Investimenti, il nuovo link tra tradizione e innovazione

Bisogna partire dai fondamentali

Una nuova crisi nei Subprime?

Fidelity, you pay…less

Il treno degli incentivi di Fineco. Ma non per tutti…

La consulenza che piace ai Millennial

Vontobel, la tendenza tecnologica della sicurezza digitale

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

Mercati, il grande singhiozzo

L’Abc della finanza con Pictet

Mifid 2, sos tecnologia

Pokerissimo per Widiba

Contenere la volatilità con gli ETF: missione possibile

La guerra dei fondi

Efpa Italia, il board apre a terzi

Parlare al proprio conto corrente. Con Webank

I cf all star di Widiba

Il primo bilancio di Mifid 2 a Investments on the road con Banca IMI

“Lacrime di coccodrillo”, un video pro mandante sul caso SPI

Azimut prende Bocchin

Credit Suisse, la bussola dei bond

Real estate, opportunità residenziale

Mifid 2 e fintech a portata di click

Carichieti, è il momento della stangata

Ti può anche interessare

L’assalto di 120mila commercialisti all’Albo dei cf

Radiografia di una categoria professionale che vuole esercitare anche la consulenza finanziaria, sco ...

Il mercato regolamentato SeDeX diventa MTF

La chiusura avverrà al termine della seduta di negoziazione del 24 novembre 2017 e il nuovo sistema ...

Banco Bpm in rialzo, mercato apprezza possibilità nuova cessione di sofferenze

CONTINUANO LE PULIZIE DI BILANCIO – Banche italiane ancora sotto i riflettori e il tema è sem ...