Pil pro-dollaro?

A
A
A

La price action recente nel mercato FX indica che gli investitori hanno una netta propensione a vendere USD. Chi li può biasimare?

di Redazione30 luglio 2010 | 07:00

La maggior parte delle uscite macroeconomiche mostrano una debolezza prolungata nell’economia USA, la Fed rimane con il suo out look “insolitamente incerto” e il greenback rimane indietro rispetto al ciclo di rialzi di tassi avviatesi in altre parti del mondo (pure in Canada, che solitamente ha un’economia strettamente legata a quella degli USA).

Nonostante un report leggermente migliore delle attese sui Jobless Claims ieri, il dollaro ha di fatto perso terreno contro le major e abbiam visto un nuovo minimo da 2 mesi a questa parte contro l’euro, un minimo da 5 mesi a questa parte contro la Sterlina e un minimo da 6 mesi a questa parte contro il franco svizzero. Oggi possiamo forse aspettarci ulteriore debolezza del dollaro visto che le uscite macroeconomiche di oggi non dovrebbero esaltare.

Oggi esce il Pil 2° trimestre, il Chicago PMI e l’indice di fiducia del Michigan. La crescita economica dovrebbe moderare lievemente e quindi mancare anche se di poco le attese del mercato (attualmente ad un +2,5%). Il secondo trimestre è stato particolarmente difficile per i consumatori, visto che le spese per consumi sono scese 2 mesi di fila.

Ricordiamo che più del 70% del Pil USA è basato sulla spesa per consumi e quindi le vendite al dettaglio bruttine sono un chiaro indicatore delle difficoltà che il Pil avrà. Allo stesso tempo, a Maggio il deficit della bilancia commerciale ha raggiunto il massimo da 18 mesi a questa parte. Tutto questo ci fa pensare che il Pil di oggi (www.dailyfx.com/calendar/ per l’ora precisa) incrementerà la pressione sul greenback.

Ricordiamo anche le parole recenti del membro della Fed, Bullard, che dice “il rischio è che gli USA cadano in una sorta di ambiente deflazionario in stile Giappone nei prossimi anni”. Oggi occhio anche ai flussi di portfolio manager di fine mese, che dovranno ribilanciare le proprie esposizioni. Passando all’euro, siamo finalmente riusciti a sostenere 1,3000 sulla base di un tasso  di disoccupazione in calo al 7,6% e condizioni lievemente migliori dall’economia trainante dell’area euro, la Germania.

Sorprendentemente la spesa per consumi si mantiene stabilmente in crescita. La sterlina pure ha proseguito nel rafforzamento contro il dollaro nonostante il mercato immobiliare non sia al top della forma. La settimana ventura avrà tanti dati macro UK quindi occhio ad un cable in possibile rotta verso 1,58. La price action dello Yen, infine, mostra un quadro titubante tra gli investitori, che non stanno agendo in chiara modalità “risk-on/risk-off”, bensì in modalità “sicurezza solo quando serve”.

I rialzi nei tassi di interesse in alcuni paesi sta complicando il quadro e quindi lo Yen potrebbe anche comportarsi per qualche giorno in base ai fondamentali propri: vendite al dettaglio a rialzo continuo da gennaio sostenuti da stimoli governativi che non spariranno fino a settembre, esportazioni comunque sostenute e quindi un po’ di fiducia anche a oriente.

EurUsd – grafico 10 min

Finalmente l’euro ha deciso di spostarsi dalla situazione di stabilità grafica fornendoci occasione di poter vedere qualche nuovo spunto interessante per quest’ultima giornata di trading della settimana.
Dopo quattro giorni di lateralità e grande incertezza, nei pressi di 1.30 figura, i prezzi hanno subito un’accelerazione a rialzo ieri mattina con il superamento di 1.3030-1.3040 ed il raggiungimento del massimo dello scorso maggio a 1.3105.

Questo conferma il primo obiettivo di medio-lungo periodo (ricorderete il 38.2% di ritracciamento di Fibonacci del movimento compreso fra 1.5140 e 1.1880 di cui parliamo da tempo) aprendo le porte, ovviamente con un movimento di conferma rialzista oltre il massimo di ieri, sino al successivo obiettivo di 1.35 figura.

Questo scenario positivo per l’euro si fonda sulla tenuta del supporto dinamico passante oggi nei pressi di 1.2950. Osservando un grafico più nel breve, un dieci minuti per esempio, possiamo vedere come il re-test, nella notte, di 1.3040 possa mettere in condizione i prezzi di giungere proprio sul massimo di ieri.

La ripresa dell’euro corrisponde ad un indebolimento del tasso di cambio UsdJpy. Successivamente al test del massimo, due giorni fa, a 88.05 la tendenza di discesa ha condotto i prezzi verso la parte bassa del canale indicato da qualche giorno. 86.30 risulterà anche le prossime ore il supporto da oltrepassare per andare a completare la discesa verso il minimo storico relativo di 84.90.  Nel breve possiamo trovare una resistenza alla salita a 87 figura e 87.20.

La discesa di UsdJpy ha condotto il cambio EurJpy oltre il supporto chiave di 113.30. I prezzi non si sono allontanati troppo per cui consideriamo ancora questo come livello di svolta e ripresa della tendenza rialzista. 112.30 è il supporto di giornata.
Anche il dollaro australiano, al pari della moneta unica, ha mostrato un movimento di ripresa nei confronti del biglietto verde.

Per cercare di approfittare di questo movimento di ripresa del cambio vediamo come molto interessante i livello di supporto di 0.8970. 70 punti al di sopra invece troviamo la resistenza di giornata (0.9040).
Il cable dopo lo strappo rialzista da inizio settimana ha trovato una zona di equilibrio vicino ai massimi di 1.5660. Non manca molto all’obiettivo di 1.5750-1.58 da cui poi ci si potrebbe attendere una ripresa parziale del dollaro.

Niente da fare per il cambio GbpJpy. L’illusione di una ripresa più strutturale è stata allontanata dal ritorno dei prezzi all’interno dei livelli noti da qualche settimana. Ricordiamo che il range mantenuto dal cambio da inizio giungo andava da 130.50 sino a 135.90: probabilmente questi livelli avranno ancora un’importanza per le prossime evoluzioni.

Concludiamo con il cambio EurChf, dove 1.3750-1.38 ha dimostrato di poter essere il punto di svolta, la tenuta successivamente al primo tentativo di rottura. Consideriamo questo come importante livello di resistenza del movimento di ripresa della moneta unica, guidato dalla trendline che per i prossimi giorni fornisce un supporto a 1.3440.

:::____

Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilità per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall’uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento è soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed è previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l’accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l’esattezza e non accetta alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacità di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non è destinato alla distribuzione, o all’utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l’uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

Ti può anche interessare

Meridiana-Qatar Airways, Delrio spera nel closing

DELRIO INCROCIA LE DITA SU MERIDIANA-QATAR AIRWAYS – Il ministro dei Trasporti, Graziano Delri ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i sistemi multilaterali di negoziazione

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito delle società di gestione, era quella ...

Nuova infornata di società segnalate dalle Consob europee

Consob segnala che Tradelux Group Ltd non è autorizzata alla prestazione di servizi e attività di ...