Londra: anche Jp Morgan e Lloyd’s pronte al trasloco causa Brexit

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi30 marzo 2017 | 14:00

LONDRA, ALTRI DUE DIRANNO ADDIO – Altri due grandi gruppi finanziari si preparano a lasciare Londra, o quanto meno ridurre la loro presenza in Gran Bretagna in conseguenza della Brexit il cui processo di negoziazione è stato formalmente avviato ieri da Theresa May con la richiesta di attivazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona. Nomi che si aggiungono a un elenco che rischia di allungarsi ancora di parecchio da qui al marzo 2019, quando la Gran Bretagna sarà definitivamente uscita dal mercato unico europeo e dovrà negoziare nuovi accordi per consentire alle proprie imprese di tornare ad averne accesso.

JP MORGAN VA A DUBLINO, LLOYD’S A BRUXELLES – Secondo quanto riferisce l’agenzia Bloomberg, che cita fonti a conoscenza delle vicende, Jp Morgan Chase avrebbe iniziato a valutare l’acquisto di un palazzo nel distretto di Capital Docks a Dublino, che sarà sviluppato in joint-venture da Kennedy Wilson Holdings e dalla National Asset Management Agency irlandese, in grado di ospitare oltre mille persone una volta completato. Dal canto loro i Lloyd’s di Londra sono intenzionati ad aprire un ufficio a Bruxelles, sempre a causa dell’avvicinarsi dell’uscita del Regno Unito dalla Ue e di conseguenza dal mercato unico.

TROPPA INCERTEZZA SUI NUOVI ACCORDI – Tanto nel caso della banca americana, come dell’assicuratore inglese, lo scopo di questi “traslochi” è di continuare a seguire i numerosi clienti europei operando dall’interno del mercato unico. Nell’uno come nell’altro caso, i tempi necessari per vedere il varo di nuovi accordi commerciali tra la Gran Bretagna e la Ue sembrano infatti troppo lunghi e il risultato finale troppo incerto perché banche e assicurazioni operanti nella City possano limitarsi ad attendere l’evolversi della situazione.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn3Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Kempen investe sui family offices

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Brexit, si scaldano i toni e Jp Morgan Chase compra uffici a Dublino

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

Mattone in crisi a Londra

La Brexit? Un’occasione per le banche asiatiche

Qatar Holding continua a cercare nuovi investimenti in Gran Bretagna

La Brexit costerà caro al Regno Unito e alle sue banche

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Brexit: la Ue resta compatta, per ora Theresa May non parla dei costi

M&G prepara fondi lussemburghesi a prova di Brexit

La Brexit pesa sui prezzi degli immobili a Londra

Arriva anche in Italia il Brexit Navigator di Aon

Brexit, 25 banche internazionali pronte a traslocare in Germania

State Street lancia il Brexometer

Borse reagiscono al discorso di Theresa May sulla Brexit

Sterlina sempre più giù: la May rinuncerà al mercato unico?

L’impatto della Brexit? Te lo misura il Brexit Navigator

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Brexit, il rischio di un’uscita brusca aumenta

Scozia: Sturgeon non esclude nuovo referendum indipendentista

Ti può anche interessare

Blue Financial Communication: il fatturato cresce del 70% nel 2016

Il fatturato è di 2,935 milioni di euro, l'EBITDA è di 267.357 euro (pari al 9,1%) e l'utile è di ...

Stm: conti e previsioni piacciono ad analisti e investitori

La trimestrale di Stm supera le attese del mercato, così come le previsioni fornite per il trimestr ...

Euro in calo dopo parole Draghi: poca crescita, inflazione non durerà

DRAGHI SORPRENDE IL MERCATO – La Bce non ha toccato né i tassi né il programma di quantitati ...