Unieuro pronta al debutto dopo un collocamento senza grandi acuti

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi31 marzo 2017 | 12:15

UNIEURO PRIMA MATRICOLA DELL’ANNO SUL MTA – Mezzo flop per il collocamento riservato a investitori istituzionali di Unieuro, prima matricola del Mta del 2017. La maggiore catena italiana di elettronica di consumo ed elettrodomestici per numero di punti vendita (457), con una quota di mercato del 18%, dà lavoro a 3.900 dipendenti e lo scorso anno ha registrato ricevi pari a 1,557 miliardi di euro. Unieuro ha inoltre da poco proceduto all’acquisizione, insieme a Project Shop Land Spa, del 100% del sito Monclick attivo in Italia e Francia nell’e-commerce hi-tech, per 10 milioni di euro.

COLLOCAMENTO NON SCALDA GLI ISTITUZIONALI – Il debutto sul Mta è atteso il 4 aprile prossimo, ma rispetto alle indicazioni iniziali sia il prezzo, sceso a 11 euro contro i 13-16,5 euro della forchetta indicativa, sia il quantitativo di titoli, 6.363.637 azioni pari al 31,8% del capitale, contro l’intenzione manifestata di arrivare ad un flottante del 42,5%, sono risultati nettamente inferiori. La capitalizzazione di Unieuro sarà dunque inizialmente pari a soli 220 milioni (contro i 260-330 milioni ipotizzati).

AMMISSIONE STAR A RISCHIO? – La stessa ammissione al segmento Star a questo punto potrebbe essere a rischio, dato che occorrerebbe un flottante minimo pari al 35% del capitale che potrebbe essere raggiunto solo grazie all’esercizio della greenshoe concessa ai Joint Global Coordinator (Citigroup, Credit Suisse e Mediobanca) e pari al 15% delle azioni collocate e comunque non oltre 1.275.000 azioni massime, esercitabile, in tutto o in parte, entro 30 giorni dalla data di inizio delle negoziazioni delle azioni sul Mta. Chissà se il prezzo sarà sufficiente a scatenare l’appetito degli investitori retail?

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pirelli punta a tornare in borsa a ottobre

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Aramco: troppo pochi investimenti nel settore petrolifero

Facebook festeggia il quinto compleanno dalla quotazione

Avio brilla al debutto sullo Star

Borsa di Milano prudente, oggi debutta Telesia

Wall Street, è già tempo di Ipo: Snap prepara il debutto sul Nyse

Nets Holding al debutto a Copenaghen, Ipo da 4,5 miliardi di dollari

Enav, debutto col botto: +10,6%

Enav debutta coi botti a Piazza Affari

Enav debutta in borsa lunedì prossimo

Poste Italiane, altro 29,7% in borsa dopo l’estate

Industrial Stars of Italy 2, debutto in rosso sull’Aim Italia

Veneto Banca procede verso la quotazione

Arabia avvia esame possibile Ipo di Aramco

Metro Bank rafforza il capitale prima dell’Ipo

Abn Amro ritorna in borsa dal 20 novembre

Le Winx in borsa entro un paio d’anni

Poste Italiane sbarca in borsa martedì 27 ottobre

La liquidità potrebbe tentare Procter and Gamble

Ovs non brilla il giorno del debutto a Milano

Cina: troppe Ipo drenano liquidità, interviene la Banca del Popolo Cinese

Rbs: Direct Line verso un’ipo da 2,6 miliardi di sterline

Santander Mexico: un debutto in Borsa da 12,7 miliardi di euro

Santander Mexico sbarca sulle borse di New York e Città del Messico

Destinazione ipo, Compagnia della Ruota si presenta

GM, tutto pronto per l’Ipo

Agricultural Bank of China, Ipo da record

Borse – Dopo la Cina e il Brasile alla guida delle Ipo torna l’Europa

Brusca frenata per le IPO a livello globale

Crolla il mercato delle Ipo nel 2008

Ti può anche interessare

Banco Popular, non passa la paura

BANCO POPULAR CONTINUA LA CADUTA – Non c’è due senza tre? Dopo aver visto le quotazioni cro ...

Piazza Affari: la settimana si chiude in rosso

PIAZZA AFFARI ANCORA IN CALO – Settimana che si chiude in rosso per Piazza Affari, con l’ind ...

Banche in crisi: per le ex popolari venete servono più capitali privati

ANCORA PROBLEMI PER LE EX POPOLARI VENETE – Banche in crisi: i problemi sembrano non finire pe ...