Giornate di transizione

A
A
A

La giornata di ieri che, come da premesse, sarebbe dovuta essere solamente una fase di transizione ha fornito invece qualche piccolo spunto interessante.

di Redazione31 agosto 2010 | 07:00

I primi dati che abbiamo visto successivamente al meeting della Fed di venerdì, complice forse in questo caso la chiusura della piazza londinese che da sempre rappresenta una fetta importante degli scambi sul forex a livello mondale, hanno contribuito a movimentare il mercato.
Nella zona euro sono stati rilasciati una serie di indici di fiducia, Business Climate Indicator, Consumer Confidence, Zone Economic Confidence, dal tono neutrale, se non lievemente negativo, che hanno però influito sull’andamento della moneta unica, come vedremo più sotto, che fino a quel momento risultava stabile.

Dagli States abbiamo poi visto arrivare due dati, non tra i più importanti, ma comunque interessanti: parliamo dell’indice Personal Spending e Personal Income, entrambi risultati migliori delle attese (+0.2% e +0.4% su base mensile rispetto alle attese per due dati invariati a luglio rispetto al mese precedente) che graficamente sembrano aver portato ad un approfondimento del movimento di discesa dell’euro iniziato qualche ora prima.

Come dicevamo già ieri mattina però, al di la di un’agenda che contrariamente a quanto si poteva pensare è tutt’altro che ininfluente, dobbiamo cercare di interpretare al meglio le prossime giornate di trading consci del fatto che il mercato non aspetterà altro che i dati sull’occupazione di venerdì per schierarsi con forza verso l’una o l’altra direzione.

UsdJpy – Grafico giornaliero

Passiamo quindi senza indugio a ciò che ci interessa maggiormente, ovvero qualche spunto per affrontare al meglio e con profitto la giornata di trading.
L’eurodollaro ha lasciato sul terreno, da ieri mattina, una figura abbondante andando così ad interrompere il movimento di risalita iniziato la settimana scorsa e aprendo la strada a nuovi obiettivi giornalieri di supporto.

Il livello che possiamo ipotizzare valido, in qualità di supporto, è dato da 1.2585, livello di minimo dell’ultimo mese e mezzo di scambi e coincidente con il secondo pivot point giornaliero di supporto. Seppure ora ovviamente si sia allontanato, continuiamo a pensare a 1.2780, ed al più chiaro e netto 1.2910, come ai due livelli in grado di cambiare davvero le carte in tavola e farci assistere ad una veloce risalita.

Il cambio UsdJpy ha ricominciato ieri mattina una tendenza ribassista che pare avere tutte le intenzioni di riportare i prezzi a quel minimo di 83.60 di martedì scorso. Lo straordinario momento di forza dello yen (che ci ha portato indietro nel tempo a giugno 1995 e che in qualche modo, prima o poi, dovrà essere affrontato dalla BoJ e dal ministero dell’economia del Sol Levante) continua con qualche lieve flessione ma senza interruzioni.

Un grafico giornaliero non lascia molto spazio ad interpretazioni: siamo all’interno di un movimento di discesa incominciato (come ultima onda) ad inizio maggio a 95 figura e che per le prossime giornate indica in 85.80 il possibile livello di inversione. A questo livello infatti transita la trendline discendente che guida il movimento e per la prima volta da qualche mese potrebbe avvenire un superamento. Sino a che però questo non avverrà gli obiettivi sono tutti al ribasso, a ricercare minimi storici via via sempre più ambiziosi.

Complice la discesa di entrambi i cambi a cui è direttamente collegato, l’EurJpy ha lasciato sul terreno in due giornate qualcosa come 300 punti. Ci troviamo ora solamente a poco più di una figura dall’importante livello di supporto a 105.50, che ipotizziamo come più importante. Con la piazza di riferimento chiusa il cable nella seconda parte della giornata è rimasto poco scambiato all’interno di 25 punti di trading range (1.5475-1.5450).

Questa mattina alla riapertura potremmo vedere se il livello di supporto precedente, vicino al minimo del range indicato, di 1.5440 sarà considerato dagli operatori. Tuttavia, se la tendenza dovesse essere negativa, come livello più importante, a cui provare un’inversione e una tenuta, suggeriamo di considerare 1.5375, minimo di martedì scorso e dell’ultimo mese e mezzo di scambi.

Niente da fare sull’EurChf, i livelli di minimo in questo periodo non sono per nulla rispettati ed ogni tentativo di anticipazione di ripresa del trend rialzista non porta ad una strategia vincente. Anche 1.30 è saltato e nella notte abbiamo visto il nuovo minimo storico a 1.2932 (dieci figure esatte di discesa in 20 giorni, dopo il mancato tentativo di rottura definitivo di 1.40). In questo momento, più che mai, posizioni a favore di euro devono essere assunte come occasioni infragiornaliere.

::::_

Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilità per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall’uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento è soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed è previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l’accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l’esattezza e non accetta alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacità di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non è destinato alla distribuzione, o all’utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l’uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

Ti può anche interessare

4AIM Sicaf segna nuovi massimi storici a Piazza Affari

4AIM SICAF CONTINUA A VOLARE – 4Aim Sicaf sugli scudi sull’Aim Italia, dove il titolo del ...

Peugeot corre dopo acquisto Opel-Vauxhall

PEUGEOT SUI MASSIMI A 12 MESI – Peugeot in rialzo del 4% sul listino di Parigi appena sotto i ...

Piazza Affari apprezza la fusione Essilor-Luxottica

APERTURA BOOM POI FRENA – Apertura euforica alla borsa di Milano per il titolo Luxottica, che ...