Titolo da monitorare – Cobra

A
A
A

La società ha recentemente concluso un accordo di fusione per incorporazione con…

Fida di Fida30 novembre 2010 | 08:30

La società ha recentemente concluso un accordo di fusione per incorporazione con la società attiva nei servizi di gestione costi dei veicoli Drive Rent; con tale operazione il gruppo aumenta la propria gamma d’offerta. Dal punto di vista delle performance economico finanziarie i risultati principali, per i primi nove mesi dell’anno sono i seguenti: Ricavi 97,1 milioni (+31% rispetto allo stesso periodo del 2009), Ebitda 4,9 milioni ed Ebit -2,8 milioni.

In definitiva dal punto di vista reddituale l’Utile Netto è negativo -5,8 milioni (quindi esercizio temporaneamente in perdita). Ad ogni modo le perdite sono in diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2009, quindi si deve comunque parlare di ripresa. Dal punto di vista dell’analisi tecnica il titolo, durante l’esercizio, ha fatto osservare un andamento altalenante. All’inizio di luglio si era toccato un minimo a livello 1,10 euro e dopo un periodo di ripresa si era recentemente testato un altro minimo, inferiore a quello di inizio luglio, a quota 1,05.

Tale minimo si toccava a metà novembre nel pieno dell’operazione di fusione. A seguito di tale minimo, grazie alle prospettive sull’operazione considerate promettenti, il titolo ha fatto osservare un deciso rialzo. La fase attuale è di forte volatilità e l’area sulla quale il titolo si sta muovendo è quella degli 1,40 euro. In una situazione di questo tipo una strategia interessante consiste nell’attendere un ulteriore indebolimento delle quotazioni con un ingresso long al raggiungimento del livello 1,30 euro.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Corea del Nord, i mercati non credono all’escalation militare

Borse europee aprono in leggero rialzo, occhio a Bce e Fed

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

La Bank of England non usa toni da “falco”, lima le stime su Pil e paghe

Sterlina in ripresa, borse caute in attesa della Bank of England

Saudi Aramco, sarà Londra la prescelta?

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Fca prova a far ripartire i diesel negli Usa

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

Aramco: troppo pochi investimenti nel settore petrolifero

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Borse europee, una mattinata ricca di spunti operativi

Nomura: per gli investitori istituzionali la Borsa di Tokyo è destinata a salire

La BoJ non cambia idea, le borse ringraziano

Pictet AM: “Altri rialzi in vista per le borse”

Elezioni inglesi: conservatori in calo, governo in minoranza

Giornata ricca di appuntamenti per le borse europee

Qatar isolato dopo attentato londinese

Commerzbank propone prepensionamenti

Piazza Affari: indici in rosso, ma non è solo colpa della politica

Macron ha vinto, le borse perdono terreno

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Elezioni francesi, evitato il peggio per i mercati

Ti può anche interessare

Fisco e calcio, un rapporto complicato

RONALDO ACCUSATO DI EVASIONE FISCALE – Calcio e fisco non sono sempre andati d’accordo: se i ...

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

USA: CORRE L’ISM NON MANIFATTURIERO – Ancora un segnale di forza dall’economia americana: ...

Accordo Fatca, scadenza 2017 per stanare gli evasori Usa

L’accordo Fatca, operativo dal 2014, è volto a contrastare l’evasione fiscale tramite lo scambi ...