Ricerca avanzata
VENERDI - 18 aprile 2014
Home  Mercati  Di LA TUA Buro
Genesi di una bolla. Speculativa

di    Paolo Buro  (tutti i suoi articoli)

Ultimo aggiornamento : 09-03-2012 12:18

A A A
Dietro alle anomalie dei mercati molto spesso si nasconde irrazionalità

Nella storia dei mercati finanziari, fin da tempi non sospetti, si contano diversi periodi storici in cui si è assistito a un aumento considerevole e ingiustificato dei prezzi, originato da una domanda molto elevata, spesso repentina e limitata nel tempo: in alcuni casi si tratta di vere e proprie bolle speculative. La nascita di una bolla speculativa è attribuibile a tre fattori principali. Innovazione, speculazione e irrazionalità. Il caso senz’altro più incredibile fu quello dei tulipani nell’Olanda del 1600, la cosiddetta “Tulipomania o Bolla dei Tulipani”. I bulbi di tulipano, fiore introdotto in Europa nel secolo XVI, raggiunge in pochi mesi prezzi stratosferici: si pensi che il salario medio annuale ammontava all’epoca a 200-400 fiorini, mentre un bulbo raro costava circa 3.000 fiorini.

La mania aveva contagiato tutti: dai nobili ai commercianti, si firmavano contratti dappertutto, il commercio avveniva anche sulla prossima germogliatura o sui bulbi appena seminati. Ovviamente, nel giro di poco tempo e senza ragioni apparenti la tendenza si invertì: i prezzi dei tulipani crollarono repentinamente e altrettanto velocemente si diffuse il panico tra i possessori, con la volontà di vendere tutto al più presto. Molte altre ondate speculative si sono susseguite nei secoli successivi, da quella della Compagnia dei Mari del Sud nel 1700 alle ferrovie inglesi del 1800. In ogni caso la bolla che più di ogni altra ha lasciato un indelebile segno nella storia nell’economia è il crack di Wall Street del 1929.

Tra le altre ondate speculative con ripercussioni a livello globale, vanno sicuramente ricordate la grande bolla immobiliare giapponese degli anni Ottanta e la bolla speculativa della new economy e da ultimo, oggi, ci ritroviamo a dover gestire una nuova crisi dei mercati finanziari e in modo particolare dei settori immobiliare e finanziario dovuto all’insorgere della bolla sul credito. Perché molte persone, anche sagge, fanno errori nelle scelte relative ai loro investimenti? L’investitore oltre ad essere indeciso, a non avere abbastanza tempo da dedicare alla valutazione degli investimenti, a mancare di esperienza e di informazioni sufficienti, spesso utilizza un approccio euristico, ovvero delle scorciatoie mentali, dimenticandosi però della “ragione”. L’economia tradizionale basa le proprie teorie sul presupposto di un “investitore che opera nella perfetta razionalità”, l’uomo economico (homo oeconomicus), orientato a massimizzare il suo patrimonio totale futuro indipendentemente dalle circostanze di investimento o dalla sua attuale situazione finanziaria. Tuttavia nei mercati globali si manifestano delle situazioni poco spiegabili sotto l’ipotesi della razionalità perfetta, ovvero comportamenti degli investitori che sembrano mancare di razionalità in maniera sistematica.

Le bolle dei mercati finanziari sono un esempio di tutto questo, visto che la pretesa razionalità degli investitori vacilla. La vita reale ha dimostrato tuttavia che l’”investitore razionale”, freddo e decisionista, appartiene esclusivamente ad un mondo puramente teorico e che alla base del comportamento dell’investitore ci sono dinamiche di natura psicologica ed emotiva, tipici dell’”investitore irrazionale”. Conoscere e capire le anomalie comportamentali che influenzano l’atteggiamento e determinano gli insuccessi negli investimenti risulta un esercizio difficile. La finanza comportamentale (behavioral finance) è una nuova disciplina che si dedica allo studio del comportamento degli investitori poste di fronte a scelte di investimento in condizione di incertezza muovendo dai principi della psicologia cognitiva, e come questi influenzano il processo decisionale economico.

La finanza comportamentale pone al centro dell’attenzione il comportamento umano effettivamente osservato, in quanto diverso da quello indicato dai modelli quantitativi, come possibile causa delle anomalie dei mercati. Prendendo in dovuta considerazione l’irrazionalità sistematica degli investitori e dei mercati, si propone di costruire modelli economici più realistici capaci di integrare il ruolo delle emozioni e degli errore cognitivi. Attraverso una maggiore comprensione della psicologia dell’investitore, delle esigenze e delle necessità finanziarie, essa promette pertanto di fornire predizioni più accurate e quindi cogliere migliori opportunità di investimento. L’investimento in attività finanziarie (azioni, obbligazioni) o reali (case), espone l’investitore all’incertezza sui prezzi futuri “rischio”, ovvero alla paura di perdere denaro operando una distinzione tra rischi “positivi” e “negativi” rispetto ad un certo punto di riferimento.

Numerose ricerche hanno dimostrato che gli investitori considerano in modo asimmetrico guadagni e perdite, il che vuol dire, il dispiacere che si prova nel perdere una somma di denaro è maggiore del piacere per il guadagno della stessa somma. Queste osservazioni sono alla basa della cosiddetta “Prospect Theory” (Teoria del Prospetto), sviluppata da due psicologi “Daniel Kahneman e Amos Tversky” nel 1979. Per questo lavoro Kahneman ha ricevuto il premio nobel per l’Economia nel 2002 (il Prof. Tversky è deceduto nel 1996). Questa teoria individua quattro caratteristiche distintive del modo in cui gli investitori valutano le scelte di investimento discostandosi in maniera sistematica da quelle previste dalla teorica quantitativa violando le regole della razionalità:



  • .gli investitori valutano i risultati degli investimenti rispetto ad un dato punto di riferimento;
  • .gli investitori puntano ad evitare eventuali perdite rispetto a tale punto di riferimento;
  • .di fronte a una perdita, l’atteggiamento degli investitori nei confronti del rischio cambia radicalmente;
  • .in genere, gli investitori sovrastimano la probabilità di eventi improbabili.
La maggior parte degli investitori valuta ciascun investimento rispetto a un punto di riferimento. Al momento dell’acquisto dell’azione, il punto di riferimento (ancoraggio) è rappresentato dal prezzo di acquisto, ogni volta che si assiste ad un incremento del prezzo, si tende ad aumentare il punto di riferimento al prezzo più alto. Se successivamente il titolo comincia a perdere valore, si subisce una perdita rispetto a questo nuovo punto di riferimento, quindi subentra il rimpianto di non aver venduto il titolo al suo prezzo massimo e si inizia a sperare che il titolo possa ritornare su questi livelli per poter recuperare la perdita. Gli investitori sono generalmente avversi alle perdite e cercano di evitarle quanto più possibile, ma quando si trovano ad affrontare delle perdite, essi reagiscono assumendosi un rischio maggiore, talvolta con risultati disastrosi.

È stato dimostrato che gli investitori hanno spesso la tendenza a mantenere i titoli perdenti in portafoglio più a lungo dei titoli performanti (disposition effect) per evitare il rimpianto di aver venduto il titolo in perdita. Il riflesso che porta a reagire con una maggiore propensione al rischio di fronte alle perdite è rafforzato dalla tendenza a sovrastimare la probabilità degli eventi rari e a sottostimare quella di eventi frequenti. Un’analisi troppo frequente del portafoglio potrebbe enfatizzare eccessivamente le fluttuazioni a breve termine dei mercati finanziari, portando gli investitori a perdere di vista i propri obiettivi a lungo termine, questo fenomeno è definito “avversione alle perdite miopica”. Un altro aspetto riguarda l’attitudine a valutare il portafoglio investimenti a strati, cioè in modo indipendente e non in un contesto di portafoglio completo, che sarebbe invece la soluzione ideale, con riflessi importanti sulla percezione del rischio che cambia per ogni strato del portafoglio.

Nella consapevolezza che un investitore è diverso da ogni altro, per esigenze e necessità finanziarie, per elementi di natura emotiva e caratteriale, nonché per atteggiamenti ed esperienze personali che inevitabilmente influenzano le decisioni in campo finanziario, implementare una corretta pianificazione strategica di investimento oltre a richiede sicuramente una conoscenza approfondita delle dinamiche economiche e finanziarie, non può prescindere dalla conoscenza di se stessi per proteggersi contro gli errori e allo stesso tempo migliorare la performance di investimento del proprio portafoglio.


Le informazioni contenute in bluerating.com si basano su fonti ritenute attendibili, non ne possiamo tuttavia garantire l'assoluta esattezza o veridicità. Le opinioni espresse nei contributi giornalistici possono essere modificate senza preavviso e sono redatte a solo scopo informativo e non costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio. Chiunque ne faccia un uso diverso da quello per cui sono state pensate se ne assume la piena responsabilità.

Tag
buro




Commenti utenti  
 


Aggiungi il tuo commento

REGOLE E CONDIZIONI DI UTILIZZO

Accetto le regole e condizioni di utilizzo


Blue Financial Communication s.r.l. chiede ai visitatori che desiderano lasciare un commento di prendere visione delle seguenti Regole e Condizioni di utilizzo. I visitatori hanno la possibilità di commentare i contenuti di questo sito nel rispetto delle seguenti regole di comportamento. Blue Financial Communication dichiara esplicitamente di non avere il controllo diretto sulle informazioni prodotte dagli utenti in relazione ai siti, di non fornire alcuna garanzia sulla legalità, accuratezza o qualità delle medesime e di non poter essere ritenuta responsabile per ciò che concerne il contenuto e le attività svolte sui siti da parte degli utenti e non gestite o controllate direttamente da Blue Financial Communication. Nel postare/commentare contenuti inseriti nei siti, gli iscritti NON debbono:

  • • Includere frasi, immagini o video che possano offendere la comunità di internet incluse espressioni sfacciate di fanatismo, razzismo, odio o irriverenza.

  • • Rendere pubbliche informazioni personali, numeri di cellulari, e-mail, domicilio, cognome ecc.

  • • Promuovere o fornire informazioni in merito ad attività illegali, o proporre danni fisici o ingiurie ai danni di qualsiasi gruppo o individuo.

  • • Includere frasi, immagini o video per promuovere attività commerciali.

  • • Offrire in vendita qualsiasi prodotto o servizio senza l’esplicito e preventivo consenso di Blue Financial Communication.

  • • Minacciare, molestare, perseguitare o abusare di altri utenti.

  • • Propagandare o sponsorizzare prodotti e/o servizi senza l’esplicito e preventivo consenso di Blue Financial Communication.

  • • Promuovere o sollecitare qualsiasi partecipazione ad iniziative che abbiano fini esclusivamente commerciali.

  • • Trattare argomenti di carattere pornografico (immagini o testi).

  • • Trattare argomenti che possano essere non adatti a ragazzi di età inferiore ai 18 anni.

Blue Financial Communication si riserva il diritto di rimuovere dai propri siti, senza preavviso, la registrazione di utenti insieme al materiale da essi prodotto qualora venissero accertate violazioni alle regole e alle condizioni d’utilizzo del sito parte dell’utente come qui descritte, riservandosi nei casi più gravi di valutare la segnalazione delle stesse violazioni alle Autorità competenti. Nell’accettare le presenti condizioni del servizio gli utenti riconoscono la propria esclusiva responsabilità per tutto ciò che verrà dagli stessi inserito nel contesto interattivo e multimediale messo a loro disposizione da Blue Financial Communication che non è in alcun modo responsabile della condotta degli utenti che violano i termini di servizio. Qualora Blue Financial Communication fosse destinataria di azioni giudiziali su iniziativa di terze parti in merito alla condotta o alla modalità di utilizzo del servizio da parte di un iscritto ai propri servizi, questi accetta espressamente di manlevare e tenere indenne Blue Financial Communication da ogni effetto pregiudizievole connesso all'azione legale e di rimborsare ogni e qualsiasi spesa e di risarcire ogni e qualsiasi danno diretto o indiretto.


Autore
Titolo  
Commento
 
Caratteri rimasti: 1000
 
  Domanda antispam:
CQ7          Y       
9 1    E    WI    N42
DGE   5PR    N       
  G    C     F    N6K
DG5         D3R      
   

 
 
Utente
Password
Benvenuto, registrati
Iscriviti alla newsletter daily
Mail
Segnala la newsletter a un amico
Per il nostro notiziario online
Fai di Bluerating la tua homepage
TOP FUNDS
blueratingTV: i video piu' visti
IN GESTIONE
GLI ARTICOLI PIU'
Silvio Berlusconi       Barack Obama       Mario Draghi       Corrado Passera       Giulio Tremonti       Ben Bernanke       Alessandro Profumo       Bernard Madoff

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le foto presenti su www.bluerating.com sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione (indirizzo e-mail redazione@bluerating.com) che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.
Blue Financial Communication srl  |  Sede sociale: Via Melchiorre Gioia, 55 - 20124 Milano, iscritta al Registro delle Imprese di Milano.
Numero di iscrizione / P.IVA 11673170152  |  Capitale Sociale: Euro 110.000,00 i.v.
Powered by CoST - Computers Services And Technologies s.r.l.

18-04-2014 10:02:17
Website Security Test