Blueindex – Banche e gestori brillano in Borsa

A
A
A

Resta ancora negativo il confronto con l’indice delle piazze mondiali

di Redazione25 febbraio 2011 | 12:30

di Luca Praderio

 
Partito il 10 aprile del 2007 l’indice Blueindex che ritrovate ogni giorno sul sito Bluerating.com è composto da un paniere di 40 tra le maggiori istituzioni finanziarie mondiali attive nel comparto del risparmio gestito e dell’investment banking, siano esse banche, assicurazioni o gruppi finanziari, il cui peso sull’indice è ponderato in base alla capitalizzazione di mercato al netto della conversione delle diverse valute in euro (e di eventuali fattori di rettifica dovuti ad operazioni sul capitale). In questo momento, ad esempio, i titoli maggiormente rappresentati con pesi rispettivamente superiori al 13% e al 10% risultano essere due colossi come l’americana Jp Morgan e l’anglo-asiatica Hsbc, seguiti a una certa distanza da Goldman Sachs, Bnp Paribas, Credit Suisse, Ubs, Allianz, Intesa Sanpaolo e Axa, con pesi tra il 6,5% e il 4% circa. Da sole le prime cinque capitalizzazioni pesano per il 42% dell’indice, mentre in coda alla classifica gli ultimi cinque gruppi (Janus Capital, Azimut, Henderson, Banca Generali e Barclays) pesano complessivamente meno dell’1% del totale dell’indice, a conferma della progressiva concentrazione in atto nel settore che sta portando ad una netta spaccatura tra pochi “supergruppi” mondiali e tante “boutique” specializzate attive su un numero limitato di mercati o di settori d’attività. Ma più che servire a capire i rapporti di forza all’interno della grande finanza mondiale, l’idea alla base dell’indice Blueindex è quella di rappresentare in modo sintetico l’andamento del settore finanziario rispetto al più generale andamento degli indici di mercato (rappresentati da un indice in grado di sintetizzare l’andamento dei maggiori listini mondiali come l’indice MSCI World Free). Proprio dal raffronto tra l’andamento dei due indici si può infatti notare come nell’ultimo anno circa (ovvero facendo partire il raffronto dal 10 febbraio 2010) le borse siano risalite mediamente di un 21%, accelerando il passo in particolare da inizio luglio 2010 a oggi (+17,4% il bilancio di questi sette mesi e mezzo), mentre il settore finanziario, più volatile, ha risentito delle alterne voci in merito alla necessità di nuove svalutazioni e successive ricapitalizzazioni oltre che della volatilità dei mercati stessi e dallo scorso agosto ha accumulato gradualmente ritardo, solo in parte recuperato a partire da dicembre, portando a casa nel complesso un guadagno del 14,8% (di cui il 12,5% guadagnato negli ultimi due mesi e mezzo). Almeno a livello di quotazioni, dunque, il settore finanziario conferma una volatilità maggiore e una superiore sensibilità alle tensioni che in questi ultimi mesi non sono mancate, dalla crisi degli emittenti sovrani periferici alle recenti tensioni politiche in Nord Africa e Medio Oriente, tensioni che elevando il premio per il rischio richiesto dagli investitori hanno finito con l’incidere sull’attività di trading non meno che la propensione a investire dei risparmiatori in tutto il mondo, pesando in qualche caso in modo netto sui bilanci delle principali società del settore. Non deve dunque sorprendere che nonostante il continuo progresso degli indici generali alcune importanti operazioni, come l’Ipo di Banca Fideuram (Intesa Sanpaolo) o la definizione del nuovo assetto di Pioneer Investments (UniCredit) restino per ora congelate, in attesa di tempi migliori e di prospettive più certe. Prospettive da cui dipendono in ultima analisi i margini di redditività di un settore che da anni sta vivendo una fase di forte crescita della concorrenza ed erosione dei profitti per gli operatori più marginali, con la crisi finanziaria del 2008-2009 che ha agito come ulteriore elemento catalizzatore per far uscire dal mercato i gruppi meno robusti ovvero favorire la nascita di nuove partnership tra i principali competitor su base continentale.

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Ti può anche interessare

Grecia: bene il nuovo bond a 5 anni, ma la strada è ancora lunga

TASSI IN CALO PER IL NUOVO BOND – Atene è tornata sul mercato dei capitali emettendo un nuovo ...

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

A FINE MESE UN PRIMO ASSAGGIO – Agosto in piena attività per Rev, bad bank dove sono confluit ...

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

JOHN CRYAN SPERA IN TASSI PIU’ ALTI – Non è più solo la Bundesbank a premere affinchè ...