Quando la carta di credito è “smart”, la commissione è comunque certa

A
A
A

Si chiama Square ed è una nuova tecnologia destinata a rivoluzionare il mondo delle transazioni finanziarie.

di Matteo Chiamenti28 febbraio 2011 | 15:00

L’obiettivo è senza dubbio ambizioso. Un sistema per permettere l’accettazione di pagamenti con carta di credito, utilizzando come terminale uno smartphone. Basta chili di contato contante da tenere in casa per rispondere alle esigenze del tecnico di turno; d’ora in poi basta sperare che il nostro idraulico abbia investito un minimo dei suoi milionari proventi nell’acquisto di un tablet o di un telefono all’ultima moda. Già perché Square, start-up con base a San Francisco creata alla fine del 2009 da Jack Dorsey, cofondatore di Twitter insieme a Evan Williams e Biz Stone, punta a rivoluzionare il futuro delle mezzi di credito. Con l’aiuto di un programmatore, i due si sono messi all’opera un lettore magnetico in guisa di quadratino bianco (2,5 centimetri circa). A livello pratico basta collegare un piccolo quadrato al jack audio di un dispositivo Apple (iPhone, iPad o iPod Touch) o di un cellulare Android. Il sistema funziona in maniera estremamente semplice: dopo aver “strisciato” la carta, il lettore trasforma i dati magnetici in segnale elettrico; l’applicazione, a questo punto, traduce le informazioni in un file criptato e le invia ai server di Square. E’ qui, infine, che viene completata la transazione attraverso il network globale. Dato che nel mondo commerciale nulla viene creato per la gloria il sistema ha chiaramente un suo costo, nello specifico pari al il 2,75% di ogni transazione, una percentuale che comprende i guadagni dell’azienda e i rimborsi per le compagnie di carte di credito. Cari bancari state quindi tranquilli, anche se la rivoluzione dovesse prendere piede, una fetta della torta non ve la toglie nessuno.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Finanza da ridere: Monti e l’inno di Mameli

Finanza da ridere: stipendi in picchiata

Finanza da ridere: Kill Pil

Finanza da ridere: hai voluto la bce?

Finanza da ridere: uno sguardo al futuro

Finanza da ridere: ecco una frase d’altri tempi

Finanza da ridere: Monti presenta il nuovo iPil

Finanza da ridere: bagnini salvate la Grecia che annega

Finanza da ridere: cara benzina

Finanza da ridere: come investire al meglio…

Finanza da ridere: recessione fantasma…

Finanza da ridere: povero carovita…

Finanza da ridere: crollano le borse…

Finanza da ridere: la banca d’Italia…

Finanza da ridere: un lavoratore atipico…

Finanza da ridere: povera disoccupazione…

Finanza da ridere: la sintesi perfetta…

Finanza da ridere: prospettive per l’Italia…

Finanza da ridere: le nostre banche…

Finanza da ridere: quando gli spread si impennano…

Finanza da ridere: le borse affondano anche gli ideali

Finanza da ridere: oscillazioni degli indici azionari…

Finanza da ridere: l’importanza del caffè…

Finanza da ridere: la banca del Dna…

Finanza da ridere: mutui

Finanza da ridere: caro assicurazioni

Finanza da ridere: indici di Borsa

Finanza da ridere: tasse e precariato

Finanza da ridere: ideali e investimenti

Finanza da ridere: evasione fiscale…

Finanza da ridere: agevolazioni fiscali

Finanza da ridere – Astroconsuelenza

Finanza da ridere – Il cliente è in una botte di ferro

Ti può anche interessare

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

UNICREDIT PARTE BENE POI FRENA – Nuovo massimo degli ultimi 15 mesi a 17,54 euro per Unicredit ...

Banca Farmafactoring in rosso nel giorno del debutto a Piazza Affari

BANCA FARMAFACTORING STECCA AL DEBUTTO – Non è bastato un prezzo di collocamento al minimo de ...

Municchi (M&G): “Positivi sul mercato azionario”

Intervista alla deputy fund manager del fondo M&G Income Allocation, che punta a coniugare un fl ...